lunedì 7 novembre 2016

Cop22: l'assemblea dell'inutilità climatica

Entra nel vivo la lotta ai cambiamenti climatici. Si apre il Cop22, ossia la conferenza internazionale, sotto vessillo ONU, sul clima: da qui gli scienziati dovranno trovare la quadra rispetto agli accordi di Parigi e indicare la via per fermare o, almeno, rallentare la corsa del clima verso il disastro.
Ci credete davvero?
Credete davvero che questi cervelli riusciranno a trovare la quadra e instraderanno l'umanità verso un roseo futuro?
Personalmente sono scettico in merito non foss'altro perchè, a leggere il documento parigino, della reale volontà dei governi ce n'è ben poco, anzi praticamente non esiste: è solo un continuo arrampicarsi sul vetro per giustificarsi pubblicamente mentre nelle buie stanze ognuno si fa i propri conti, e di quelli che lo sostengono, e mira solo a fregare il vicino.. non c'è traccia nel documento parigino di un indicazione per il futuro: belle parole e grandissimi intenti ma alla fine non può che risaltare chiaro come il sole a mezzogiorno del 15 agosto che è solo un foglio di carta pieno di paroloni vuoti e senza senso. Niente di niente del resto: del clima; del global warming; dell'oscuramento globale; dell'interazione fra aumento dell'attività sismica in presenza di fracking e contemporaneo aumento delle temperature medie. E' insito nel sistema che gestisce oggi le nostre vite il disinteressarsi delle conseguenze delle linee di politica economica e finanziaria sul clima; come è nel DNA dei governi, espressione di questo sistema, il fare fronte comune a parole sul clima salvo poi approvare finanziarie che vannoe sattamente nel senso opposto. Non si sfugge né ci si può illudere che cambi qualcosa perchè per cambiare bisogna mutare completamente rotta e le resistenze sono fortissime non foss'altro perchè le varie lobby, spesso intrecciate fra loro da interessi più o meno occulti, hanno troppo da perdere se ciò mai avvenisse... pensate a come sarebbero felici se la lobby del petriolio si veesse un giorno imporre un limite alle estrazioni e alla lavorazione del prodotto grezzo da un governo in nome della lotta ai cambiamenti climatici... o alla lobby che gestisce la produzione manifatturiera se un giorno fosse introdotta la robin tax; o se aumentassero i vincoli all'attività produttiva se fosse previsto che i danni fatti all'ambiente si ricaricassero su chi li ha provocati!!!! Oppure immaginate quanto sarebbero alte le lamentazioni dell'industria del carbone, attivissima ancora oggi, se fosse introdotta la mitica carbon tax. Inimmaginabile vero? E ci sarebbero pure dei fessi di comuni mortali che le difendono in nome del mantenimento dei posti di lavoro ecc..... nossignori possono fare tutti i convengi che vogliono ma il clima è un altra cosa e il suo cambiamento repentino altro non è la conseguenza delle azioni dei governi e di chi li sostiene: non mi si venga a dire che devo spegnere la luce a certe ore perchè non è assolutamente vero che ciò contribuisce alla difesa mentre è vero che se un governo stabilisse una robin tax e imponesse un modello di svuiluppo economico sostenibile, lasciamo stare quello sostenibile perchè altro non è che una riedizione in sedicesimi della teoria dell'astronave della seconda metà del '700-primo '800 che giustificava una cosa ben più mostruosa..... ossia l'eugenetica o per dirla meglio la giustificazione per la limitazione della crescita dei popoli a fronte di risorse, ritenute a torto, limitate: non lo erano, come ha dimostrato la storia successiva, allora e non lo sono oggi! Un dato? Se i miliardi di tonnellate di cereali e acqua usati per nutrire mucche fossero usati in Africa quel continente potrebbe essere sfamato per un anno intero: un anno! E' questo il punto e finchè non si pernderà atto che si DEVE cambiar rotta o almeno ci si attrezzi contro le sventure che sempre più spesso accadranno nei prossimi anni.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore