giovedì 17 gennaio 2013

Ma qual'é la vera linea del PD?

Allora, lo sappiamo che il PD uscirà vincitore alla Camera dalle prossime elezioni: questo é un assunto; mentre al Senato dovrà, grazie al porcellum, giocarsela alla pari con Monti e il PdL e la maggioranza che dovrà formarsi molto probabilmente sarà un'alleanza con centristi: tutto questo lo sappiamo. Ma sappiamo anche della doppia verità che sostengono? Da un lato qui in Italia parlano di cambiare qualche asperità del montismo, un pò come fece Blair nel dopo thatcherismo, senza cambiarne l'aspetto principale ma dando a intendere che i cambiamenti sono qualcosa di più che formali.... ma all'estero, bé all'estero é un altra storia perché Fassina, si proprio colui che Monti ha chiesto di zittire (entrando in casa altrui con un atteggiamento da padrone delle ferriere di fine '800 .. quasi un unto dal signore), in un intervista al Financial Times ha rassicurato la comunità finanziaria (quei signori che hanno i soldi e che con le loro speculazioni e giochini fanno saltare economie e fallire Stati, i quali anziché vedersi sbattere in galera sono temuti e coccolati dai politici) sostenendo che poco cambierà rispetto a ....... Monti, quindi a parte qualche cosa di formale tutto sarà come prima, non si preoccupino che i loro soldi saranno tutelati. Idem Bersani al Washington Post americano, niente cambiamenti traumatici, per i finanzieri, e tutto quasi come prima: compreso il rispetto degli impegni presi e messi, unico paese in europa, in Costituzione che prevedono il mettere da parte 40 mld annui tutti dedicati allla "restituzione, loro lo chiamano riduzione che fa meno paura, dei soldi investiti (su un totale di 2000 mld di cosiddetto debito circa 680/700 mld di euro sono vero debito estero)".
Quindi mentre oggi Bersani si é esibito in un apertura di campagna tutto orientata ai giovani, candidati e non, in realtà chi conta davvero già sa ...... che tutto quello che finora il PD ha contribuito a far approvare .... rimarrà così com'é. Se poi qualche investitore avesse qualcosa da ridire anche sulle pochissime cose che saranno toccate, nessun problema perché le varie motivazione affinché non possano essere approvate ci sono già: si andrà dal "ce lo chiede l'europa" a "lo spread sta salendo" fino ad arrivare ai meno "nobili" "non ci sono soldi" o "siamo in crisi e non possiamo dare tutto a tutti .... che sarà come dire non diamo nulla a nessuno e quindi tutti scontenti/tutti contenti", fate voi.....
manca poco alle elezioni: non dimenticatevelo quando, dopo esse, accadrà che:
  1. il redditometro dispiegherà completamente i suoi effetti colpendo le piccole cose, anzi presupponendo che quelle piccole cose sono "grande evasione" mentre la vera evasione rimarrà lì intonsa a godersi il sole dei pardisi fiscali;
  2. a marzo ci dovrà essere per forza una manovra correttiva dei conti .... naturalmente tagli a sanità, pensioni, scuola, lavoro pubblico, università, welfare, ecc. mentre NON SARANNO TOCCATI F35, TAV, SOMMERGIBILI, 145 MLD PER IL "REINSERIMENTO DEGLI EX ONOREVOLI NELLA VITA CIVILE (...)", I FINANZIAMENTI ALLA CHIESA, ECC. TUTTI SOLDI NOSTRI SPESI PER POCHI BENEFICIARI..
riusciranno una volta tanto gli italiani a evitare di fare il ragionamento del "male minore" e sceglieranno una via non dico islandese ma almeno ... non stile Goldman-Sachs?
Fra un mese, più o meno, lo sapremo.....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore