domenica 29 luglio 2012

Una legge elettorale .... ad hoc

Ha ragione, duole dirlo, Grillo: beccati con le mani nella marmellata gli zombie, comunemente chiamati partiti, ora fanno finta di nulla e alzano polveroni, uno dietro l'altro.... hanno la necessità di fermare M5S (pur se in discesa nelle intenzioni di voto), in primis, e di far credere agli elettori di farsi la guerra fra loro (ben sapendo che poi tutti si riallinearanno fra loro, con ruoli di comodo, e sosterranno un fantoccio) catturandone i voti, in secundis.




Il loro problema é di evitare di perdere le posizioni di potere e, soprattutto, impedire l'ascesa di movimenti "islandesi" che potrebbero mettere in crisi il sistema cui aderiscono anima e corpo: sistema che finora gli ha garantito potere e soldi mentre a comandare davvero sono banche e finanza; credete che le riforme per loro siano importanti? Solo quando riguardano i comuni mortali sono approvate a tambur battente; ma l'architrave del sistema, la legge elettorale invece comporta problemi: quindi é meglio ragionarci sopra. E' da qualche mese che ci stanno girando intorno: per il parco buoi si fanno la guerra mentre fra di loro pontieri ed ambasciatori cercano di trovare la quadra, una quadra difficile .... quando si ha a che fare con l'amato capo che gioca sempre per se e per i propri affari. Sistemi elettorali diversi danno risultati diversi, quindi é sempre meglio evitare sorprese. Mentre giocacon il pdmenoelle sta trattando per conto suo, indovinate un pò con chi? Con la Lega naturalmente: semmai uscirà una legge elettorale sarà fatta a maggioranza e ciò comporterà guai per gli altri (come accadde per la commissione riforme ai tempi di D'Alema .... non imparano mai la lezione, vero?) anche oggi ci sono tavoli e tavolini ma soprattutto ce ne sono alcuni non visibili dove si decide: e gli altri? O abbozzano, o rimangono con un pugno di mosche in mano, gli paiccia o meno é così.



In tutto questo desolante quadro c'é una sola variabile non semplice da determinare: noi, le pecore.



I sondaggi riservati sono per tutti i, cosiddetti, partiti un disastro: quando gli va bene crollano lentamente verso lo zero; il problema é che, grazie agli errori del deux ex machina, Grillo, (che sembra abbia deciso di farsi del male elettoralmente a se stesso e al suo M5S per mancanza di democrazia interna un problema che hanno tutti ma a lui non perdonano) M5S perde posizioni e anche alcuni movimenti (come le SNOQ) si stanno mettendo sotto ali protettive e, quindi, nessuno emerge chiaramente; ci vuole qualcosa che faccia vincere senz'avere la vera maggioranza di voti, una truffa insomma ..... vista la passività italica non credo che ci saranno sommovimenti sociali tali da far cambiare idea ai tenutari della "cosa pubblica", e nemmeno credo che nel prossimo futuro ce ne siano in vista: cosa ci rimane da fare?



Ecco i miei suggerimenti:



Per chi é indeciso sul chi votare fra i partiti: non gli basta che ci abbiano ridotti così? Non é meglio ASTENERSI DAL VOTO?



Per chi non vuole votare i partiti tradizionali: alternative ce ne sono .... NON ultima quella di turarsi il naso e votare Grillo.



VI RICORDO UNA MASSIMA:



RIBELLARSI, RIBELLARSI SEMPRE; FINCHE' LE PECORE NON DIVENTINO LEONI!!



.............



OGGI CREDERE NELLA COSTITUZIONE E NELLA LEGALITA' E' RIVOLUZIONARIO E SOVVERSIVO



SIETE AVVISATI
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore