martedì 9 luglio 2013

Bergoglio: 20.000 motivi per piangere....

Che fosse, per il tipo cui siamo abituati, "anomalo" s'era capito... ma che Bergoglio sapesse dire,e di conseguenza fare, con immedfiatezza quello che a nessuno di noi, pur sapendolo, è permesso dire, questo no ..... nel puro stile francescano, cui si richiama, ha detto in semplicità la cosa che dovremmo dire tutti, se l'avessimo una coscienza ..... e per giunta senza farci abbindolare dalla propaganda razzista di certa parte: infatti basta andare sui loro forum per capire che sono cristiani a parole ma non hanno nulla del messaggio "originario" cui il sostantivo si richiama: quel messia che per chi è credente è il faro del proprio essere ed agire e che troppo spesso fa da paravento ad altro ..... non si può tollerare, in un paese che è stato culla della cultura, cosiddetta, giudaico-cristiana e base del pensiero occidentale, che una lingua di mare nasconda un numero così alto di vittime del "muro" che abbiamo eretto per fermarli. Certo problemi ce ne sono eccome: emarginati spesso ricadono nei delitti e nel crimine, nessuno se lo nasconde quest'aspetto ma non possiamo dimenticare che anche noi siamo stati emigranti, 50 mln di persone sparse per il mondo, e che anche noi dove siamo arrivati abbiamo si dato il nostro contributo ma .. abbiamo anche portato i nostri, come dire, "disvalori" come la mafia ad esempio.... però ce lo nascondiamo: ci paice pensare ai tanti poliziotti, politici, medici, ecc. di origine italiana che hanno illustrato il paese che li ha ospitati, ci fa comodo pensarlo... da bravi smemorati ricordiamo i secondo ma il primo lo nascondiamo sotto il tappeto.
Come non fare un parallelo con gli immigranti che arrivano qui?
Ci tornano comodo certo: fanno mestieri e lavori che non facciamo più; costano meno; non ci sono contributi nè tasse da pagare e ... se fanno i cattivi un calcio nel sedere e via avanti i prossimi, che certo non mancano.. ce n'è a iosa, vero?
E' questo il messaggio ultimo di Bergoglio: chi lo è stato, lui stesso è figlio di immigranti, non deve dimenticare mai.... perchè per ogni immigrante che arriva ce ne sono di nostri che partono in un modo o nell'altro. Non mi ha sorpreso la risposta di chi ha detto che predicare è una cosa "governare" è un altra, no non mi ha sorpreso.. mi sorprende che ci siano persone che li votano pur dichiarandosi "credenti"..
L'esempio non dev'essere il modello usa ma quello integrativo applicato da molti paesi: bisogna capire che non scappano per stare peggio ma per sfuggire a cose che noi oggi sentiamo raccontare da padri e nonni ma che in un prossimo futuro potremmo conoscere di nuovo se la crisi non si risolve.. e non si risolverà, lo sappiamo...
preferiamo, invece, rifarci delle nostre frustrazioni su di loro, sui nuovi poveri che arrivano copiosi sulle nostre coste: ci torna comodo perchè quel famoso "stivale che calpesta la faccia (di orwelliana memoria)" stavolta non è su di noi, ma su altri... e ci fa sentir bene questa cosa: non siamo ultimi, una volta tanto...
Bergoglio ha ragione: la globalizzaizone dell'indifferenza va combattuta e battuta... ma non come fenomeno a se ma come parte di un più grande fenomeno che va sotto il nome di libero mercato globalizzato senza confini e senza regole se non quella del profitto, dei bassi costi, dei lavoro schiavizzato e del lumpenproletariat di riserva che preme alle frontiere ..... quando capiremo che il problema è questo saremo già a metà strada: certo non possiao fare da soli.. ci vorrebbe una onda di indignazione planetaria, am per questo, Bergoglio, ci sta lavorando, spero.....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore