domenica 14 giugno 2015

.. e se lo dice il New York times

già. Oltre alle truppe speciali, che da oltre un anno ormai, che vi operano gli USA hanno dislocato circa 5 mila uomini e mezzi, anche corazzati, in Ucraina (sorvoliamo per ora il dispiegamento nato ai confini russi con truppe rumene, e di altri paesi dell'est ecc.) come "deterrente" all'invasione (un termine di moda di questi tempi) russa..... invasione? Qualcuno sa qualcosa che qui ci sfugge? A me pare di no.... Fin da piazza maidan forze oscure hanno lavorato per arrviare a questo punto: cecchini che sparavano sia sulla polizia che sui manifestanti; elezioni a go go per far vincere un candidato, putntualmente corrotto, occidentale mentre, dopo qualche mese vinceva quello russo e la giostra ricomciava; insomma un bailamme tale che il povero, e disinformato, osservatore occidentale non ci si sapeva più raccapezzare...... e i media hanno il loro bel da fare a faro restare così com'è: è facile mettere sott'accusa l'orso russo, sia perchè dopo Eltsin la Russia era terra di conquista per l'occidente sia perchè i russi, e questo gli occidentali non l'hanno mai capito, sono nazionalisti e quindi, caduto l'impero societico, prima o poi un segnale di orgoglio nazionale andava messo in conto e puntualmente c'è stato con putin: piaccia o meno il ras russo è il risultato della predazione occidentale avvenuta dopo la caduta del muro di berlino: non poteva essere altrimenti perchè, ma questo facciamo finta sempre di non capirlo, nonsasppiamo misurare lo "spirito animale" del capitalismo che ha come suo fine non la libertà ma la repdazione delle nazioni sottomesse..... e non ci facciamo scrupoli nel farlo. Accade così: nel terzo mondo con il braccio armato del FMI; in asia con le ex tigri asiatiche; accade cos' nel mediooriente dove non ci facciamo scrupoli a finanziare i tagliagole dell'Isis (prima, quando dovevano fare da pressione sugli sciiti irakeni o combattere contro Bashar el assad.... erano patrioti ora sono criminali della perggiore specie: in realtà son figli nostri sia dal punto di vista militare che, udite udite, geografico eprchè l'enorme maggioranza di questi combattenti sono nati all'obra delle democrazie occidentali: FRancia, Usa, UK, ecc. ossia hanno assaporato il bello delle periferie degradate del mondo occidentale e si sono aggrappati all'idea dell'islam radicale, in mancanza di meglio ...... il punto è che sono strumenti inconsapevoli di un pericolosissimo gioco di ruolo messo su proprio dagli occidentali, poveracci... saranno schiacciati come sardine!!!!); in europa (grecia docet).. poteva essere altrimenti con l'ex nemico ora caduto, si riteneva, in disgrazia? No, anzi lì si doveva oltre che lasciare il segno anche impedire che la russia rialzasse la testa: ed hanno sbagliato.. calcoli, idee, ecc. e infatti la reazione c'è stata e il nuovo zar è apparso come un ancora di salvezza per chi sperava di scrollarsi di dosso il cappio, peraltro riuscendovi.... ecco: anche la russia è "nostra" figlia: osì com'è l'abbiamo creata noi e ora ci godiamo i frutti del nostro lavoro.
Non illudiamoci: anche se il bubbone ucraino dovesse sgonfiarsi c'è già pronta la macedonia; e se anche la macedonia si sgonfia c'è il baltico o il pasasggio a nordovest con lo scioglimento dei ghiacci dove i russi, secondo me a giusta ragione, rivendicano i propri diritti di prelazione. C'è poi la "variante" Cina: per ora la tensione nel pacifico è già altissima per la compresenza in poche migliaia di km quadrati di almeno tre potenze (cina, usa, india) e la scintilla potrebe scoccare in qualunque momento... molto dipenderà, però, se gli usa vorranno essere così carini di ammettere lo yuan nel paniere del FMI: se si forse il pacifico sarà meno agitato; contrario invece..... non potrà che aumentare e spingere i cinesi a dar vita al trattato di mutua assistenza e difesa reciproca proprio con la russia il che  metterebbe in campo uno scenario che tutti pensavamo esserci messo alle spalle: una terza guerra mondiale a questo punto sarebbe inevitabile perchè nessuno a quel punto pensa minimamente a rimetterci la faccia e a buttare nel cestino la ricerca e il finanziamento di tante armi di struzione di massa che sono negli arsenali: per tacere degli enormi interessi della finanza che vi ha investito. Quello della finanza è un aspetto poco indagato, chissà perchè: quel che si sa è che da anni ha da ridire sui, stavolta, propri soldi persi dopo l'arrivo di putin al potere perchè pensavano che ormai la nazione era piegata e invece se la son vista sfuggire dalle mani e riprendere il proprio ruolo nello scacchiere internazionale.... ha ragione chi dice che mai come ora i ruoli di "buono" e di "cattivo" sono confusi a tal punto da creare un viluppo inestricabile, un nodo gordiano che solo una spada (la guerra?) potrà recidere perchè nessuno osa nemmeno pensare di sciogliere per il semplice motivo che la verità che potrebbe venire fuori ci potrebbe non piacere: ossia che siamo noi l'impero del male; siamo noi che abbiamo sempre tirato la pietra e nascosto la mano; siamo noi, infine, che provochiamo colpi di stato, pacifici o meno non conta, e rivoluzioni (e che troppo spesso ci si ritorcono contro). Il punto rimane sempre quello: la caduta del muro di berlino è veramente stata l'alba di una speranza o qualcuno aveva già messo in conto che non sarebbe durata per il semplice motivo che NON DOVEVA DURARE?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore