martedì 29 gennaio 2008

L'Italia il paese del bengodi? Solo per il 10%

Il 10% delle famiglie ha il 45% della ricchezza nazionale!! I redditi da lavoro dipendente invece sono fermi dal 2000 (perrò se si facesse una proiezione dal 1990 ad oggi si vedrebbe che sono addirittura diminuiti, lo affermano in molti lo dicono in pochi). Il reddito del lavoro autonomo è cresciuto del 13%. Ecco i dati Bankitalia. Cosa significano? Semplicemente che la parte portante del paese o, per meglio dire, chi regge le sorti dell'economia davvero paga per tutti le tasse ed è costretto anche a ringraziare perchè almeno un lavoro c'è l'ha: i giovani al 70 % rimangono in famiglia perhè non hanno un futuro certo e vivacchiano con lavoretti sottopagati e per giunta anche sfruttati come precari (leggasi sottoproletariato "economico"). E' il fallimento della politica liberista? Non solo. E' l'evidenziazione della macelleria sociale compiuta da noi a partire dal 1990 dalla classe politica complici: industriali, sindacati, governi, corporazioni varie ed eventuali. In un certo senso l'esperimento è riuswcito, perchè si voleva adeguare, modernizzandolo e liìberalizzandolo, il nostro paese alle economie occidentali avanzate, leggi USA, per favorire la nascita di una classe che spingesse l'economia a crescere e dando la stura alla caduta verso il basso delle briciole della ricchezza (secondo gli insegnamenti dela scuola liberista come è noto miseramente fallita) mentre, porprio come negli altri paesi l'unica cosa che si è creato è povertà diffusa e crescente non solo distruggendo le classi medie ma uccidendo la possibilità di crearsi un futuro per le generazioni a venire. Nel nostro paese ci abbiamo poi aggiunto anche del nostro con l'elevatissima evasione fiscale che è stata favorita e incentivata sia con dichiarazioni improvvide (tasse alte? è giusto evadere; per chi può aggiungo io) sia con scudi fiscali e forfait vari oltre che condoni chqa l'hanno ulteriormente favorita togliendo risorse vitali al paese e impedendo di redistribuire ricchezza ai meno abbienti. I dati di Bankitalia risalgono al 2000 e abbracciano i due governi (Berlusconi e Prodi) e dimostrano in maniera chiara (direi accecante) che le linee economiche e fiscali sono state le stesse e che solo il pervasivo rintontimento degli italiani ha permesso l'evitare non dico rivolte ma l'emergere di una protesta diffusa e giustificatissima visto che chi lavora davvero ne avrebbe tutto il diritto perchè ha dato moltissimo e non ha ricevuto un bel niente della torta che altri si sono spartiti e tracannato a mani basse. Ora la classe politica i suoi sodali partiranno lancia in resta per spiegare a tutti che bisogna liberalizzare e favorire il merito: insomma faranno fumo metre l'arrosto continuano a mangiarselo loro contando sul fatto che gli italiani sono troppo presi dai problemi reali del sopravvivere però ora proprio gli italiani hanno una occasione d'oro: molto probabilmente si andrà a votare e quindi c'è la possibilità di dare un calcione a chi in questi anni ha portato il paese in questa situazione: che ne dicono gli italiani di cominciare ad allenarsi per non sbagliare mira?
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore