venerdì 25 marzo 2011

Federalismo e.... stracci che volano.

Dopo il via delle Regioni la strada per il federalismo in salsa leghista é tutta in discesa e per noi invece la strada diventa ancora più ripida, perché? Perché per le nostre tasche, sia per via diretta (la possibilità di tassazione autonoma regionale e comunale) che per via indiretta (tassazione concorrente dello stato centrale), l'aggravio sarà pesantissimo: e questo é un argomento tabù da anni perché se la gente si rendesse realmente conto di cosa significherà questo "federalismo" di rapina i partiti che lo propugnano perderebbero in pochissime ore quasi tutto l'elettorato perché si scoprirebbe il giochino che é stato messo su in questi anni. Un giochino facile facile: non potendo, per ora, fare la secessione si mette su un federalismo truffa che ne pone le basi e di conseguenza alle proteste che sicuramente ne seguiranno sicuramente potranno dire, e diranno, che non é colpa loro e che solo con il definitivo distacco il migliore dei mondi possibili sarà vicino: é una fuga in avanti é chiaro ma ormai la gente é così disperata che si aggrapperebbe a un treno lanciato a 300 km all'ora pur di uscire dal fango che gli arriva agli occhi e la soffoca; in questa condizione é facile preda di qualunque demagogo si faccia avanti e gli prometta, solo gli prometta, qualcosa di diverso. E' la fine del regime democratico perché qualcuno ancora mi deve spiegare quanto saranno contenti i liguri di essere parte della padania a egemonia lombarda o gli umbri sotto l'egemonia laziale.. in tutto ciò, ancora, qualcuno mi deve ancora spiegare quanto c'entra il federalismo disegnato da Cattaneo ad esempio dato che che i milanesi volevano si uno Stato unito e federale ma non sotto i piedi dei piemontesi, allora, o di altri oggi. Siamo già un paese marginalizzato, e non da ora. Con questo tipo di federalismo lo saremo, se possibile, ancora di più e diventeremo facile terreno di conquista coloniale degli altri paesi: una situazione che abbiamo già conosciuto storicamente e che però abbiamo dimenticato evidentemente. Da qui a dire che ogni singola ex regione avrà le proprie milizie e proprie amministrazioni il passo sarà facile come bere un bicchier d'acqua. Cosa accadrebbe in un futuro del genere, dove appunto ci sarà uno stato confederale (questo si diventerà con la naturale evoluzione il nostro stato), se ci fosse uno scontro verbale come quello che é avvenuto oggi fra Formigoni e Vendola che si sono insultati, tralasciamo l'argomento che ora non interessa pur se importante data la materia sollevata dalla polemica (la presenza, acclarata da anni di indagini e processi, delle mafie nel nord italia in generale e in lombardia in particolare)? E se i veneti volessero rendersi autonomi dalla cosiddetta padania, gli altri che faranno? Cinicamente dovrei dire : chi é causa del suo mal...... ma ci conviene continuare a guardare sempre e solo il nostro ombellico? I miei connazionali, per quanto imbevuti di individualismo egoista e avaro, sono davvero disposti a infognarsi in una situazione del genere fino allla sua estrema, ultima, conseguenza? Conoscendoli qualche dubbio lo nutro, almeno finché rimane memoria dei valori della resistenza democratica, perché conto proprio sul loro egoismo avaro per vederli fare precipitosamente marcia indietro verso un qualcosa di un pò più moderato rispetto allo scenario appena disegnato: ce li vedete mettere mano alla tasca per sostenere questi microstati senza futuro e senza speranza e senza futuro? Io no.....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore