martedì 1 maggio 2012

e volevano la neo-dc? gli va male anche a oltretevere .....

Ricordate? Qualche mese fa ci furono convegni e incontri; oltretevere e i centristi s'erano messi a pensare, cosa? a un nuovo soggetto politico, non la dc, che potesse ridiventare la casa di neo un partito cattolico che diventasse il braccio politico della curia: naturalmente nel frattempo, per poter continuare a mantenere i privilegi attuali e poter condizionare ancora la politica italiana, l'ordine di scuderia é continuare con l'attuale situazione (cattolici sia da un lato che dall'altro) con una certa preferenza per la destra populista.




Ebbene, avete a mente? Come al solito, però, hano fatto i conti senza l'oste, ossia noi, i cittadini...... Affari italiani ha pubblicato il 30 aprile un articolo che cita un sondaggio che scompiglia un pò i piani di chi, lontano anni luce dalla realtà, non perde il vizio di dare le cose per scontate: gli cattolici abbandonano i lidi tradizionali e votano .... per Grillo: la media, anche dopo gli attacchi del Capo dello Stato contro i cosiddetti demagoghi, é del 6-7% del voto totale del grillismo (peraltro dato in salita...). Che significa? Che la paura di chi vive all'ombra delle istituzioni é forte ed é presente e gli antichi alleati non sono più in grado di fermare la valanga costruita negli anni, argini che io definisco steccati e che finora hanno diviso in consorterie gli italiani permettendo ai burattinai di perpetrare il proprio potere. Per oltretevere il problema é lo stesso dei politici nostrani: anch'essi non riescono più a tenere il proprio esercito, ci sono defezioni di massa e non basta più propinargli l'idea, del tutto astratta, del vivere in questa terra di lacrime accettando l'ineluttabilità della propria condizione per aspirare un un improbabile accesso nel regno dei cieli dove c'é una ricompensa anch'essa astratta, fino a prova contraria.



Cosa fare?



Dal punto di vista dei gruppi di potere:



tenere duro e sperare che la gente per stanchezze o mancanza di alternative resti con loro scegliendo il male minore ... sempre loro.

non avendo imparato nulla, e non perdendo il vizio di decidere il nostro destino, continuano a giocare fra loro al risiko.. non per nulla Monti ora sta cominciando a dare addosso ai gangli vitali del potere partitocratico (finanziamento pubblico, ma pure burocrazia ministeriale che consente il controllo della spesa pubblica) con la nomina di improbabili "commissari" a questo e a quello per tenerli buoni avendo notato che sottobanco proprio la sua maggioranza lavorava per votare prima dela fine dell'anno....

dal nostro punto di vista:



se pure il voto cattolico abbandona i propri lidi, perché ci sono ancora persone che continuano a comportarsi come se nulla fosse e a votare per la solita solfa? Un pò di coraggio, suvvia....

ormai dovrebbe essere chiaro: nulla é ineluttabile, nemmeno questi qua; possiamo cambiare e possiamo mandarli a casa, e i modi son tanti.... il migliore di tutti é il voto ma in casi di emergenza anche altri che non preferisco ......

chiaro? Qui il punto é proprio questo e si basa proprio sul principio dell'ineluttabilità di un potere impersonale e lontano, quindi irragiungibile: non é così, prima ce ne rendiamo conto, meglio sarà e potremo passare a ricostruire il paese...... l'antipolitica son loro non noi.



Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore