lunedì 1 febbraio 2016

Family day: la carica dei 70 (mila?)

Ormai è accalarato: sono in  70 mila i difensori della famiglia nel nostro paese. Hanno voglia a parlare sui media e in politica, i numero parlano chiaro, pochissimi erano gli aderenti (forse anche meno secondo molti). Un pessimo segnale per i loro referenti politici, di cui molti presenti alla manifestazione, che contavano su una maggiore partecipazione per usarla come una clava contro il governo e i parlamentari. In un paese ufficiale realmente rappresentativo della società la cosa non avrebbe spostato di una virgola il problema ma c'è da scometterci che non sarà così, anzi ci i pontieri sono già al lavoro per evitare future sorprese perchè, malgrado tutto, ci potete scommettere che conseguenze ci saranno: si sa che sono molto poco sportivi e non sanno perdere anche perchè da un lato Oltretevere e dall'altro l'ideologia vetusta di cui sono portatori gli impediscono di accedere a qualcosa di meno di quello che hanno in mente.....  Qui il problema vero non è affatto il "problema" coppie di fatto ma l'idea, molto presuntuosa e pretestuosa, di dover mettere bocca anche in cosa che nulla hanno a che fare con la fede ma molto a che fare con una materia tipica delle società democratiche: i diritti naturali delle persone; da quello di andarsene dignitosamente a quella di divorziare, all'aborto a quello di vivere il progetto di vita con il/la compagno/a al di là di tutto il resto .. e magari farci o adottare anche dei figli: in una società evoluta dovrebbe il minimo ma qui di evoluto c'è solo la crassa noncuranza di chi, spesso pluridivorziato o convivente o altro ancora (anche non eterosessuale), cavalca populisticamente il moto di paura del diverso di una, ristrettissima, minoranza che, come tutte le minoranze, cerca di mantenere la propria specificità!!!! Ma se è giusto che una minoranza voglia mantenere una propria specificità la sua imposizione a una intera società non può che creare enormi problemi: abbiamo già dato nel medioevo mi pare.. o sbaglio? Se invece c'è la repulsa contro la novità e il normale dialogo non porta a nulla di male in una società evoluta ma danni enormi in una società come la nostra con uno ingombrante vicino quale è il Vaticano che mette sempre becco negli affari interni nostrani pretendendo di mettere linee "invalicabili" oltre le quali non si deve mai passare... il problema è che i nostri politici sono più sensibili al potere che alle spinte sociali e la frittata vien sempre fatta, peraltro male..... con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti: interviene la Magistratura, su input di singoli e di associazioni, e fa a pezzi ciò che i nostri cuor di leone che siedono in Parlamento: un esempio per tutti la legge 40 sulla diagnosi preimpianto e la fecondazione assistita!!!!! Praticamente non esiste più.... si poteva evitare? Certo se non ci fossero i bizantinismi del ceto politico... ma siamo italiani e ci piace soffrire, vero?
Ora che abbiamo visto quali sono le reali forze in campo c'è mai la possibilità di fare una buona legge o si dovrà ancora una volta ricorrere alla Magistratura o magari a un referendum?
Perchè questi stessi difensori della famiglia non scendono in campo contro i tagli, da loro votati senz'alcun dubbio morale, al sociale e, di conseguenza, proprio alla famiglia? Il governo ha varato, per esempio, un piano contro la povertà che vede arrivare a chi è povero la enorme somma di .. 350 euri mensili: cambia tutto nella vita di chi spesso non mette insieme il pranzo con la cena o non arriva alla seconda settimana... e fra questi la maggioranza sono proprio famiglie!!!!! Tutto tace..
Perchè tacciono di fronte alla violenza insita spesso proprio in quella famiglia e di cui si legge sui giornali sempre più spesso?
Perchè tacciono su problemi come la pedofilia o la corruzione dei costumi proprio dei prelati?
Son cieco io o non ho visto nessuno di questi scendere in piazza o fare dichiarazioni roboanti o farsi carico di una qualche iniziativa per combattere il problema, anzi....
Cose che altrove sono scontate qui vanno strappate, concordate, sviscerate e quant'altro: mai che ci si arrivi per normale evoluzione sociale...... che sia l'aborto o il divorzio (ricordate cosa dicevano al tempo?) l'eutanasia o la libera scelta di scegliere se e come morire dignitosamente; le coppie di fatto (di qualunque orientamento) o quelle tradizionali mai che si prendesse atto della realtà sottostante, mai!!!!!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore