giovedì 4 giugno 2009

giornata internazionale per l'ambiente: sos terra

Giornata mondiale dell'ambiente. Si dirà il solito allarmismo disfattista e antieconomico; si dirà che siamo in tempo di crisi e non si può andare tanto per il sottile e qundi ben venga anche il nucleare; si dirà eccolo si fa pubblicità ai soliti mattacchioni che speculano sull'allarmismo per spaventare la gente; si diranno tante cose e si faranno tante speculazioni e tanti pro e contro. Ma alla realtà di tutti i giorni non si può sfuggire perchè ce l'abbiamo tutti sotto gli occhi: c'è qualcosa che s'è rotto e il meccanismo che regola l'ambiente non gira più come dovrebbe e i fenomeni estremi stanno aumentando anche alle nostre latitudini (così come la temperatura dei mari sta aumentando innegabilmente), mentre la linea climatica si sta spostando verso nord spingendo ad esempio il nostro paese a dividersi a metà: una parte sottoposta a desertificazione e un'altra verso la tropicalizzazione delle temperature. Questi mutamenti climatici sono ormai visibili a tutti e stanno accelerando innegabilmente (e l'uomo vi sta contribuendo enormemente con i propri apporti per usare un'eufemismo visto che in soli 200 anni ha fatto più danni al clima che nei precedenti millenni in seguito alla cosiddetta rivouzione industriale); così come, in seguito agli scarichi nell'aria, l'aumento dell'oscuramento globale sta accelerando il riscaldamento del pianeta. E questo sono solo alcuni aspetti del problema. Il 5 giugno l'ONU lo dedica all'ambiente proprio per i succitati motivi che si aggiungono a quelli che tutti conosciamo: in primis se si dovesse verificare l'inabissamento della Corrente del Golfo che è quella che consente a tutti noi di vivere nel clima temperato e che ci precipiterebbe in una mini glaciazione (di cui un prodromo si ebbe negli anni '60 nel Nord europa e che non pochi morti fece). L'unico media tv che ne parla è La7 che dedicherà un'intera programmazione (a partire dalle 16) all'argomento con due filmati estremamente interessanti che suggerisco di vedere. Anche in questo caso dobbiamo prendere coscienza che noi dobbiamo riapprpriarci del nostro destino se vogliamo sopravvivere ai cicli caldo/surriscaldamento/freddo/glaciazione cui il pianeta è naturalmente sottoposto nell'arco di 12 mila anni: il problema è che noi stiamo contribuendo alla sua accelerazione e alla nostra autodistruzione, tutto qui. Non mi pare poco..........
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore