venerdì 15 gennaio 2010

datece Obama....

Sarà retorica... sarà che finisce come per la riforma sanitaria (il classico modello della montagna che partorisce il topolino); sarà che lì, per quanto sia una società che ha un ceto oscenamente ricco e una moltitudine che nelle sue protuberanze più basse non ha nulla da invidiare ai paesi del terzo e del quarto mondo... e perfino un'appartenente ad un'aristocrazia, per quanto cooptato, come Obama non può nascondersi dietro la prosopopea solita dei democrats, americani o nostrani non fa nessuna differenza, della colpa del ricco di essere tale ecc. perchè tutto ciò serve solo ad autoassolversi e a fregare chi li vota. In realtà in quel paese sta avvenendo la solita mossa delle tre carte pro domo sua dei ceti ricchi che continuano ad essere tali... perchè sta tirata? Perchè il Presidente americano ha dichiarato, e in teoria ha ragione, che i soldi che lo stato americano ha tirato fuori per salvare le banche dovranno essere in qualche modo resituiti: attraverso una "tassa sulla responsabilità" che dovrebbe incidere sulle banche e sui loro bilanci (soprattutto per bilanciare le oscene retribuzioni che i CEO delle stesse si stanno staccando mentre un'enorme fetta del paese è ridotta alla fame). Già se ci riuscisse ad imporla recuperando la metà di quanto i responsabili della crisi hanno pompato dallo Stato sarebbe una bella scommessa vinta... in realtà, dopo la propaganda repubblicana, se riuscirà a far approvare il provvedimento sarà già un miracolo. E' uno strano paese l'america: capace delle peggiori nefandezze ma anche di portare ai massimi livelli la capacità di essere presente nella vita sociale anche se molto dipende da chi lo guida. E da noi? Ce lo vedete Berlusconi o Prodi dire alla FIAT che visti soldi dati nei decenni dallo Stato ad un privato ora verrà imposta una tassa a questa azienda per non aver corrisposto ai desiderata e agli accordi sottoscritti?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore