giovedì 21 maggio 2009

Abusi sui minori in Irlanda, scandalo nella Chiesa irlandese

La cattolica Irlanda è in subbuglio: la Child Abuse Commission ha redatto un rapporto choc sugli abusi ricevuti in 50 anni (LEGGASI CINQUANTA!!) da bambini e bambine (anche diversamente abili di vario grado di gravità) negli istituti gestiti da ordini religiosi. E non da ora questa Comissione lavora ma già nel 2003 aveva redatto un rapporto che portava alla luce tali orrori ma ora è uscita la versione completa e dire che ci si accappona la pelle è usare un'eufemismo: ne parlano molti giornali (strano vero?). Qui cito: La Repubblica; Il Giornale; e su Blogosfere (uno dei maggiori e informati blog che ci sono nella rete italiana). E' difficile quando ti trovi di fronte a queste situazioni: non solo orchi ma torturatori, seviziatori, sadici, in una parola "criminali" in veste religiosa che approfittavano della loro condizione per ridurre in schiavitù bambini e bambine con danni gravissimi alla loro psche e al loro futuro di uomini e donne che venivano rubati senza pietà; segnati per sempre nella loro dignità e nella loro innocenza. Altro che "errori" e "singoli" casi: qui era sistematica la cosa è ripetuta ogni volta per anni e anni su vari, se non tutti, ragazzi e le ragazze (sarebbe meglio dire bambini e bambine). Non ci sono parole su questa storia, che parole si possono dire? Non è la prima volta che accade: negli USA non si contano più le cause intentate; in america latina pure; e una domanda angosciante sale: da noi? Vogliamo o no prendere coscienza che sotto le vesti ci sono uomini e donne? E vogliamo prendere coscienza che un ripensamento della linea ufficiale (si oscilla dalla negazione alla negazione parziale mirante a far sottovalutare gli scandali) rechi meno danni della semplice palese attenuazione del disastro provocato? Come potranno i genitori dare a cuor leggero i loro figli a costoro? Io sono un laico e mio figlio va alla, squinternata e in coma, scuola pubblica e almeno questo glielo evito: forse ci saranno altre cose ma questo almeno loglielo evito. Sia chiaro non tutti sono così, io stesso conosco preti e suore piissimi e realmente impegnati per i più deboli: sono la maggioranza assoluta. Ma dire solo che sono "mele marce" mi pare riduttivo non solo nei confronti dei cittadini ma proprio nei confronti di quelli che realmente credono nella loro missione e, spesso, rischiano la loro pelle per attuarla: sono loro che sono i primi danneggiati.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore