lunedì 24 maggio 2010

no critiche, no censure, no martini no......

In un paese dove l'evasione fiscale incide per 8 punti di pil (dico 8) e dove ognuno che può non paga le tasse, o almeno ci prova, e dove la crisi sta mordendo duramente e in nome del potere finanziario si eliminano (non solo in Italia ma ovunque in occidente ma qui non c'è opposizione e quindi fanno quello che vogliono) tutti i residui del welfare, la cosa che sembra più importante è il divieto di critica dei professori rispetto alle "iniziative" e alle "riforme" messe in atto da questo Governo (per tacere dei tagli alla scuola pubblica girati in parte alle scuole private, segnatamente cattoliche); infatti con una circolare un dirigente regionale dell'Istruzione ha ricordato ai "dipendenti" il codice di comportamento dei dipendenti pubblici e, soprattutto, a non fare critiche in pubblico sui proveddimenti del Governo in materia. Ora che i dipendenti abbiano un codice di comportamento è noto, e anche acclarato, e vi si debbono attenere e sarebbe anche cosa buona e giusta che anche la casta vi si attenesse quando esortano la gente a non pagare il canone RAI o a non pagare tasse quando, secondo un criterio personalistico, le dovessero ritenere troppo esose; ma questa è un altra storia perchè è noto che questo Governo non "tifa" per il pubblico e sta facendo di tutto affinché entri nella testa della gente che "privato è bello, meglio, e soprattutto efficiente (criterio discutibile visto che non esiste privato che realmente investa a perdere)" tenendo anche presente che chi non ha mezzi deve, solo, barcamenarsi con quello che c'è a disposizione nella scuola pubblica che è ormai ben poca cosa, anzi l'ultima trovata è quella di far iniziare, per favorire il turismo , l'apertura delle scuole al 30 settembre (perfino la Lega vi si è opposta) senza tener conto del piccolo particolare che le circolari UE vanno tutte nel senso dell'aumento dei giorni scuola per contribuire al futuro dei giovani: minimo devono essere 200 giorni di scuola. Perchè, mi chiedo, è errato che i genitori sappiano che i loro figli vanno in scuole che non sono, per massima parte, non agibili? Mi chiedo, ancora, se i genitori abbiano o meno il diritto di sapere se i loro figli vanno a non imparare a scuola ma semplicemente a parcheggiarsi, insieme ai prof, in attesa di un pezzo di carta che non ha nessun valore effettivo per il grado di preparazione ricevuto rispetto alle sfide che li attendono? E come mai se si parla di queste cose si fa "politica" mentre se si dice che va tutto bene e che siamo nel migliore dei mondi possibili non è "politica"? Se adirittura, non quei comunisti di annozero, una giornalista fra le più moderate del tg1 molla per non dover continuare a partecipare alla farsa è "politica" mentre non lo è se si sorbiamo conduttori che ci parlano di cose che sono del mondo dei sogni o giù di lì? E questa prossima manovra che dice non toglierà soldi dalle tasche è o non è politica? E da dove li prenderanno i soldi per calmare le sanguisughe dei mercati che chiedono a gran voce tagli e ritagli (oltre alle misure di facciata e retoriche si andrà a fondo nello spremere i soliti noti fannulloni e qualche taglietto a stipendi da favola)? Perchè non si può dire il precariato nella scuola è una risorsa e non un costo da eliminare? Sarebbe meglio che anziché fare "circolari" a tutela della Casta non sarebbe meglio spremere dai bilanci esigui i pochi spiccioli che ci sono e condividere le giuste aspirazioni dei giovani e delle loro famiglie per avere una scuola che non sia un parcheggio ma un luogo dove si cresce come cittadini di questo paese?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore