sabato 3 gennaio 2009

Israele/Gaza: INVASIONE!!

La scelta è fatta. Israele ha deciso il da farsi e le forze di terra stanno entrando nella striscia di Gaza: c'è poco da dire, sarà un vero e prorpio scontro casa per casa con in mezzo i civili che ne pagheranno il prezzo più alto in termini di vite perdute, feriti e massacri ....... Era necessario? Direi di no se stiamo a guardare la storia della regione che è sempre più esplosiva e che non farà che accrescere le possibilità di allargamento del conflitto stesso. Infatti non credo che il mondo arabo starà a guardare nè credo che l'Iran abbandoni Hamas ma soprattutto non credo che Siria ed Hezbollah non cerchino in qualche modo di dare manforte ai palestinesi (è inutile negarlo, Hamas ha seguito che ci piaccia o meno) magari fornendogli armi o supporto o chissà cos'altro: mai come ora la diplomazia internazionale dovrebbe lavorare per impedire lo scontro diretto ma soprattutto bisogna impedire che intere generazioni di giovani palestinesi ne aumentino le file (o entrino a far parte delle organizzazioni islamiche internazionali che definiamo terroristiche) e espandino la sua presa su quel martoriato popolo. E' chiaro che la forza militare organizzata israeliana non potrà che avere la meglio però mi chiedo: quale sarà il costo che si pagherà? E chi lo pagherà? E quanto pensiamo di andare avanti in questo modo visto che in ogni singolo paese occidentale c'è una bella fetta di popolazione che in un modo o nell'altro sostiene, anche solo per pura appartenenza alla umma musulmana, i palestinesi? E quanti di questi rischiano di entrare nel grande girone del terrorismo islamico? Come già sostenuto nel precedente post è già un'errore dare visibilità con attacchi "guidati" conto i leader islamici ma ora ci stiamo pericolosamente avvicinando, ancora una volta, a quel punto di non ritorno tanto agognato da chi vede nello scontro di civiltà la nascita del nuovo nemico da abbattare (prima era il sovietismo) dietro cui nascondere il permanere di quell'ingiusto sistema che tanto piace ai nuovi ricchi occidentali e che va sotto il nome di liberismo capitalistico entrato in crisi per eutanasia autoinflitta divorando le stesse società che lo sostengono e l'hanno applicato. Naturalmente non è detto che lo scontro sia portato fino all'estreme conseguenze prospettate (sono scenari) però una cosa è certa: le conseguenze non saranno solo immediate ma avremo diversi anni davanti a noi di incertezza non solo economica ma anche sociale e, grazie all'avveturismo occidentale che appoggia sempre più spesso acriticamente quello israeliano, anni di pericolo terroristico anche in casa nostra.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore