giovedì 22 maggio 2008

Governo: primo provvedimento. Cosa cambia? Poco cambi perchè nulla cambi

Allora. Da dove avevamo lasciato? Ah, sì. Ecco. Da dove si era fermato il treno governativo? Alla stazione elettorale; e come volevasi dimostrare eccco che riprende la sua corsa, si fa per dire dato che in Italia nessun treno corre (nemmeno quelli veri delle FS che quando erano statali erano più veloci, puntuali, e soprattutto più sicure della versione privata di oggi), alla gestione del quotidiano. Esaminiamo con cura.
Decreto sicurezza. Nonostante la sicumera dei cloni del PD è il punto forte del momento e giustamente andava affrontato. C'è un disegno di legge e un decreto legge entrambi almeno mettono un punto fermo: non si può essere clandestini. Il problema è che questa severità vale solo per costoro; per gli italiani tutto come prima o quasi: e ci sono differenze anche lì perchè si è tentato di inserire una norma (poi, sembra, levata) su facilitazioni nel patteggiamento che sembrava essere letta in senso di problemi personali (che persistono) del Capo. Disaprità di trattamento e o la Corte Costituzionale italiana o quella europea la bocceranno per disparità di trattamento? Probabile; però almeno un punto fermo l'hanno messo ed era ora. Il buonismo, versione attuale dello "sciocchismo", era ora che fosse messo da parte: troppi si nascondevano dietro di esso per giustificare interessi, anche economici, tutti di natura italiana; ora lo diciamo chiaro e tondo: qui servono braccia a basso costo e che facciano i bravi sennò "fora" dal paese senza se e senza ma. Poi potete anche venire da clandestini ma attenti che andate in galera (ammesso che costruiscano altre galere e alla fine non finisca tutto in un bel indultone)e siete ai margini degli emarginati. Unico aspetto davvero positivo: sanzioni penali per quegli italiani che affittano a stranieri in nero, si spera che così finisca la speculazione sui clandestini? Si spera. Ma chi controlla?
Rifiuti. Altro problemone. Nominato una sorta di Sottosegretario a questa materia e varata una nuova politica: la monnezza diventa affare militare e chi sgarra prima se la vede con loro e poi con il penale e il carcere: "lo Stato deve tornare a fare lo Stato", giusttissimo!! Ma vale per tutti (non solo cittadini ma anche politici, potentati economici, affaristi, speculatori ecc) o solo per quelli che vi incappano e sono alla base della piramide con una bella esenzione per chiè più su? Il problema rifiuti va RISOLTO e la vergogna deve finire epperò è un problema nazionale visto che in Campania vi hanno scaricato tutti: ivi compresi i "nordisti" per spendere meno e qui si spera che la magistratura faccia luce al più presto perchè p necessario che quei rifiuti, clandestini, d'importazione siano restituiti al mittente e con gli interessi. Comunque, almeno, questo governo la mossa l'ha fatta e quindi può dire che si è mosso nel senso sperato: i napoletani ancora non se ne sono accorti però, mai disperare!
ICI. Secondo me qui si è un pò toppato: il Governo della destra economica precedente l'aveva quasi tolta e quindi non c'è una vera novità se non quella che per la prima casa praticamente tutti non la pagheranno, anche i riccastri che credo già staranno valutando la cosa con piacere. Il problema che i mancati introiti per i Comuni si convertiranno in minori servizi e attività perchè il taglio è istantaneo la compensazione è a babbo morto e quindi nel frattempo che si fa? A questo la risposta la dire il futuro: una cosa è certa; l'avevano promesso e non mantenere le promesse potrebbe costare caro come hanno scoperto gli esponenti della destra economica del governo precedente che avevano fatto promesse nel 2006 e non le hanno mantenute. Tutti vogliamo pagare meno tasse, nessuno si offre volontario per pagarne di più però questo è il momento peggiore perchè anzichè colpire le clientele locali, mascherate spesso da consulenze, a essere colpiti saranno quelli che beneficiano dei servizi locali, e quindi a una buona idea iniziale si oppone un dramma perchi ne subisce le conseguenze.
Mutui. Qui si comincia a zoppicare un pochetto mi pare. La negoziazione dei mutui fra tasso fisso e variabile è già prevista e viene attuata; la maxi rata finale per il conguaglio in alcune fattispecie di mutui c'era già ed era stata criticata ed anche lo spostare le variazioni post crisi subprime a un "dopo" è un'arma a doppio taglio per i cittadini perchè in alcuni casi non si finirà di pagare mai. In più se a ciò aggiungiamo che inzialmente era stato detto che questa crisi l'avrebebro dovuta pagare banchieri e petrolieri e vedere che ora invece ciò non accade potrebbe non far fare una grande figura: ma noi italiani siamo abituati a ciò e poi dimentichiamo molto in fretta e quindi anche nelle critiche pigliamo quello che passa il convento perchè l'alternativa è il nulla; d'altronde i cloni del pd non hanno fatto nulla prima e ora si sono limitati, altro non potevano fare, a esporre cose ovvie e scontate ma sono solo parole e, come si dice in questi casi, verba volant scripta manent.
Straordinari. Qui siamo al top. Come direbbe l'On. Di Pietro: ma che c'azzecca dare, o megio regalare 84 euri, medi, all'anno in più a chi lavora (e non a tutti)? Qui il problema è che le famiglie, tutte, a reddito fisso non ce la fanno ad arrivare a fine mese; non era meglio spendere i soldi risparmiati con altre misure per restituire almeno il fiscal drag ad esse? E perchè gli statali si da zero? Che non hanno famiglia loro? Possibile che l'inventore della finanza creativa non sapesse fare nulla di meglio? O sotto c'è altro? Vedremo!! Gli statali sono figli di un dio minore? Mah, se questa non è discriminazione..... Qui chi ci guadagnano davvero sono gli indudtriali che graziosamente ringraziano in attesa del regalone vero: la ri-depenalizazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro. Erano penali quando fu introdotta in Italia la direttiva europea in materia; poi furono depenalizzate da Dini; ora sono state ri-penalizzate da Prodi e rischiano di essere de-penalizzate da questo governo: idee chiare come sempre e pendolo all'italiana, nulla di nuovo.
Piano industriale del pubblico impiego, annunciato in pompa magna, per il pubblico impiego: l'ennesimo. Novità vere? Forse stavolta qualcuno sarà licenziato perchè non fa nulla? O cosa? Precarietà? In realtà, a parte l'effetto annuncio, la stradaè già segnata dalla 29/93: lo Stato si ritira da molti servizi e vende il resto: a che servono gli statali e gli altri delle P.A.? A nulla o quasi, quindi addio alla strutturazione dello Stato e ben venga quello "leggero" quasi fatiscente alla Bush che va in tilt per un'uragano facendogli fare una figuraccia a livello mondiale e lasciando centinaia di migliaia di eprsone in balia degli eventi: addio.
Rete4: che c'entra la norma salva Rete 4 con il pacchetto di proposte finora annunciato? Qui commentare è difficile dato che quando si parla dei "gioielli" di famiglia entrano in ballo discorsi che suonano triti e ritriti e sanno solo di uso dello strumento pubblico per fatti propri per aggirare una sentenza della Corte europea. Ma a questo gli italiani hanno fatto il callo e anzi li hanno votati e quindi chi è causa del suo mal pianga se stesso: è chiaro che nememno i cloni del PD sono migliori, anzi quand'erano al governo non hanno fatto una cippa in materia, come in altre, quindi come si afferma da tempo in questo blog fraloro è vera la massima che "lupo non mangia lupo" se pensiamo che quando Berlusconi era all'angolo messovi da Fini e Casini chi l'ha tirato fuori? Veltroni naturalmente e chi altro poteva?
Voto: 5
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore