mercoledì 6 marzo 2013

“governo di cambiamento” o .... non é meglio un "cambiamento di governo"?

Allora, il PD ha deciso, di non decidere di prendere atto della realtà ossia che il paese ha dato un colpo, e forte per giunta, di avvertimento al sistema dei partiti: o cambiate o andate a casa e visto che c'era lì pronto M5S con un programma accettabile e che finalmente dava voce alla gente e ai loro pensieri anche più reconditi li ha votati o si é astenuta in massa... eppure non é bastato: il PD, ancora una volta trovatosi in mezzo ad un guado, ha scelto di .. rimanervi; chiusi gli occhi hanno optato per la linea del loro segretario e andranno avanti: se vince, com'è ovvio, vinceranno tutti; se perde a perdere sarà solo Bersani perch il notabilato ha già pronta la carta Renzi o quella, sempreverde, di Amato in caso di governissimo con il pdl e soci ... naturalmente il notabilato a questo mira perché é, come dire, rassicurante per loro e per gli interessi che devono preservare; per loro il problema é mr B e non il paese avvolto nelle spire della rcietta greca dove si sa da dove escono i soldi ma non si, ufficialmente, sa dove vanno a finire: la domanda che ci si dovrebbe porre é come mai con il governo monti il debito pubblico é passato dal 120 al 126 e rotti %? Dov'erano finite sobrietà e austerità?
Ma stasera il punto non é qiesto ma il fatto che ancora una volta il PD ha deciso di perseguire una strada suicida, dal punto di vista elettorale sia chiaro, pur di rimettere le mani sul governo... lo chiamano governo di cambiamento e si sono anche dati 8 punti (li trovate al link qui a sinistra.. quello sottolineato e se volete ve lo leggete io l'ho fatto ma non ho trovato nulla che ecciti la mia fantasia a tal punto da credergli sulla parola) su cui trattare, per ora, con M5S; solo che cinque stelle non ha alcuna intenzione di trattare perché ha un suo programma approvato dalla base e portato pervicamente avanti di cui la premessa é NESSUNA TRATTATIVA CON NESSUN PARTITO perché, come dovrebbe essere ovvio, loro non sono un partito e non sono lì per fare le riforme ma, solo, per cambiare il paese rivoltandolo come un calzino per rispondere alla domanda di chi li ha votati, ossia: è mai possibile che si debbano pagare le disavventure delle banche con la precarizzazione del lavoro e rubando il futuro, per mancanza di risorse che vanno alle banche, ai propri figli? Questa é una di quelle cose che proproi le persone comuni non riescono a capire e i partiti attuali li hanno aiutati a confoderli ancora di più con la storiella del "ce lo chiede l'europa" o simil fandonie mentre in realtà, come sostiene anche la napoleoni nell'ultimo saggio di cui parlavo ieri, in realtà, dicevo, la loro unica preoccupaizone era traghettare la nostra economia, mai pienamente matura dal punto di vista industriale, dal manifatturiero al terziario prima e al finanziario poi traformando tutti in giocatori di borsa o in ... falliti. Esattamente com'è accaduto in Grecia, d'altronde anche li la classe politica è complice del processo,  con i risultati che abbiam tutti sotto gli occhi ed esattamente come NON E' ACCADUTO NEI PAESI DEL NORD EUROPA, GERMANIA IN TESTA, DOVE SI SON TENUTI STRETTI IL MANIFATTURIERO E, CONTEMPORANEAMENTE, HANNO SPESO MONTAGNE DI EURO PER SOSTENERLO..... con l'idea che male che andasse c'erano sempre le colonie del sud del vecchio mondo, ossia noi e gli altri piigs, a fare da sfogo per l'export tedesco e delle altre economie. Come credere allora alle vaghissime promesse di un partito che é stato corresponsabile di una tale situazione (ne ha creato le premesse negli anni '90 con le famose, e fallite, liberalizzazioni e privatizzazioni) e ne ha seguito e votato le successive evoluzioni fino al governo monti di cui ha votato tutto e di tutto?
bene fa M5S a tenersene fuori: ha una missiondatagli dagli elettori? Bene la segua, se vuole ancora avere il voto dei comuni mortali che sono stufi di fare da pantalone...
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore