lunedì 13 settembre 2010

Alla fine del principio.....

Basilea 3 è stato approvato: è un protocollo che dovrebbe evitare, in futuro, che le speculazioni finanziarie e le “ardite” manovre mettano in crisi interi Stati; perché questa é stata la conseguenza finale della “crisi” che a tutt'oggi ha dissanguato le casse pubbliche. Nemmeno a parlarne, naturalmente, di inventarsi una sorta di risarcimento per le stesse da far pagare agli speculatori: un po' perché troppo spesso gli speculatori hanno forti capacità di ricatto sui governi e un po' perché spesso le cricche al potere sono conniventi e il terrore che il sistema messo potesse crollare gli ha fatto perdere ogni, sia pur giustificata, inibizione e hanno scucito un fiume di soldi pur di salvare capra e cavoli (entrambi già da tempo appannaggio di pochi): soldi in realtà non loro ma dell'intera collettività ch nei prossimi decenni ne pagherà lo scotto sia in termini di minor ricchezza generale che di certezze per il futuro proprio e del paese. Fra le conseguenze principali c'é stata la ritirata dello Stato dal Welfare e dai servizi: chi più chi meno, a seconda di come la crisi ha colpito (e di quanto hanno mentito agli altri e a se stessi) tutti gli Stati hanno rinunciato a gestire in proprio i servizi pubblici, e quelli che gli sono rimasti (scuola, sanità, pensioni, pubblica amministrazione, ecc.) sono stati fortemente ridimensionati, in certi casi ridotti al lumicino come in Grecia. Già, la Grecia: é stato lo spauracchio, con il quale hanno tenuto buoni i cittadini, i benpensanti negli altri Stati; infatti quanto accaduto in quel paese è servito come metro di misura e come feticcio di quanto sarebbe potuto accadere se i cittadini non si fossero arresi, nel politicamente corretto e buonista linguaggio dei politici si dice “compreso e accettato”, ai Governi nazionali che erano preoccupati dell'economia e del suo andamento. Sapete qual'è l'unica differenza reale fra questa crisi e quella del '29? Che allora un sistema alternativo alla speculazione e allo sfrittamento dei pochi sui molti c'era, oggi no; a meno di abbracciare le “umma” islamiche dove i prestiti sono senza interessi, per i credenti, e al proprio interno una sorta di aiuto a chi non ce la fa viene dato: non preocccupiamoci, ci pensano i vari razzisti presenti (e la propaganda di potere) a far si che come sistema non sia attraente agli occhi dei comuni occidentali emuli di pantalon di pantaloni, o mucca da mungere che dir si voglia. In Italia la crisi ha colpito eccome ma é stata usata per regolare i conti con quelle parti sociali che sono state maggiormente colpite perché, a differenza di altri paesi, il tessuto di salvataggio era già eroso da decenni di tagli e limature fatte dai vari governi, soprattutto di centrosinistra, in nome di parole retoriche e senza senso (che significavano l'esatto opposto) quali liberalizzare, modernizzare ecc...parole vuote che altro significato non avevano, e hanno, che di portare fuori dal welfare lo Stato italiani scegliendo la via più breve verso l'adizione integrale del modello americano che oggi perfino in quello Stato stanno cercando di correggere senza peraltro riuscirvi. Applicare alla nostra società, immatura e senza coscienza nazionale, un modello come quello americano si rivela sempre di più suicida dato che non può non provocare una reazione di rigetto e di egoismo del proprio piccolo particulare che ha favorito la nascita e la crescita di demagoghi e profittatori che hanno preso il potere. Questo processo non ha fatto altro che accrescere la crisi del modello sociale che stanno tentando di imporre: infatti la crescita esponenziale dell'evasione fiscale e del fenomeno leghista ne é proprio la manifestazione prima della decadenza e dell'ambientazione da fine dell'impero cui stiamo assistendo, nostro malgrado. Il punto vero é: qanto si dovrà aspettare per una inversione di rotta? Dobbiamo prima scoprire cosa ci sia sotto il fondo e poi, inorriditi, ricostruire o é meglio dividersi prima nei vari staterelli preunitari e ricominciare daccapo con la speranza di non rivedere monarchie, dittature, resistenze e ladroni vari che finora abbiamo visto e votato...
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore