giovedì 3 maggio 2012

.. a scuola da Stiglitz: e ce ne era bisogno

Italianieuropei, IPD e Feps hanno organizzato un convegno a porte chiuse dal titolo "Oltre l'austerità, politiche alternative per l'occupazione e la crescita": roba forte visti i tempi. Star é J. Stiglitz, premio nobel per l'economia (e mio personale punto di riferimento in materia di economia sopratutto quella parte di questa scienza che riguarda le cosiddette asimmetrie informative), che distrugge (tutti i media lo dicono anche se non tutti in maniera esplicita ...) nel suo intervento l'intero impianto del montismo versione XXI secolo: lo analizza prima e poi lo demolisce poi, da professore e da economista (tutto; ivi compreso la cosiddetta riforma Fornero che, registra il fatto quotidiano, sorride e prende appunti).... ora se perfino D'Alema dice che c'è ancora speranza che esista una sinistra (...) vuol dire che non tutti su questo pianeta si sono asserviti al pensiero unico e non tutti hanno paura per se e la propria carriera, anzi nel caso di questo economista proprio la critica alle cosiddette istituzioni internazionali finanziarie (IMF, WB, ecc.) gli ha fruttato il nobel....... ma cos'ha detto? Semplice: in fase recessiva dura l'austerità NON SERVE A NULLA! Anzi lo Stato deve spendere, investire, rischiare per rilanciare la economia reale agendo sul lato della domanda e non su quello dell'offerta e, se ciò non bastasse, anche creare in proprio le occasioni di crescita, in pratica salvaguardare salari e famiglie che sono i VERI fautori di una futura crescita: si badi bene qui non si sta parlando un "noto comunista" ma di un liberale e per giunta richiamantesi alla corrente classica di questa visione, quindi non mette in discussione del liberalismo: né i principi politici né tantomeno quelli economici; questa stessa corrente di pensiero propugnò , e salvò quindi gli USA e poi l'intero occidente, il New Deal durante e dopo la cosidetta Grande Depressione mettendo le basi nel dopoguerra del più lungo periodo di pace e di prosperità di cui abbiamo beneficiato dal '45 al 2000: tutto basato sulla semplice considerazione che solo mettendo in tasca moneta alla gente l'economia riparte..... non l'austerità, né tantomeno aumenti di tasse (dirette e indirette), né salvaguardia degli interessi della finanza e dei suoi rappresentanti in politica e in economia. Bocciata su tutta la linea quindi la linea del montismo e del merkelismo Stiglitz ha poi spiegato che la UE ha un ruolo fondamentale nel mettere le basi della crescita dei paesi: ma non, quindi, "questa" UE liberista a trazione tedesca naturalmente; questa UE ha un solo scopo ossia la perpetuazione di un modello neocoloniale quella cui accenna oggi Stiglitz é la UE delle origini o meglio quella che sarebbe dovuta essere se lo spirito del Trattato di Roma fosse stato rispettato (d'altronde si lega idealmente con altri analisti come Rifkin che nel saggio "il sogno europeo" proprio a quello spirito ci invitava a non abbandonare) e seguito.... Reazioni? Bé, Monti non gli ha concesso nulla: é intervenuto ed ha ribadito la "giustezza" della propria linea, un pò poco e molto ma molto poco realistico perché se è vero che senza soldi non si fa nulla é anche vero che senza evasione ed elusione (e con uno Stato ripulito da clientelismi e politicismi) tutti abbiamo almeno una possibilità di salvarci dall'annegare: ciò però comporta che i paperoni e i loro emuli PAGHINO di più e senza retropensieri e, dato che non vogliono, li si può colpire senza alcuna remora...... non serve molto: una patrimoniale; un rimodulazione del carico fiscale; tassazione delle rendite finanziarie; carbon tax: e ciò dal lato delle entrate mentre da quello degli investimenti: interventi su scuola e università con tagli alle private; sanità pubblica incentivata; acqua e servizi pubblici (senza incrostazioni clientelari); riformulazione del Concordato; ecc. ecc. cose da sballo ma che non vedremo certo con questi politici e questo governo e d'altronde sappiamo tutti perché e lì e messo da chi.




... E ORA TUTTI A GUARDARE SERVIZIO PUBBLICO .......



Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore