lunedì 9 settembre 2013

l'erfahrung e l'erlebnis di ritorno dalla festa del fatto.....

Traduzione,
  1. ERFAHRUNG: QUALCOSA CHE MI E' SUCCESSO;  per capirsi ... un evento descritto dall'esterno
  2. ERLEBNIS:QUALCOSA CHE HO VISSUTO; per capirsi .... la descrizione tratta dal "racconto (inteso come insieme di sensazioni, ricordi, impressioni, ecc.)" del soggetto
.... in una parola l'evento descritto in sintesi sulla base della persona che c'era, il reduce da essa.
Ebbene quest'anno la festa del Fatto ha rappresentato entrambe le cose: un pò della reminiscenza della seconda repubblica raccontata e commentata e un pò del nuovo che ci attende o meglio la rappresentazione di esso che ne danno i soliti noti e non... un abilissimo mix che ha reso meno evidente la welt and schaung dei presenti: mai scontati ma ovvi negli argomenti; non potrebbe essere altrimenti: siamo periferia degradata della globalizzazione liberista e colonia economica della costruzione europea.. probabilemente per scelta ovvia del ceto dirigente nostrano  peraltro nostro riflesso politico ed elettorale confermando l'italico conservatorismo provinciale  dello stivale pronto ad innamorarsi delle "nuove mode" per proprio opportunismo e comodità se presi collettivamente ma individualmente siamo i migliori rivoluzionari della storia umana... rivoluzionari in pantofole, però.
Non è colpa degli organizzatori della festa, naturalmente.. ma nostra e loro non fanno che raccoglierla e raccontarla: un esempio?
Ero presente all'incontro del "fatto economico" di sabato mattina, peraltro interessantissimo, e mentre sul palco c'erano gli interventi ... fra il pubblico qualcuno, a bassa voce, commentava e discuteva; il bello era che se le cose ovvie erano dette sul palco il viso si illuminava ma se erano dette, in un caso quasi con le stesse parole, fra gli astanti gli sguardi di commiserazione, compatimento, rassegnata compassione ecc. erano la maggioranza... se si voleva una prova dei nostri limiti, bè ... eccola. Sia chiaro gli esperti, i tecnici, i sacerdoti del "verbo" sono del ramo: usano argomenti, parole, tempi e velocità del parlato per farsi capire.. insomma la "cassetta degli attrezzi" a loro disposizione ma mai a nessuno è venuta l'idea di mettere in pratica l'assunto di Noam Chomsky che, a fronte delle ficcanti (si fa per dire) domande dei giornalisti, li prese in contropiede assumendo la tesi che i microfoni posti davanti a lui dovevano essere "girati e le domande rivolte ai tecnici della comunicazione", i giornalisti.... ecco è mancato questo; non che me lo aspettassi: la teoreia che tre italiani messi in una stanza crean 4 partiti, 2 sindacati, dieci movimenti, ecc. è vera .. diventerebbe una babele ma se si è fatto (...) l'esperimento di far partecipare "gli utenti sostenitori" del giornale perchè non sentire anche il polso dei semplici lettori? Sarebbe un bell'esperimento, che ne dite? E, poi, perchè mai si continua con il racconto della crisi sistemica del capitalismo liberista, in salsa italiana che ha molto poco di von hayek ma molto di .. Petrolini (con il massimo rispetto per il Maestro), e dello stato democratico mentre si tace sul processo che ha portato a essa e, soprattutto, si tace sulla possibile diversa trama che si deve dipanare per uscirne, magari ricostruendo quello stato democratico di cui si ha tanta fretta di liberarsene?
E' questo il punto: ci si guarda l'ombellico ma si dimentica tutta la ciccia che c'è intorno...
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore