martedì 26 aprile 2011

Trufferendum......

Siamo assolutamente convinti che l'energia nucleare sia il futuro per tutto il mondo";
"destino ineluttabile";
"Dobbiamo acquisire tutta l'energia dall'estero e questo grava sulle famiglie italiane per i costi. Se noi oggi fossimo andati a quel referendum non si sarebbe più parlato di nucleare";
Il "Governo responsabilmente ha dato luogo a questa moratoria...".
Ecco quattro perle del pensiero che il Governo, il suo Capo, e la maggioranza condividono ampiamente in materia di nucleare (di acqua, di legittimo impedimento). Ha confessato, ha ragione Marco Travaglio quando dice che basta lasciarlo parlare per capirlo senza fraintendimenti, candidamente la furbizia che é stata commessa: un decretino e oops addio referendum. Potevamo sperare nella "pistola fumante"? Eccola. Ma cosa é accaduto? Al vertice Italia-Francia il Nostro ha fatto il classico scambio: lactalis che può fare l'opa completa su parmalat contro Draghi alla BCE; intervento militare al fianco della Francia in Libia (definiti eufemisticamente "attacchi mirati precisissimi" ... voglio vedere proprio come faranno ....... chissà lasceranno atterrare l'aereo a terra e il pilota schiafferà la "precisissima" arma contro l'obeittivo........ come mai non si informano con gli americani che sono maestri di fallimenti nei bombardamenti chirurgici?) contro un accordo su Schengen che di fatto si cercherà di svuotare aprendo la porta alle piccole patrie come contrappasso alla UE liberista: nel mezzo rimangono, incompiuti, i sogni degli europeisti che sono i veri sconfitti. Sul nucleare, poi, c'erano da rispettare gli accordi proprio con i francesi: contratti erano stati firmati e dovevano essere rispettati, costi quel che costi anche perché se oltralpe non l'avrebbero presa molto bene nel vedersi sfumare tanti soldi da investire nel riciclarci i loro vetusti reattori; da questa parte delle Alpi ci sono gli squaloni che non avrebbero preso molto bene la montagna di soldi, NOSTRI NON SUOI O LORO, che andava in fumo in termini di costruzione, manutenzione e stoccaggio del materiale e delle centrali: il tutto in un paese dove il rischio sismico e la pressappochezza sono la norma e non l'eccezione!!! Questo scippo non può passare impunito: qui nessuno (destra, sinistra berlusconiana, leghisti, ecc.) vuole una centralona nucleare nel proprio giardino, nessuno. Ci sono le elezioni amministrative? Ricordiamoci di queste affermazioni, e andiamo al voto tutti. Vedremo che bella sorpresa avranno: chi nel pdl diceva che così si perdono le elezioni, bé vediamo se é vero........... questa italietta assomiglia sempre di più a quell'altra triste e sventurata italietta di alcuni decenni fa che ci coinvolse in tragedie enormi cui non eravamo preparati (eravamo allora un paese contadino; oggi siamo un paese di vecchi ripiegato su se stesso incapace pure di alzare la schiena e camminare dritti di fronte alle furbizie della casta, anzi una bella fetta di noi lo imita pedestremente facendone un mito senza capire che imitaro è autolesionistico: per tutti! Fossero solo loro i danneggiati sinceramente non me ne potrebbe interessare di meno ma lo siamo tutti e allora le cose cambiano. E io non ci sto a farmi prendere per i fondelli dal furbetto di turno, ripeto: alle elezioni ricordiamocelo.....
A questo punto ........
SI VOTI!!!!!!!!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore