martedì 25 novembre 2008

la giornata contro la violenza; l'isola dei famosi finisce..

Ieri tutti, almeno la parte sensibile, si è discusso della violenza contro le donne in tutti i suoi aspetti ..... oggi indovinate un pò di cosa si parla? Della fine dell'isola dei famosi. Ottimi ascolti, sorprese a non finire, un canale dgt dedicatovi, sponsor contentissimi e finalmente smentiti quei "comunisti" che criticavano il format dei reality e li davano per morti. Notate il contrasto? Capite cosa significa? Che possiamo farci tutte le ricorrenze possibili; che possiamo snervarci a parlare dell'importanza della parità e del progresso della condizione femminile della dignità umana; che possiamo dire tutto quelo che vogliamo ma alla fine ci fermiamo vicino alla tv a "guardonare" tipi, più o meno noti, che stanno su una o più isole a imitare i naugraghi di lusso(pagati bene) e a comportarsi di conseguenza dovendo seguire delle regole note e stranote. Non c'è ma che tenga; siamo ormai un popolo dopato di tv e dedito al guardonismo (non immaginate nemmeno quante ne ho sentite in treno e non solo a proposito dell'isola ma anche di altri come il grande fratello) esasperato. Quando mi ci fermo a riflettere mi viene lo scoramento a pensare che persone di questo emisfero stiano incollate a guardare, poi guardo gli esiti delle elezioni e capisco: capisco che non sappiamo più distinguere la realtà dal virtuale e il mondo dei sogni dalla sveglia quotidiana per procurarci il pane (chi con il proprio lavoro chi con il lavoro altrui) e magari non aspettiamo che di tornare a casa e vedere cosa è accaduto nel microcosmo del reality preferito. E' dimostrato che la tv con i programmi esalta la corteccia cerebrale degli individui grazie al flusso delle informazioni, immagini ecc. che ci bombardano quotidianamente, questo stress comporta per l'individuo una distorsione della percezione della realtà e lo porta a reazioni estreme di fronte a situazioni che sono normali visto che avendo perso il contatto con la realtà non siamo più in grado di filtrare le nozioni che ci pervengono e quindi non abbiamo nemmeno il modo di comprendere ciò che abbiamo di fronte. Il problema è sempre quello ed è spiegabilissimo: ci commuoviamo per una tragedia lontana e ce ne freghiamo del nostro vicino così come ci danniamo per "spiare" dei personaggi noti, e meno noti, spersi (si fa per dire) su un'isola, e urliamo alla luna quando un governo ci vende anche la sedia sotto al sedere per salvare chi ci ha irresponsabilmente portato ala fame.......
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore