martedì 15 novembre 2011

Senza tregua.....

Abbandonata al suo destino un paese come la Grecia (rassegnamoci a vedere emigrazioni in massa di europei di serie c in altri paesi .... chissà se faranno anche in questo caso dei "respingimenti"...) reo di aver seguito i "suggerimenti" della UE aggravando la propria situaizone in maniera irreparabile ora tocca a noi e alla Spagna. E' bastato qualche giochino della politica nostrana per far schizzare spread e interessi sul debito in rinnovo a livelli stratosferici: ed infatti guarda caso l'incaricato dal Capo dello Stato é ad un passo dallo sciogliere la riserva e già si sa che domani alle 11 andrà al Quirinale. Sono i mercati a decidere ormai cosa dobbiamo fare, pensare, vendere, dismettere ecc. perché
se é vero che ci sarà un altro "downgrading" da parte delle agenzie di rating (le stesse che fino a qualche tempo fa certificavano la nostra solidità finanziaria... salvo poi scoprire che sono proprio loro ad aver scommesso contro le stesse certificazioni che hanno elargito vendendo i cdo in cambio di cds e guadagnandoci così tre volte sopra...) noi domani mattina ci possiamo svegliare ..... in Grecia davvero.
se è vero che la Banca d'Italia ha certififcato che le manovre fatte quest'anno (140 miliardi di euro in totale) non servono a nulla (nel senso che i mercati le hanno assorbite e digerite con l'idea che se possono estorcere una simile cifra scommettono tranquillamente che possono estorcere almeno altrettanto per fine anno) possiamo ben immaginare cosa accadrà nelle prossime settimane, mica mesi.
se é vero che tutto il mercato non é nient'altro che un gioco, si un gioco, anzi un enorme gioco di scommesse........ cose del tipo: P(x)= P(1)/ P(n-1)xk ossia la probabilità che ci sia un evento, P(x), é data dal rapporto fra il singolo evento sperato e la totalità degli eventi nel loro complesso moltiplicato (x) l'aspettativa stessa che quell'evento si verifichi.... cosa vi ricorda? La probabilità, o meglio la scommessa che so il superenalotto... o il lotto o fate voi. Eccola l'economia di mercato su cosa si basa ed ecco come si fanno fallire Stati, monete, industrie, popoli interi facendoli passare in pochi giorni da tranquille società a inferni dove l'1% si arricchisce e il resto ... ciccia. Su quella formuletta, con varianti statistiche e movimenti di denaro ecc. ci si é costruito tutta la globalizzazione del XXI secolo ed ecco il nostro futuro che viene deciso da pochi individui che hanno deciso di scommettere al rialzo o al ribasso per fare profitti, ossia soldi perché il vero pericolo é quel "k" ossia l'aspettativa che l'evento si verifichi, un aspettativa che non é solo una probabilità ma un evento, certo o meno non conta, perché basta uno che faccia una mossa che gli altri ci si accodino: ad esempio basta che si abbia in un paese di biscazzieri, quale siamo diventati, un ceto politico di pari livello (per tacere delle lobby che hanno tutto l'interesse, sfruttando la crisi e il default per regolare i conti con i propri avversari e i residui del welfare, i diritti, leggi art.18, leggi assistenza che si fa passare per soldi ai falsi invalidi, leggi i fannulloni, leggi i precari ecc.) a quello dei rappresentati affinché gli squali possano rompere gli argini e dilagare facendo strage delle prede a quel punto facili, anzi proprio l'eccesso di prede gli fa scattare quella che si chiama "frenesia alimentare" ossia: visto che possono sfamarsi bene perché non mangiarsi tutto?
se è vero che si dovranno fare sacrifici "ulteriori" (quanti sacrifici ulteriori abbiamo fatto in passato a partire dal 1980? li avete mai contati?) secondo voi cosane sarà rimasto dell'Italia MIGLIORE che finora ha retto il paese ma che vede restringersi lo spazio vitale proprio e il futuro dei propri figli e nipoti? Quale deserto di macerie rimarrano? E chi dovrà toglierle? O si lasceranno dove sono perché ormai sarà archeologia da mostrare orgogliosi ai propri figli all'insegna del "guarda quanto é stato bravo papà a fare tutto questo per permettervi di vivere bene"?
se è vero che anche le banche italiane si stanno trovando con il cerino acceso lasciatogli dai padroni finanziari, complici i politici, dell'economia .. chi dovrà alla fine ripianare i buchi? su su la risposta é facile..... fosse per me le farei fallire e poi le ristrutturei come hanno fatto in islanda ma sono minoranza a quanto pare..
se è vero che anche i grandi colossi italiani sono in difficoltà come ci si farà fronte alla ulteiore dispoccupazione? E chi caccerà i soldi? indovinate un pò..... perché non creare un cerchio magico politico che ne salvi i destini occupazionali con politiche industriali serie che penalizzi chi investe all'estero e premi chi rimane ad aiutare il paese?
Intanto ha finito le consultazioni e indovinate un pò? Accetta... c'erano dubbi in contrario? a proposito, c'è una sottile perfidia dell'incaricato dal Capo dello stato per formare un governo "finanziario" che salvi (le banche) il paese dalla crisi (voluta e perpetrata da banche e agenzie di rating): ha parlato anche con le donne (Alessandra Servidori, la Consigliera nazionale di pari opportunità ..... ma chi é?) e con il "Consiglio Nazionale della Gioventù"..... sapete chi sono? Su su é facile..... no allora informatevi: qui il link FORUM DEI GIOVANI e vedrete che c'è di tutto, tranne i giovani veri: quelli del mondo reale..... infatti sui social network (twitter, facebook, ecc.) si fa a gara a capire da dove siano uscite fuori queste organizzazioni che confesso nemmeno io avevo mai sentito parlare così come mi chiedo come mai sia stata eletta una "consigliera nazionale"....... però vuoi mettere la mossa, no?
AUGURI ITALIA
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore