giovedì 8 ottobre 2009

... e il tiro si alza... volano gli insulti.

La notte non ha portato consiglio. E non poteva essere altrimenti dato che ora è scoperto e quindi dovrà occuparsi della giustizia che ha da fargli, altre, domande (c'è la prescrizione il prossimo anno ma il danno d'immagine sarebbe comunque enorme proprio perchè siamo sotto le elezioni regionali che diventano importantissime mai come ora per i destini politici non solo del Capo ma di tanto altro che ora è inutile dire). Però il piano "B" è già pronto: scommetterei che a breve uscirà qualche norma che reciterà che gli atti di un processo non potranno essere usati in altri giudizi o un'altra norma salvavita: la fantasia è smisurata. Ma per poterlo fare deve alzare il livello di scontro e tirare la fune, magari spezzarla, in modo da raggiungere alcuni obiettivi (anche se la lega e il suo capo hano dato una bella spinta alla corte e quindi dovrebbe guardarsi "dai greci che portano doni"):

  1. rinchiudere in un'angolo sia l'opposizione, a mio parere non ce n'è bisogno perchè tranne Di Pietro il resto è deserto (e nemmeno dei "tartari") arido e senza vita, che il Presidente della Repubblica;
  2. evitare "perdite" nel suo esercito di elettori (forse ci sono sbandamenti nella truppa) e tenere unite le file portando il riflettore non sul fatto, la sentenza, ma sulla politica e sul complotto a suo danno (ne ha bisogno perchè le regionali sono prossime e non ci si può permettere di perderle) in modo da far dimenticare perchè c'è stata la sentenza.
  3. visto che è possibile che anche il provvedimento d'emergenza probabilmente già pronto in qualche commissione finisca davanti la Corte Costituzionale, e la sua giurisprudenza è chiara ormai, è possibilissimo che anche questo provvedimento venga dichiarato "incostituzionale"; diventa necessario che l'organo costituzionale, se non si dovesse piegare, dev'essere delegittimato e qui ci sono lavori in corso come ben si legge in questi giorni;
  4. Quando metti l'elmetto e vai alla guerra senza prigionieri è chiaro che non puoi andare per il sottile con nessuno; è triste non tanto sentire insulti, tali sono, ad una Onorevole dell'opposizione, ormai vista la concezione velinara altrimenti non potrebbe essere, ma che (a parte la difesa di qualche collega di partito) le donne tacciono ...... mentre ci fu un sommovimento quando Grillo le insultò ora tutte zitte, come mai? Dove sono? Anche loro sono anestetizzate? Non dico a protestare in piazza ma almeno dichiarazioni ecc. ed invece poco o nulla. Nessuna. Forse che essendo sotto elezioni contano di più quest'ultime? O forse conta di più l'ordine di scuderia di fare quadrato?
    Quante domande affollano la mente dei cittadini di questo paese che vede sempre di più un clima di guerra civile e di divisione non per motivi ideologici, come accadeva nella prima repubblica, ma solo per fini "politici" e per farlo non si esita ad evocare proprio quei complotti che fino a qualche giorno prima si imputava ad altri non meglio identificati "poteri forti" interni ed internazionali per scalzarlo. A mio parere tutto ciò non dà fin da ora un'immagine buona all'estero e rischia di allontanare ancora di più i cittadini dalla politica attiva: e questo sicuramente non è, e non sarà, un bene per il paese.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore