lunedì 28 gennaio 2008

uteri in affitto: ultima frontiera per aggirare la legge 40

infatti è anche questo che accade nel nostro folle paese: fatta una legge restrittiva trovato l'inganno di aggirarla soprattutto se ci sono le possibilità economiche e la voglia di maternità a tutti i costi. Non bastasse i viaggi, semiclandestini, della speranza ora c'è la possibilità (cacciando da un minimo di 10000 euro ad un massimo di 100000 euro a seconda del paese cui ci si rivolge e del grado di sicurezza per mettersi al riparo da noie legali e quant'altro) di procedere all'affitto dell'utero (<--qui il link) altrui per avere quel figlio negato per un qualunque motivo dalla natura. L'affitto degli uteri in Italia è illegale, naturalmente, e i nostri concittadini si "organizzano" per l'estero infatti esistono agenzie specializzate che forniscono kit e assistenza di tutti i tipi (da quella legale a quella sanitaria) in pratica un pacchetto completo per rispondere alla domanda delle mamme mancate nostrane e favorire l'iter sanitario e legale per far si che oltre a coronare il loro sogno evitare che si pongano domande imbarazzanti alle frontiere evitando anche le pratiche noiose alla ambasciate.. Naturalmente anche le coppie gay e lesbo ne usufruiscono moltissimo non solo fuori Italia ma anche qui: nbasta avere i soldi. Insomma quello che si chiama servizio completo dal produttore al consumatore come una filiera di produzione. Non critico sia chiaro la scelta delle famiglie di avre un figlio e trovo legittimo il loro desiderio di maternità ma mi pongo la seguente domanda: perchè vietare nel nostro paese qualcosa che, come sappiamo benissimo in un pianeta globalizzato, si può ottenere semplicemente salendo su un'areo e varcando la frontiera? Non sarebbe meglio affidare alla mano pubblica quella che si può rivelare come una truffa o, peggio ancora, una violenza a carico di persone che si possono trovare in difficoltà? E perchè lasciare tutto in mano ai privati che stabiliscono il prezzo per qualcosa che si potrebbe avere anche qui? Qui prodest? Ed è proprio giusto vietare anzichè regolamentare? Ed a proposito di legge 40 viste le tre sentenze di tre diversi tribunali (ultimo l'importantissima senteza del TAR del Lazio per eccesso di potere che ha mandato tutto alla Corte Costituzionale con il rischio per gli integralisti di vedersi per via giudiziaria quello che avevano imposto per via giuridica giocando sui numeri in parlamento e giocando, per quanto riguarda il referendum sulla ignoranza e il qualunquismo italiano) ci sono migliaia di persone e famiglie che stanno seriamente valutando la possibilità di dare il via a ricorsi e distruggere l'intero impianto di questa legge retriva e reazionaria (anche con il prossimo cambio di maggioranza e la pavidità dei nostri politici maggiormente "illuminati" rischiamo di ritrovarci riveduta e corretta) completamente riaprendo i giochi e le speranze, giuste, dei cittadini.............
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore