lunedì 20 settembre 2010

20/9/1870-20/9/2010 .....

Con Porta Pia, o meglio, con la Breccia di Porta Pia il sogno risorgimentale si avverava: non solo si era dal nulla una nazione ma ora si aveva anche la sua capitale: Roma. a 150 anni a che stato é l'arte? La prima impressione é che quella breccia é stata blindata e ora ad essere stata conquistata: ma é una semplificazione evidentemente. In realtà le aspettative che la borghesia illuminata aveva non sono state realizzate: già il fatto che non era la creazione dell'Italia ma l'annessione al Regno di Piemonte dei vari Stati preunitari; ma la cosa peggiore era che, dal punto di vista politico, c'era la saldatura fra la borghesia industriale, e liberale, piemontese e il latifondo del sud con un accordo che salvaguardava i privilegi del secondo e trasformava il sud del paese in un mercato coloniale in cui scaricare le produzioni del nord (naturalmente dopo aver distrutto le economie locali e aver introdotto la tassazione piemontese ben più alta di quelle precedenti) gettando il seme della futura, e tanto sfruttata pro domo propria, "questione" meridionale di cui sempre si parla ma nessuno ha mai risolto. C'é ancora qualcosa da festeggiare? E oggi? 150 anni sono passati; i Savoia son tornati sul suolo del paese (tanto cosa possono aver mai fatto di così orribile, no?); abbiamo dimenticato il passato di povertà, emarginazione ed emigrazione; eleggiamo tycoon a Capo; la questione meridionale si é ridotta al "convivere" con la criminalità; parliamo di libertà ma non sappiamo cosa sia, anzi ce ne siamo fatti un idea distorta (anche per colpa del ceto dirigente che per poter autorigenerarsi doveva decantare i pilastri del convivere civile e democratico); e poco ci manca che il paese si spacchi di nuovo in tre almeno........ Ne é valsa la pena?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore