lunedì 28 marzo 2011

....... e si continua.....

Mentre l'amato Capo oggi ha fatto il passaggio (dico così per non dire altro) in Tribunale creando un evento mediatico di un suo sicuro "fastidio" per doversi mescolare con i comuni mortali che ogni giorno hanno a che fare con la giustizia (ma che non avendo i mezzi e i soldi che egli ha devono sorbirsi completamente il calice dell'essere nati sotto cattiva stella) scendendo dall'olimpo, una volta tanto, dove si é arroccato; é un altra la cosa che mi ha rallegrato oggi: la sentenza del Tribunale di La Spezia che condanna il Ministero dell'Istruzione a ripristinare le ore di sostegno per un ragazzo che i tagli avevano ristretto o in certi casi eliminato. Ma come, la Ministra a chetempochefa di Fazio aveva contestato con forza l'esistenza stessa dei tagli affermando che anzi le ore erano state aumentate e c'era solo un problema di distribuzione (una lezioncina imparata bene); invece il Tribunale, dati alla mano, la pensa diversamente e ha emesso una sentenza che suona come un de profundis per il Ministero e chi lo ricopre!!!! altro che parole in libertà: lì nella sentenza c'é scritto nero su bianco che non é affatto come dice il Ministro ma esattamente il contrario: i tagli ci sono e hanno fatto danni rendendo ancora più evidenti le differenze fra ragazzi: il nostro paese era un modello di integrazione e in pochi anni siamo diventati anche in questo il fanalino di coda dei paesi OCSE. E non é nemmeno la prima sentenza che sono costretti a ingoiare le burocrazie ministeriali: si può dire che gliel'hanno smontata pezzo per pezzo le varie sentenze, dai precari alle ore di sostegno é stato, ed é, tutto un fiorire di sentenze demolitrici che danno il senso di quanto si sta tentando di fare nel nostro paese a discapito della scuola pubblica per spingere tutti in quelle private, naturalmente a pagamento; chi può ce li manda e il resto si arrangia nel parcheggificio che é quella che fu quella pubblica. Ormai é una guerra di resistenza: da un lato noi che difendiamo il territorio delimitato una volta dalla Costituzione che prevedeva diritti, oneri, facoltà (quel poco che c'hanno lasciato i governi succedutisi dal 1948 a oggi) e dall'altro il potere e i suoi sacerdoti che hanno il compito di devastare quel territorio per ottenerne altro: distruggere anche la memoria di quello che fu per pulire le menti di coloro che verranno dal sintomo "democratico" per inculcarvi (....) altro, o meglio i sani principi dell'egoismo individualistico liberale. E da dove cominciare: dalla fucina dei futuri cittadini naturalmente; meno sanno meglio é, questa é la regola, auguri Italia questo 150° te lo meriti proprio dato di questo passo non ci sarà il 160°.....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore