lunedì 3 marzo 2008

Milleproroghe: l'ultimo assalto alla diligenza della partitocrazia

Mentre in vista delle elezioni i partiti si sono regalati in termini di rimborsi elettorali tutto quello che potevano (anche quello che non gli spettava) con l'accordo di tutti (maggioranza e opposizioni infatti hanno deciso di darsi il rimborso completo nonostante la legislatura sia finita con grande anticipo) con un bel macigno sulla finanza pubblica, un'altro provvedimento è stato da poco approvato che ha finito per aggravare ulteriromente il già disastrato bilancio pubblico: il cosiddetto "milleproroghe". Un Decreto che ha creato un fiume di denaro a favore praticamente tutti quelli che contano nel paludato mondo delle lobby e degli interessi particolari e di nicchia: peso sul deficit circa un miliardo di euro. C'è realmente di tutto di più in esso e mentre lo spirito iniziale era quello di consentire il passaggio indolore da una legislatura ad un'altra dei provvedimenti in realtà si è rivelato come un vera è propria diligenza da assaltare per la politica: ciò nonostante i servizi tecnici del Parlamento avessero fatto rilievi non da poco non solo sulla copertura ma anche sulla fattibilità e ammissibilità dello stesso. Ma si sa, in tempo di elezioni, tutto fa brodo e quello che non si era potuto mettere in finanziaria lo si è "infilato" in questo decreto di fine legislatura che cerca di blandire gli scontenti con finanziamenti e prebende molto discutibili. Ci sono state delle esclusioni è vero: le FF.SS. hanno visto mancare bei soldi a quanto promesso e da aprile c'è il rischio concreto che molti treni siano ridotti di numero proprio perchè quanto richiesto è stato respinto al mittente; soprattutto in tema di trasporto locale e regionale che vedono i pendolari trasferirsi da una città ad un'altra per lavorare e che rischiano di averne un danno enorme in termini di minore servizi e possibilità di non poter evitare a quel punto di usare la macchina privata. Insomma nel mondo reale il danno ci sarà (se non si interviene subito) e sarà di non poco conto: ma qui non siamo nel paludato mondo della politica e quindi ad essa poco importa se i cittadini stanno peggio e se le aziende presso le quali operano ne ricevono un danno in termini di minore produttività e maggiori assenze.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore