domenica 3 maggio 2009

SALVE RAGAZZI SONO TORNATOOOO

SALVE RAGAZZI SONO TORNATOOOO
Dopo una pausa non dovuta a cose personali ma solo ala stupuda macchina sulla quale scrivo che si è messa a fare i capricci......... ho provato a rimetterlo in sesto ma questo str.... si è messo alle brutte e allora ho dovuto portarlo da un tecnico e ora va.. la nave va. E l'Italia? Quale Italia? Quella che lavora e si suda la giornata o quella gossippara tutta tesa a dividersi fra lariisti e permissivisti? La prima, quella reale, soffre ed è in affanno perchè sta pagando colpe non proprie e sta finanziando una crisi non voluta nè provocata ma, soprattutto, si sta sobbarcando il peso delle scelte del Governo, e di quelli precedenti, di mantenere un sistema corrotto e corruttore che copre chi detiene il vero potere e mantiene la struttura: le banche, uniche vere responsabili del caos attuale e che invece dovrebbero essere accompagnate al fallimento e a pagare i danni alla società e allo Stato; invece no. In nome dell'economia e della crescita (leggasi in nome del mantenimento del potere nelle mani di pochi) le si sta "sostenendo". Anche Obama, che tanti osannano ma che in realtà non si è mai fatto sfiorare dal dubbio di dover tagliare il cordone ombellicale con Wall Street (da cui dipendono ancora oggi molti suoi collaboratori), anzi sta dissanguando lo Stato per aiutare le "povere" banche. D'altronde, da noi come negli USA, le sacche parassitarie sono enormi e votano: come farne a meno? Elusione, evasione, minori tasse per i riccastri ecc. sono i baluardi di questa società e rimarranno tali finchè la gente, forse presa per fame o chissà cosa, non si stuferà e ci darà lei un taglio netto. Poi c'è un'altra Italia. Quella gossippara. Quella che o vive di riflesso (attraverso i giornali "popolari") le vicende dei lustrini e personali di quelli che hanno un posto al sole: se ne cibano e nutrono come fosse aria e sognano e mentre sognano non si accorgono che anche le sedie e le mutande gli stanno levando mentre davanti gli sventolano queste o quelle corna ecc. Ultima non buona ultima la vicenda fra la first lady e il Nostro Capo del Governo che ormai sembrano alla rottura, se non al divorzio ..... aspettate .... controllo se si sono fermati gli orologi ..... no continuano a fare tic tac quindi la vita va avanti con o senza di loro ...... non m'interessano queste cose anzi le trovo anche di cattivo gusto però oggi un bel terzo della popolazione si identifica più nella casalinga di voghera che sogna (e che sogna sua figlia in tv anche se fa finta di non sapere "come" ci è arrivata) e vota e quando vota vota con la pancia (per usare un'eufemismo) e non con la testa e quindi determina la vittoria o meno di un partito. Ecco quindi che questa vicenda assurge a problema nazionale e, come al solito, a sfottò internazionali. E' vero Lei è la moglie con un passato e lui non è da meno (non scendo in particolari perchè il mio blog non è questo) ma la gogna mediatica a cui viene sottoposta è indecente e non da paese civile: come moglie aveva il diritto di non vedersi sbertucciata dalle altrui infedeltà (quali poi vista l'età dell'altro) e come donna altrettanto aveva il diritto di non passare una vita in modo simil Rachele di qualche decennio fa, e già qualche tempo fa aveva pubblicamente detto la sua ma allora ci furono le scuse altrettanto pubbliche; oggi no. L'intera batteria da fuoco mediatica l'ha cannoneggiata per il suo passato (il Capo lo sa? e se lo sa perchè tace? E' d'accordo?) tacitandola o almeno sminuendola agli occhi non della parte intelligente del paese ma agli occhi di quella casalinga di cui sopra che è buona parte di un'elettorato fidelizzato dai media. Una gogna ingiusta e non etica e se pur dietro sembra esserci altro, molto altro (con un profumo di soldi), non posso non essere solidale con lei per il modo in cui è stata trattata per aver detto la sua.... la cosa che magiormanete più mi preoccupa è che molti non compredono, o fanno finta di non farlo, e indulgono con le facezie e con la battute machiste per "conformarsi" invece di chiedersi se questo sia il livello della nostra società: anzi alcuni dicono che gli farà prendere ancora più voti soprattutto, cosa ancora più triste, da parte delle donne...
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore