venerdì 15 ottobre 2010

tralasciamo....siamo brava gente

Ricordate? Siamo brava gente. Non facciamo mai mancare l'aiuto ai poveri; non ci evitiamo di dare fondo alle tasche per donare durante telethon; chiunque s'affaccia in tv e ci dice che c'é la tal o la talaltra onlus che aiuta qualcuno c'é sempre qualcuno di noi che corre in banca, magari alla cassetta di sicurezza appena appena condonata con lo scudo fiscale, e versa copiosamente alla suddetta senza se e senza ma; insomma siamo dei fiori di virtù, vero? C'é un ma, un piccolo ma: questo ci serve a salvarci l'anima e la faccia e a giustificare tutto e tutti perché in realtà abbiamo un anima meschinamente nerissima; noi in realtà siamo altro. Tralasciamo i "problemucci (indagato a Roma per frode fiscale da dieci milioni di euro commessa negli anni 2003-2004, sti comunisti non mollano mai mannaggia)" dell'amato Capo, e dell'altrettanta amata prole, che ormai sono come le feste comandate ossia ritornano a cadenza stabilita e non ci si fa più nemmeno caso aspettando che arrivino e passino come le altre (o dovremmo dire in attesa che l'ennesima leggina faccia il "tana libera tutti); tralasciamo il non trascurabile problema di un paese che va a rotoli perché questa maggioranza (e parte dell'opposizione, il pdmenoelle) é incapace di varare provvedimenti che intacchino lo zoccolo duro dell'evasione fiscale e contributiva (che stranamente coincide con buona parte dello zoccolo elettorale quindi figurati se si impiccano da soli con provvedimenti non graditi ad esso), tanto ormai l'amaro calice va bevuto fino in fondo da parte di chi le paga tutte le tasse dalla prima all'ultima e a fronte di una situazione che, in altri tempi, ci avrebbe dovuto (disoccupazione al 9% ufficiale; inflazione reale oltre il 5%, consumi giù ecc.) vedere tutti in piazza domani ma non per appoggiare questo o quel sindacato ma, al di là delle proprie opinioni politiche, a protestare contro l'iniquità sociale e l'incapacità dei politici di risolvere i problemi che la parte sana del paese ha da affrontare e da solo per giunta; tralasciamo la commedia dell'arte continua a cui dobbiamo assistere tutti i giorni (il miglior e più detestato reality che potessero mettere su) dove gli spettatori, noi, sono costretti ad assistere senza poter né fischiare né applaudire le tarante suonate e ballate dalla classe parassitaria, e affini, che si é arrogata il compito, immagino arduo, di "guidare" il paese verso la felicità e il benessere (loro, nostro non credo) autoeleggendosi "migliori" e pretendendo, da noi, che dobbiamo competere per "ascendere" al loro paradiso per pochi; tralasciamo pure che con questi ennesimi tagli é probabilissimo che soldi per pagare gli stipendi non ce ne saranno proprio, nei prossimi mesi, per i dipendenti pubblici (oltre che per tutte quelle altre attività che normalmente fa uno Stato serio); tralasciamo anche l'ennesima fregatura, questo é, data ai precari con la bocciatura per mancanza di copertura finanziaria (guarda caso proprio su questo provvedimento non si é fatto nessuno sforzo ulteriore per trovarla mentre invece si trovano soldi per aerei da combattimento, di cui non abbiamo bisogno, e per mandare i nostri soldati a guerreggiare sul serio in Afghanistan e non a fare i pacifisti come hanno scoperto quelli di wikileaks e dato all'Espresso) del provvedimento promesso a loro mesi fa che avrebbe sanato l'ingiustizia della loro espulsione in massa dalla scuola e dall'univeristà: tralasciamo tutto (tanto ormai ci siamo abituati al ruolo di pecore allo sbando senza alcuna guida e protezione perché i cani da guardia e i lupi si sono alleati fra loro) ....ma almeno qualcuno mi vuole chiarire che diavolo c'azzecca l'ennesima storia, venuta oggi agli onori delle cronache, del videogame sparatutto che si vuole proibire nel nostro paese perché, parlando di enduring freedom, darebbe un immagine "non consona" di quell'avventura militare? Premetto che ho tutta la serie di medal of honour e non mi pare che siano sanguinari o istiganti odio, sono giochi e vanno presi per quello che sono. Strano invece che proprio questa versione crei preoccupazione, come mai? Forse perché mette il dito nella piaga della durezza e violenza di una guerra, reale purtroppo, vista attraverso un gioco che potrebbe far riflettere su cose sulle quali é meglio che la gente non rifletta? Ha ragione Santoro: non dobbiamo sorbirci per forza la marmellata che ci propinano, quindi il sospetto che sia una montatura di chi ha la coda di paglia e cerchi di lavarsela è forte..... via é un gioco e gli stiamo facendo pubblicità gratuita!!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore