giovedì 23 ottobre 2014

Essere folli essere affamati....

Facciamo un esempio di manipolazione di massa; tesi: attentato in canada compiuto da canadesi islamizzati; antitesi: rabbia, paura, sconcerto dei cittadini che chiedono protezione e maggior sicurezza; sintesi: il governo rassicura ma pone l'accento sul maggior controllo necessario non solo alle frontiere ma anche al proprio interno ...... quel nemico interno che ha assassinato un soldato e sparato nella casa della democrazia canadese, il parlamento. Come andrà a finire? Semplice: leggi restrittive delle libertà e maggior controllo dei propri cittadini, islamici e non, visti come potenziali "nemici" e sottoposti a maggiori controlli, a loro insaputa o meno non conta, e attenzioni. In una volta sola la democrazia riceve due durissimi colpi: uno dai terroristi l'altro dai governi. E' sempre stato così? Si ma a volte la storia si contorce: prendiamo l'episodio del Golfo del Tonchino (l'avvenimento che fu la goccia che fece traboccare il vaso spingendo gli americani a scendere in campo in vietnam).. una nave attaccata da un non meglio identificato gruppo di navi nordvientamite... ebbene l'attacco non vi fu e mai si è chiarito cosa sia davvero accaduto ma la cosa interessante e che la nave americana non subì alcun danno mentre quelle "nordvietnamite", si..... eccome.
Altro esempio: le torri gemelle. Non solo la loro caduta, che ricorda molto l'implosione controllata dei palazzi, ma anche non è stato mai chiarito come mai i vari alert, anche dei russi, non furono presi in considerazioni, zero; per tacere che "proprio quel giorno" un esercitazione aveva spostato ai confini del canada l'intera difesa aerea americana e i radar e i satelliti erano in "test" ossia il personale e i computer non dovevano tener conto di quanto vedevano perchè era tutto falso..... nota a margine: alcuni attentatori, ricercati ovunque, sopravvissuti sono... ancora vivi e vegeti e non si sono mai mossi dai loro paesi: eppure il teletrasporto non è ancora inventato e non credo avessero il dono dell'ubiquità!
Mi chiedo:
  1.  se è mai possibile che due paesi come gli USA e il Canada nulla sapessero di quanto stava per accadere a Ottawa; ossia che non tenessero il lungo occhio dei serivizi segreti sui gruppi locali islamici?
  2.  se è credibile che una banda di islamici possa arrivare armata nel centro di una capitale senza che nessuna telecamera veda cos'accade?
Non ci credo.... ricordate come ho cominciato il post? Come faccio a spostare l'attenzione dai miei obiettivi? Creando un problema, aspettando la reazione, proponendo una soluzione. Nel frattempo se ci sono degli utili idioti, cito dai fratelli karamazov, che mi fanno il lavoro sporco perchè fermarli? Evitano a me di dovermi assumere dei rischi e addestrare cecchini e assassini e mi aprono la strada al raggiungimento dei miei primari obiettivi senza colpo ferire e senza spendere nemmeno un cent; prego facciano pure..... c'è un saggio di svariate centinaia di pagine dal titolo "la fabbrica del terrore" di un certo Tarpley che di sicuro è un complottista, un essere abbietto che specula e fa inutile allarmismo  (in realtà ha una sfilza di master e una laurea summa cum laude, mica male per un complottista laurearsi a  Princeton) ecc. eppure se lo si legge senza tabù una cosa risalta: ogni volta che c'è stato qualcosa di efferato nella storia del mondo, in particolare quello occidentale, se si va a scavare a fondo si trova sempre una manina che ha fatto la "cosa giusta" spingendo l'idiota di turno a farla quella "cosa" e cambiando completamente il corso della storia..... sempre. Peccato che si sappia sempre a posteriori, vero? La storia è il racconto del passato fatto da uomni e quando non è mistificata e/o piegata ai voleri dei potenti ci dice quello che con il senno di poi appare evidente e che in realtà al momento ci sembrava folle solo pensarlo.... pensate quello che volete o come volete ma fatelo sempre con la vostra testa, dice il saggio ninograg1, perchè solo così vedrete la trave che vi sta arrivando addosso e non il dito che, per un gioco di prospettive, la copre!
Ora il punto è: il sistema uscito dalla seconda guerra mondiale (con annesse costituzioni democratiche) è "obsoleto", antico e non "risponde più alle esigenze dei mercati" (lo disse il capo della Goldman Sachs); va riformato..... come? Per le vie legali è praticamente impossibile perchè in sè nessuno rinuncerebbe alla propria libertà volontariamente per inginocchiarsi a degli uomini d'affari bravissimi a rubare i soldi altrui ma incapaci anche di mettere una firma sotto una autocertificazione, giusto? Quindi come si fa? Si crea il mostro da odiare...... ed ecco pronti lì, sotto un bel riflettore, che si accende al momento gusto, un gruppo di terroisti che sparano nel centro di Ottawa oppure un altro gruppo che, ancora non si è capito come, con due aerei (quelli che c'erano su quell'aereo) tirano giù due colossi, le torri gemelle, brevettati per resistere a ben altro. Una volta creato il problema che accade dopo? Esattamente quello che è accaduto dopo il 2001  (attacco all'iraq, che non c'entrava nulla ma il petrolio fa sempre gola si sa; attacco all'afghanistan il cui regime si offrì di consegnare Bin Laden, con cui i Bush facevano da sempre affari, ma astiosamente la cosa fu rifutata) e c'è da giurarci, accadrà anche oggi..... il salto nella democrazia "autoritaria" è semplice e facile  e da lì in un governo che di democratico non ha più nulla direi che è semplicemente logico: ci vuole ancora qualche colpetto ma ci arrivano..... ricordatevi sempre che oggi sono "i mercati" che dettano l'agenda ai democratici governi le cui fila sono, peraltro, ampiamente infiltrate da esponenti che provengono proprio dal .... mercato.
Liscio come l'olio!
Sapete qual'è uno dei pilastri del libero mercato? La teoria dei giochi (l'analisi delle decisioni individuali in situazioni di interazione con altri soggetti rivali (due o più), tali per cui le decisioni di uno possono influire sui risultati conseguibili dall'altro/i secondo un meccanismo di retroazione, e finalizzate al massimo guadagno del soggetto)... si proprio quella: per loro è un "gioco", tutto qui: uno scomette su una cosa e poi vince o perde ma più spesso vince perchè poi ha propri servi e sodali che fanno di tutto affinchè la scommessa vada in porto e così è per il terrorismo e per le crisi indotte ecc. è un gioco.
Ogni volta che osservo questi processi mi viene in mente una frase di uno storico che oggi non va più per la maggiore ma che, secondo me, c'ha visto giusto: A. J. Toynbee; ecco la frase che spero vi faccia riflettere...."Le civiltà declinano quando i loro leader smettono di rispondere creativamente, e le civiltà sprofondano a causa del nazionalismo, del militarismo e della tirannia di minoranze dispotiche" e, soprattutto, ancora "le civiltà muoiono per suicidio, non per assassinio" ehm dice nulla? A me molto spero anche a voi......
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore