domenica 24 ottobre 2010

Vendola non é la soluzione ....

A Firenze erano in tantissimi al Congresso del SEL: c'era Nicky, il nuovo faro di quella che fu la sinistra; colui che potrebbe essere un alternativa sia rispetto alle mummie del pdmenoelle sia agli avversari veri, il PdL. Sentirlo parlare da un certo fervorino, ti apre dentro e s'insinua quella idea del "si può fare"; poi lo vedi in tv, alla 7, che attacca a testa bassa e vedi che l'avversario lo sfugge non lo considera "pari e pericoloso" e quasi lo tratti con sufficienza: non lo teme e ti chiedi, perché? Non certo per colpa di Vendola, questo é certo. Semplicemente, a mio parere, perché non é "visto" come un pericolo per la casta: un pò perché ne fa parte e un pò perché alla sue spalle non ci sono pezzi da novanta ma "solo" il favore popolare di quella che fu la sinistra; chi ha da temere non é il populismo imperante a destra ma tutto il resto: da Casini (ancora deve capire che i moderati in questo paese non esistono più in seguito alla crisi ceti di centro schiacciati verso il basso) ai cespugli della sinistra (di cui fa parte anche SEL di Vendola), passando per pdmenoelle e Dipietro. In teoria un buon 40%, nella realtà un punto interrogativo grosso come un paese disastrato come il nostro. Ammesso che ci riesca si troverà nelle condizioni di Obama: passato il nulla bushiano che ha lasciato dietro di sé il deserto sociale, politico ed economico; così rischia di essere da noi il dopo berlusca, né più né meno. Macerie su cui si dovrebbe ricostruire tutto: dalla solidarietà all'economia. E si dovrebbe anche guardarsi le spalle dagli alleati: i vari notabili delle varie consorterie non ci starebbero certo a farsi mettere da parte. Ci vuole un progetto, tipo piano Marshall, ma soprattutto coraggio: coraggio per far compiere al paese un'inversione 180°; ci vuole coraggio nel ricercare il consenso popolare, anche facendo scelte difficilissime e dure, mentre i poteri occulti e forti ti fanno la guerra: il rischio é che nasca un tea party, coem negli USA, che ti metta i bastoni fra le ruote, e non é cosa da poco lì immaginiamo qui che non c'è nemmeno quel tessuto, é stato distrutto dal "riformismo" dell'allora governo di centro sinistra di stampo liberista, che la società americana ha. Siamo senza via d'uscita? No, se Vendola bypassa i sepolcri imbiancati della sinistra e si rivolge ai loro elettori; e c'é anche un altro punto da valutare: i suindicati sepolcri imbiancati hanno necessità come i viandante del deserto di nuove energie per poter sopravvivere e tirare avanti, quindi quando capiranno la convenienza, se la capiranno, ci sta pure che lo appoggeranno ma poi? Poi accadrà come con Prodi: un calcio e via al prossimo martire. Scusate ma a Vendola chi glielo fa fare? Io in questa situazione non farei come sta fecendo lui: aspetterei che crolli tutto e con pochi di buona volontà ricomincerei prima di tutto a eliminare la "munnezza" nascosta sotto il tappeto e poi a ricostruire.... ma prima, ripeto, aspetterei che si facciano cadere, e prima o poi accadrà perché é proprio nell'ordine di questi sistema, addosso tutto!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore