lunedì 21 luglio 2008

Englaro: continua l'offensiva per fermare il riposo della ragazza

Montanelli, un liberale vero e un vero spirito libero affermava che se c'è un diritto alla vita c'è anche un diritto alla morte e nel caso di Eluana Englaro questo diritto alla vita libera e dignitosa, a cui dovrebbe fare da controaltare la possibilità, quando non ci sono più le condizioni per assicurarla, di scegliere di evitare l'accanimento terapeutico, dicevo nel caso della Englaro ciò non è stato assicurato: anzi parlare di stato "naturale" è errato dato che se non ci fossero i protocoli medici Lei avrebbe potuto riposare già da molto tempo, è la medicina che la tiene in vita vegetativa non la natura. La levata di scudi degli integralisti non ha senso: questo imporre la propria volontà agli altri è contraria a qualunque principio liberale e di libertà individuale; fa sentire l'odore di teocrazia strisciante in stile iraniano: labile è il confine oggi e non ci sono forze politiche a presidiarlo. Si può accettare una cosa del genere? O invece è una battaglia di carattere politico per, come nel caso di Welby, per dominare la società italiana, prima, e occidentale, poi, e far passare principi che non hanno nulla a che vedere con quei principi che sono la base di uno Stato democratico e liberale?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore