giovedì 23 luglio 2009

polli da spennare o turisti con i loro i diritti?

........ mentre continua il tormentone estivo sulle "capacità" del Nostro in tema di etica pubblica e vita privata (è uscito in Russia, e dove sennò visto che lì c'è il suo grande amicone e sincero democratico vladimr, un'articolo che lo difende a spada tratta (e non potrebbe essere altrimenti visto che il locale CSAR non è che sia un'angioletto) da noi l'atavico vizio di fare i furbi a danno altrui spennando a più non posso il malcapitato turista non si è perso; anzi a quanto sembra la cosa si accentua solo che ora non siamo coperti dalla disinformazione e dal bene "nazionale" perchè siamo nell'epoca dell'informazione continua ed in tempo reale dove quando gli spennati tornano a casa ne parlano e scrivono ai giornali e alle società turistiche e il nostro paese collezione un'altra figura di m..... alle altre, ormai non si contano più, che facciamo giornalmente. Ce la possiamo cavare ancora dicendo che sono casi isolati e che i controlli non funzionano (ci sono mai stati mi chiedo se anche quando entrò in vigore l'euro furono i cittadini italiani ad essere truffati perchè nessuno controllò i soliti noti furbini che applicarono l'equazione 5 mila delle vecchie lire = 5 euro che invece equivalevano a 10000 delle vecchie lire?)? Non credo. Perchè se è vero che chi truffa al massimo è sottoposto solo alla sanzione amministrativa o poco più è anche vero che il danno d'immagine è enorme per il paese; ma il problema è anche che non si riesce a creare un sistema turismo all'altezza delle aspettative dei turisti, italiani e stranier, perchè ognuno pensa al proprio piccolo particolare profitto acchiappando l'attimo fuggente al volo e fregandosene dei turisti dei suoi stessi colleghi (e magari non dichiarando nemmeno tutto il gudagno al fisco) e, in ultima analisi, se stessi perchè se è vero che con un veloce calcolo si può facilmente vedere che ci possono essere, sulla base di quanti ne siamo sul pianeta, ancora abbastanza turisti per almeno due generazioni di truffatori è anche vero che con la velocità con le quali viaggiano oggi le notizie la forbice si restringe oggi più velocemente di prima e rischiamo di rimanere noi con il cerino acceso e con un paese pover ed evitato dai turisti come tutti noi eviteremmo un'appestato: si può continuare così? In teoria no perchè in troppi ci perdiamo ma nella pratica non è così affatto dato lo Stato è depotenziato nei controlli dai tagli degli ultimi 20 anni e le corporazioni, che campano sui soldi dei propri iscritti e al di là delle urla di paghino i colpevoli (e che qualcuno faccia qualcosa) non vanno, hanno tutto l'interesse che lasci lo status quo liberista: d'altronde in un regime liberista "il mercato eliminerà da solo il cancro" ... peccato che non siamo in un regime liberista ma in un mercato in salsa italiana dove i prezzi non sono liberi e le tasse si pagano se si vuole farlo (tanto ci sono condoni e scudi che rifanno la verginità) e i turisti si adeguino o non tornino tanto la platea è grande che cchè ne dicano i politici. Ieri mentre andavo a Genova, causa non turismo ma tesi di laurea, ascoltavo una trasmissione su radio 1 dove se ne parlava con esperti e tecnici del settore, nonchè rappresentati del settore, e ogni tanto citavano i messaggi che gli ascoltatori mandavano e, oltre al fatto che ne arrivavano a cascata sia lamentele che segnali della nostra indignazione a dir poco, mi colpì la cosa che questi messaggi era tantissimi e tutti dello stesso tipo, segnale che ormai nella nostra società la tensione è altissima e quando ce ne danno la possibilità, anche minima, la esprimiamo mentre non ho notato la stessa volontà della classe politica di depontenziare la ormai evidente protesta sociale che rischia di rivolgersi non contro chi ha portato il paese a questo punto ma contro il proprio vicino in una guerra fra cittadini che non puo che creare le condizioni per il prossimo DUX di turno che ci toglie anche quel poco che ci siamo lasciato per noi di libertà.....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore