domenica 31 luglio 2016

Salve ragazzi... sono tornato

Allora.. the end of time, la fine del mondo, non c'è stata però, spero, abbiate seguito i miei suggerimenti e ora siate belli pimpanti e in forma: proprio come ci vogliono coloro che decidono del nostro destino prossimo e lontano.
La prossima fine del mondo ci sarà con un asteroide che si abbatterà sul nostro pianeta per il mese di settembre... prearatevi: si suggerisce di acquistare mazze da baseball, non si sa mai funzioni, vero? Eppoi anche se fosse inutile, perchè non c'è nessun asteroide, l'uso che di esse se ne può fare è molto più che sportivo.
In questo periodo molte cose sono accadute, e qui si che si può parlare di 'fine di.. un qualcosa', e quel qualcosa si chiama fine di un ipocrisia ossia quella che siamo inclusivi e possiamo accogliere chiunque che, felice e contento, subito adotterà i nostri usi, costumi e religioni abbandonando la propria storia e le proprie tradizioni: non è così e non sarà mai così per milioni di motivi che conosciamo tutti, almeno spero: a me ne interessa uno in particolare ossia quello che riguarda 'chi o cosa' finanzia l'esodo dei migranti: mica crederete che questi davvero vengono con soldi propri? Che migranti sarebbero.. certo fanno dei debiti ma l'economia che si basa sul migrante è molto più vasta e floridissima!!!! Il Guardian, come riportai tempo fa, ha provato senza tema di essere smentito che per passare per irakeno, quindi in cerca di asilo e con tanto di passaporto, bastano duemila steriline cash o a rate: ma qualcuno sti soldi, nel secondo caso, li anticipa, chi? E perchè? Qual'è lo scopo recondito e finale?
Facciamo alcune ipotesi:
  1. Qui noi costiamo troppo, come fare? Creiamo una manodopera bassissimo costo che fa concorrenza a prezzi più che stracciati in modo che o i governi si adeguano (e lo stanno facendo eccome..in Francia grazie agli attentati le proteste contro il Job Act alla francese si son fermate o quasi e la legge è passata in sordina grazie anche ad un escamotage procedurale) o le attività vanno via insieme ai soldi degli speculatori finanziari.... inutile dire che il termine esatto è 'lumpen proletariat' di marxiana memoria.
  2. Siamo davvero capaci di 'assorbire' la spinta di questi arrivi? Si, eccome; se avessimo un economia come quella che gli Stati, a guerra fredda, e la paura del comunismo avevano messo su dal 1945 al 1979-80 circa ossia fino a quando gli USA non hanno abbandonato ufficialmente il cosiddetto ' gold standard' ossia la convertibilità in oro del dollaro; moneta cardine, il dollaro, per l'intera economia occidentale e Nixon facendo quella mossa ben sapeva che da quel momento in poi la moneta americana era alla mercè dei mercati: e con il dollaro tutte le altre... con gli esiti che ben conosciamo. Ma non ce l'abbiamo e quindi l'unica cosa che si avrà in realtà è che le masse in arrivo, nella loro gran parte, non faranno che porsi nei gradini sociali bassi e che alla lunga saranno terreno di coltura non solo disagio sociale, con annessi costi, ma pure di terrorismo e criminalità che si sommeranno con quella già esistente: questo per i macro-trendo socio-economici ma in realtà il vero pericolo sarà la spinta centrifuga delle generazioni successive a questi arrivi che si potebbero, come intravedeva Toynbee, saldare con i ceti sconfitti e/o esclusi locali o di precedenti migrazioni.... dando vita a un brodo di coltura di future rivolte e movimenti sociali che non credo saranno molto pacifisti: diversa la cultura e meno dominanti i nostri background a fronte dell'orizzonte di nuovi credi che si affermeranno fra queste generazioni... e non è detto che il 'credoì nuovo sia proprio quello islamico, anzi penso proprio che saranno altri e molto più pericolosi.....
  3. chi soffia sul fuoco degli attentati e quindi sul terrorismo? La ripsosta è difficile e non chiara: stanti, se accertati e realizzatisi, i punti sub 1) 2) ci sono diversi fattori che concorrono, li vediamo? Il primo è l'antico sogno, tutto americano e tutto finanziario (i secondi sono i veri padroni degli USA... Basta andare sulla hilaryclinton.org - in inglese - per sapere, senza ombra di dubbio chi ha messo mano alla tasca; vi interesserà sapere.. che ci siamo anche noi, gli italiani.. ossia 'italian ministry for....' ecc. ecc. ebben si signori avete finanziato una vera e propria guerrafondaia che fa sembrare un angioletto Donald Trump cui vanno le mie simpatie e la mia solidarietà... vista la sua rivale sembra quasi un outsider con le sparate, wuello sono sparate; a sua rivale no: scommetterei che l'sse con la finanza mondiale darà presto frutti in funzione anti-iranaiana... si accettano scommesse) di 'unire tutto il pianeta in un unico grande società di mercato' e si sa che il mercato con la democrazia e tutte queste cosette non incontrano le simpatie dei mercati: i popoli che hanno il vizio di decidere con la prorpia testa sono molto malvisti da chi non sopporta tasse, regolamenti, ecc. per far girare, in modo speculativo, i propri soldi.... un secondo fattore è, così chiamato, il 'complesso militare-industriale' una lobby sovranzionale che vive della disperazione altrui e, della guerra: nulla da aggiungere mi pare chiaro, no? Il terzo fattore è l'economia della paura: soprattutto in occidente è floridissima!!!! Fra matti che si mettono a sparare; terroristi improvvisati; cellule organizzate dai servizi segreti occidentali, e da loro finanziati e addestrati (salvo poi ritorcerglisi contro), di terroristi 'veri' che fanno il lavoro sporco che noi, intesi come occidentali, non possiamo e non vogliamo fare.... per poi ritrovarceli qui in casa (Afghanistan/AlQaeda, Irak-Siria/Daesh-ISIS, ecc. ecc.... tutte operazioni 'flase-falg' occidentali per levarci dalle scatole dittatori e simili che noi stesso abbiamo messo lì): alla faccia dei valori giudaico-cristiani e/o occidentali di cui si beano tanti sacerdoti della mitica terra promessa quale ci fanno credere di essere.. qui i valori sono altri e tutti stanno altrove: dal medio al lontano oriente dal punto di vista culturale, storico e ... religioso.
  4. Turchia. Che c'azzecca, direte, questo paese a metà strada fra occidente e oriente? Perchè è un crocevia fra tutto, da qualunque punto di vista la si guardi: è fondamentale per tutto e tutti: l'unico problema della Turchia, e dei suoi 'ammiratori' si chiama Erdogan, si il satrapo... non ce lo vogliono lì e non lo nascondono. Il golpe vero l'ha fatto lui: la pistola fumante invece gliel'hanno data coloro, qui in occidente, che hanno fatto l'operetta chiamata 'ce proviamo' a farlo saltare? Non poteva funzionare ma a provare non costa nulla...i risultati li abbiamo sotto gli occhi... c'è da scommetterci che ci riproveranno: tutti ne hanno interessi a partire dagli europei che 'credono' nel mercato globale e che vogliono un europa che vada da Parigi a Tel aviv.. passando per Ankara: per me un incubo per altri un sogno. E anche gli americani lo vogliono: sanno benissimo che la Turchia sta sterzando, o fa mostra di farlo, verso oriente: Cina ma, soprattutto, Russia cui potrebbe dare l'uso della parte turca della mega base di Incirlik da cui far partire attacchi ai terroristi in Siria, Irak e... Iran: ma non il Daesh, o almeno non solo visto che i turchi ci fanno affari con questi qui, ma contro i curdi: la cosa andrebbe così i russi si concentrano su Daesh e li tengono buoni, senza distruggerli, mentre i turchi si prendono cura dei curdi; andrà così? Si se lo scenario qui disegnato si rivelerà vero... in ogni caso per la Turchia, comunque vada, si aprono scenari del tutto nuovi e non sempre favorevoli per noi, anzi decisamente pessimi perchè rischiamo di ritrovarci non un guardiano delle nostre frontiere ma una porta aperta attraverso cui far passare, in mezzo a frotte di profughi, anche terroristi e altro di cui non sentiamo proprio la mancanza.  Qui si dovranno aspettare gli eventi e vedere chi riuscirà a difendere o scalzare il satrapo di cui sopra....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore