giovedì 12 febbraio 2009

Caso Englaro: ma la smettono o no?

dall'altro mio blog pubblico.

riporto senza commenti l'intervento di Giovanni Berlinguer pubblicato su: lamianotizia
aggiungo solo alcune pagine di wikipedia riguardanti: eutanasia; Accanimento terapeutico; testamento biologico.
Mi ero ripromesso di smettere di parlare dell'argomento ma il continuo tambureggiare dei cattolici che continuano a battere sul tasto della morte indotta o dell'omicidio e hanno sparso dubbi e (loro) certezze dimostrando che li aizza sa benissimo che di fronte ad un referendum così come credo davanti alla Corte Costituzionale (stante l'attuale Costituzione) o anche davanti alla Corti europee (dove già una volta sono stati sconfitti nelle loro pretese) la legge in fieri non resisterebbe ad un'esame approfondito. Inoltre non trovo nemmeno giusto che una minoranza imponga ad altri la propria volontà: se siamo in uno Stato democratico e liberale dovrebbe essere ESATTAMENTE il contrario: primo suo compito dovrebbe essere quello di difendere e garantire i diritti individuali e umani di cui ognuno di noi è portatore fin dalla nascita e di cui si assume la responsabilità personale e di chi si trova a dover rappresentare: temo che questa legge parli solo di "testamento biologico" ma per disapplicarlo e renderlo vano e inutilizzabile; fra parentesi il nostro paese ha firmato la convenzione di Oviedo ma che non avendo emanato i decreti legislativi di attuazione nei fatti ne siamo fuori.
giovedì 12 febbraio 2009, 15:47 by Giovanni Berlinguer in Diritti umani
Come è giusto che sia, ora il dibattito parlamentare ripartirà dal testo della Commissione sanità del Senato sul Testamento biologico. Esso però rischia ulteriori sopraffazioni rispetto alle esigenze e alle volontà delle persone. Con efficacia, Claudio Magris ci ha ricordato che “La qualità della vita può essere valutata solo dall’interessato, l’unico autorizzato a poter decidere della propria vita e della propria morte”. E’ opportuno quindi rileggersi per intero l’art. 32 della Costituzione, composto di due paragrafi. Il primo afferma che “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”. Non meno significativo il secondo, proprio alla luce delle recenti vicende: “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.Sono principi fondati sulla libertà personale e sulla responsabilità dei medici e della scienza, beni che lo Stato mette a disposizione dei suoi cittadini per garantire loro il diritto alla salute. E qui sta il grande valore della laicità e della inalienabile distinzione tra fede e legge. Il governo e il centrodestra hanno abbracciato con piglio decisionista la posizione del Vaticano e delle gerarchie cattoliche, sostituendosi in un solo colpo alle volontà della povera Eluana e della sua famiglia, alle attenzioni dei medici chiamati al suo capezzale, alle sentenze della magistratura fino ai rilievi costituzionali del Capo dello Stato. Ieri sulla procreazione assistita, oggi sul testamento biologico, Governo e Chiesa irrompono nelle vite delle persone dettando norme, stabilendo obblighi, prescrivendo comportamenti, anziché favorire diritti e assicurare tutele. Con il risultato che, in nome del principio secondo cui la disponibilità della vita appartiene alla volontà di Dio anziché agli individui, è lo Stato a determinare come si viene al mondo e come si lascia questa terra. Così si finisce per fare leggi tanto mostruose quanto inapplicate ed inapplicabili (i voli della speranza per le cliniche spagnole dove coppie sterili cercano di avere figli sono aumentati del 300% dopo l’approvazione della legge 40). Oppure, da una parte si condanna l’accanimento terapeutico e gli eccessi di certi abusi tecnologici e poi li si impone per decreto legge. Il naturale e l’umano vengono usati, fino ad essere vilipesi, in nome della supremazia contingente, sia essa della Chiesa, sempre più incline a espressioni teocratiche, che della maggioranza politica pro tempore. La quale legifera di morte e dimentica la vita. Come quella legata alla salute dei migranti, da segnalare alle forze dell’ordine se osano usufruire del nostro sistema sanitario. La Chiesa stessa, come ogni buon medico e ogni buon infermiere, ha denunciato i devastanti effetti di questa norma. E alcune regioni (la Puglia, la Toscana, il Lazio) hanno già deciso di non applicarla, mentre governo e centrodestra sembrano intenzionati a non tenere in alcuna considerazione i rilievi etico-sanitari avanzati, davanti a tanta inumanità, da quanti sono mossi dalla consapevolezza che le malattie epidemiche nascoste dalla legge, finirebbero per riversarsi sulla salute di tutta la popolazione. La rivolta di tanti medici, cattolici e non cattolici, indica come si può stare dalla parte della vita battendosi contro il furore ideologico di taluni atti legislativi. Le crociate integraliste basate sull’affermazione dei valori cristiani sembrano prevalere sulla libertà di coscienza (e di cure) dei medici e dei cittadini. Contro ogni autodeterminazione delle persone, il governo ha scelto il terreno che più terremota le coscienze e abbatte le barriere di partito: il dolore. Trasformando una complessa e straziante vicenda nell’ennesimo scontro tra dove finisca la vita e dove inizi la morte.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore