martedì 4 ottobre 2011

Blasco, ma che t'é preso?

Bisgnerebbe capire quando si è fatta una caxxata, a maggior ragione se a fara non é il "solito" politicante ma un artista che, oltre ad aver avuta una vita travagliata .. a dir poco, ha fatto del non conforme l'espressione della propria arte. Credo che lo sappiate: Blasco ha dato mandato all'avvocato per querelare il sito nonciclopedia (un sito di satira dura e pure e a volte anche esageratamente graffiante) per la pagine che questo sito, sempre anonimo, gli aveva dedicato. Gli admin del sito sono stati convocati, pur di non rivelare le fonti, si sono autoscurati e lo hanno, si spera, momentaneamente chiuso: il tutto senza che un giudice abbia mosso un dito per accertare cosa realmente sia accaduto. Ora tralasciamo, per il momento solo, l'aspetto della "lite" prossima ventura fra Blasco e nonciclopedia e poniamo lo sguardo sullo stato della libertà in questo paese: basta un editto per far sparire da una tv, peraltro pubblica quindi di tutti, calibri come Biagi; come basta che qualcuno dica cose "spericolate" su un artista e che questo s'inkazzi per spingere un sito di satira, per quanto discutibile, ad autoscurarsi ... per protesta. E, come si dice in questi casi, questo é solo l'inizio perché arrivato il bavaglio se ne vedranno di tutti i colori. Ora, venendo al punto, mi aspetto che un politico di questa "repubblica" sentendosi al di sopra di tutto e tutti si faccia la legge per evitare di esser messo un pò alla berlina; posso capire che questo stesso politico, avendo soldi e potere, trovi circa 600 onorevoli che gli approvino tutte le leggi che gli servono, ivi comprese le restrizioni alla libertà tacitando le voci fuori dal coro; posso anche capire che chi si crede al di sopra delle parti non accetti, mentre parla e sparla di tutto e tutti, che altri ne parlino ... ma Blasco, no... chi ha rappresentato il malessere e il comune sentire di almeno tre generazioni di ragazzi, la mia compresa, non può scivolare sulla stessa buccia di banana del politico vanaglorioso di cui sopra. E' un artista, un cantante e chi scrive pezzi come coca-cola o vita spericolata, colpa di Alfredo, c'é chi dice no non può mettersi sul pero a fare l'offeso perché un sito l'ha preso di mira e farlo chiudere... devo forse pensare che tutta l'opera del blasco fosse targetizzata a certi settori sociali giovanili e finalizzata agli introiti e quindi il "senso" della parole contenute nella sua opera fosse costruito a tavolino? Con questo "sborone" si rende conto di aver tagliato i ponti con grossi settori di suopi fan che dell'anticonformismo avevano fatto uno stile di vita (fra cui il sottoscritto)? No, blasco stavolta non ti seguo e non ti capisco...... io da anni ho detto no e continuerò a farlo, anche quando, come già accaduto proprio su questo blog, viene preso di mira e attaccato a testa bassa.....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore