mercoledì 2 dicembre 2009

2 milioni di disoccupati "legali": quale altro motivo per andarsene?

A proposito del post di ieri, che è stato commentato al di là delle mie migliori aspettative sintomo che l'argomento è sentito, la notizia di oggi è che ci sono 2 milioni di disoccupati nel nostro paese (lo so a fronte dei 9.8 mln della media UE, i dati come sempre si possono leggere almeno in due modi e ci potete scommettere che i soliti ottimisti sanno già cosa dire) "ufficiali" a cui si aggiungono: il calo degli occupati; quelli che un lavoro non lo cercano nemmeno; quelli che perdono il lavoro e rinunciano a cercarne un'altro (o ne sono scoraggiati); i lavoratori in nero; i giovani; i precari ... raggiungiamo quote molto più alte dei 2 milioni "ufficiali", vero? Quindi è crisi nera e ora sta dispiegando la sua penetrazione nel tessuto economico italiano e gli effetti (seppur ritardati dalle "misure" prese) ora si fanno sentire. Non si vedono ad oggi fuoriuscite dal tunnel checché se se ne dica da parte degli ottimisti e non si vedono improvvise ondate di assunzioni prossime. Il mercato non è la panacea dei mali; in esso ci sono produttori che badano in primo luogo al proprio profitto e non hanno certo slanci emotivi o sentimentali di solidarietà per favorire il rientro al lavoro: qundi non è la via giusta. Le misure liberiste intraprese dai governi, aiuti alle banche soprattutto, di certo non hanno migliorato le condizioni per una fuoriuscita indolore e provvida di posti di lavoro. Che si fa? Visto che il liberismo è il sistema dominante è chiaro altro non c'è e quindi si rende necessario altre vie che però non sono percorribili con le attuali maggioranze governative: ma discutere di questo nell'economia di strada che vede tutti noi barcamenarci tutti i giorni per vivere e lavorare in un modo o nell'altro, tutto ciò, dicevo, non serve: quali alternative? LO RIPETO ANDARSENE soprattutto in un paese come il nostro che non investe sul futuro a sul mantenimento dello status quo e sul far pesare sulla minoranza che lavora il costo delle speculazioni altrui e il cui ceto dirigente parla di processi, brevi o brevissimi, e di garanzie per se stessi anziché affrontare seriamente questa maledetta crisi; di fronte a tale inettitudine (cui partecipa anche la stessa opposizione che sembra più una corrente "esterna" all'attuale maggioranza) cari ragazzi e nostri figli ..... non state a indulgere a inutili sentimentalismi e sfruttate le opportunità di lavoro all'estero ora prima che siate costretti a farlo!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore