mercoledì 19 marzo 2014

F35 – “La banalità del bene” di Gino Strada


Che cosa fareste con 50mila euro? La Nato sa bene come spenderli: è il costo di una sola bomba GBU- 31, una delle decine di bombe che ogni notte vengono sganciate in Afghanistan.
Anche Emergency sa bene come spenderli: negli scorsi mesi, con quei soldi, abbiamo costruito e equipaggiato due posti di primo soccorso nel sud dell’Afghanistan, che lavorano a pieno ritmo per curare le vittime di attentati, combattimenti e bombe GBU 31.
Come è meglio spendere 50mila euro, per distruggere o per curare? Noi non abbiamo dubbi. Dal 1999 lavoriamo in Afghanistan, dove abbiamo curato più di due milioni di persone.
E sapete quanto abbiamo speso, in quel Paese, negli ultimi dieci anni? Quello che l’Italia spende in 60 ore diguerra. Una guerra schifosa, una guerra che non abbiamo nemmeno il coraggio di chiamare con il suo nome.
Una guerra che i cittadini sono stati costretti a finanziare: ci hanno sfilato i soldi dalle tasche, usando le nostre tasse per tenere l’Italia in guerra, alla faccia dell’articolo 11 della nostra Costituzione.
Una guerra che, ci hanno detto, avrebbe portato pace, democrazia, diritti. Balle. Nei nostri Centri chirurgici per vittime di guerra, i feriti continuano ad aumentare ogni anno. Zone sempre piú ampie del Paese sfuggono a ogni controllo del governo centrale. In dieci anni, secondo le Nazioni Unite, è diminuita l’aspettativa di vita dei cittadini afgfani, mentre il resto è aumentato: i feriti, i mutilati, l’analfabetismo, la mortalità materna, quella infantile.
Dove sono i diritti? Dov’è la pace? Dov’è la democrazia? E che cosa sarebbe successo, invece, se i soldi che ci hanno rubato per fare la guerra fossero stati investiti in ospedali, scuole, strade, posti di lavoro? Forse avrebbero portato, questa volta per davvero, la pace, la democrazia, i diritti.
Ma la guerra, e lo sperpero dei nostri soldi, non è solo un problema “di là”, oltre l’oceano. È anche qui. Voi come spendereste 14 miliardi di euro? L’Italia lo sa bene: con i soldi delle nostre tasse, compra 131 cacciabombardieri. Chissà come si intende far fruttare l’investimento. Chissà chi abbiamointenzione di bombardare.
Anche Emergency saprebbe come spendere quella immensa massa di soldi: ospedali pubblici puliti e efficienti. Scuole pubbliche di qualità. Pensioni dignitose. Posti di lavoro per i precari. Banale, eh? Molto banale, lo ammetto. Ma sono sicuro che i cittadini italiani, tra un cacciabombardiere e un ospedale, tra un missile subacqueo e un insegnante di sostegno, tra un mortaio e un asilo nido, sceglierebbero la banalità.
IL MALE di Vauro e Vincino 11 del 16/11/2011
p.s.
  1. prima che mi dite che è vecchio come articolo vi prevengo: lo so ma lo ritengo attualissimo.....
  2. la statura morale di Gino Strada è tale, un gigante rispetto ai nani politici e ai loro sodali, che lo pongono al di sopra delle pochezze italiote;
  3. mai come ora gli F35 sono il simbolo di un italietta che speravamo esserci messa alle spalle e che invece, grazie ai vari governucoli dal '92 in poi, è riapparsa in tutto il suo splendore... sapeste i discorsi che sento in treno, da mettersi con le mani nei capelli: siamo con le pezze al sedere e molti parlano di "orgoglio" e di "onore"...... è vero che ci rimangono solo le parole ormai, ma proprio queste due devono andare per la maggiore?
  4. il blo è mio e ci metto quello che mi piace a chi non dovesse piacere ce ne sono altri.....
  5. Hannah Arendt aveva ragione.. il male è banale, ma attrae e piace perchè la via più breve è sempre la più facile
  6. siamo sempre alle solite: ci piace spararle grosse senza sapere...... Strada la guerra l'ha vista dalla parte peggiore e dovremmo ascoltarlo.
buona notte e sogni d'oro
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore