mercoledì 26 novembre 2014

REPRESSIONE USA / L’America brucia dopo il caso Ferguson e l’assoluzione dell’assassino di Mike Brown

Fonte: identità insorgenti
Storie di repressione mondiale, storie di repressione impunita. E così l’America, dopo l’assoluzione dell’agente Darren Wilson, brucia: non ci sarebbero, secondo il Gran Giurì,  prove sufficienti per incriminare o mandare sotto processo  l’agente che in agosto uccise il giovane afro-americano Michael Brown a Ferguson, Missouri.
Stanotte in molte città americana è scoppiata la protesta non appena il procuratore Robert McCulloch ha comunicato il verdetto del Gran Giurì. Un poliziotto è stato ferito a colpi di pistola a University City, sobborgo di St. Louis, vicino Ferguson, dove sono in corso violente proteste.  Anche a New York il caos: il ponte di Brooklyn, quello di Manhattan sono stati chiusi al traffico a New York dai manifestanti scesi in strada. Almeno uno dei manifestanti che hanno bloccato i tre ponti di New York è stato arrestato. I manifestanti hanno bloccato la superstrada 110, che, da Pasadena a Long Beach, attraversa Los Angeles.
Nelle immagini trasmesse dalle reti Usa si vedono decine di persone in mezzo alle corsie, molte stese per terra. Una lunga notte piena di tensione tra manifestanti e polizia, soprattutto a Ferguson: la polizia ha creato un cordone ed ha iniziato ad avanzare lanciando lacrimogeni e altri ordigni per disperdere i manifestanti. In fiamme anche alcune vetture e alcuni negozi.
Almeno 29 persone sono state arrestate, ha detto il capo della polizia locale Jon Belmar in una conferenza stampa. Non ci sono state vittime ma decine di edifici sono state incendiati.
Certo che la reazione alla repressione razzista non deve soprendere, anzi: la repressione in atto non riguarda solo Ferguson ma in generale molti paesi anche Europei, italia inclusa. Reagire e non subire a questo punto è un valore. Anche davanti alla Casa Bianca si sono svolte manifestazioni contro il razzismo e il terrorismo della polizia.
“Il nostro Paese è bastato sullo Stato di diritto e dobbiamo accettare il fatto che questa è stata una decisione del Gran giurì”, ha detto il presidente americano Barack Obama, intervenuto a sorpresa in diretta tv, che ha invitato i manifestanti a protestare pacificamente e invitando la polizia a “mostrare moderazione”. “Non ci sono scuse per la violenza. I progressi non si fanno lanciando bottiglie”, ha proseguito il presidente per poi sottolienare che quella di Ferguson sia “una questione che riguarda tutta l’America, una questione reale”. “C’è una profonda sfiducia tra la polizia e la comunità afroamericana. E questa – ha aggiunto – è l’eredità di una lunga storia di discriminazione nel nostro Paese. E’ necessario riconoscere come la situazione di Ferguson parla all’intero Paese e mostra le più ampie sfide che noi ancora affrontiamo come nazione”.
Ma a New York, a Seattle, Los Angeles, Chicago, Cleveland, Oklahoma City, Oakland e Pittsburg, le proteste contro la repressione delle forze dell’ordine continuano…
Ecco, pensando a Davide Bifolco e ad altre vicende italiane, ci viene un po’ da piangere e addirittura nutriamo un po’ di invidia per un popolo che si ribella e non ci sta e che reagisce alla repressione.
p.s.
alcuni dati: almeno una trentina dei padri fondatori degli USA erano massoni; un terzo dei presidenti usa.. pure; molti di loro sono stati uccisi. Il sistema politico è di stampo liberale puro appena sporcato di democrazia con un sistema elettorale censuario (ti iscrivi e paghi per votare ma puoi essere cancellato se non sei ritenuto "valido") con un complicatissimo meotodo di elezione del Capo dello Stato; sono uno stato federale, una cosa positiva, con un validissimo sistema di contrappesi sia fra la parte federale e la periferia sia fra esecutivo e legislativo; hanno una banca centrale ... privata (la FED non è pubblica); sono il centro mondiale della finanza... soprattutto quella di rapina; hanno oltre 50 mln di veri poveri e altrettanti sul limite.. un vero modello da imitare qui in europa senza nessun sistema serio di aiuto pubblico tranne i medicare ecc. tutto il resto lo hai solo se hai una assicurazione sanitaria privata (la stessa che vogliono introdurre qui); in costituzione è prevista la libertà, si fa per dire, di stampa e la possibilità di auto difendersi con le armi. E sono solo alcuni esempi!!!!
Vi piacerebbe vivere lì? A me no.. non mi meraviglia che tutto quanto accade lì da l'idea di una maionese impazzita: qui ci stiamo lavorando ma possiamo, ancora, tornare indietro..
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore