giovedì 13 giugno 2013

Grecia: un paese .... emergente; il nostro futuro prossimo? Saremo "emergenti" anche noi?

Già nella classificazione internazionale la Grecia da ieri è un ... paese emergente; equiparato a un qualunque altro paese in cosiddetta via di sviluppo: la cura della troika ha funzionato egregiamente. Insomma il laboratorio funziona:
  1. metti un paese indebolito e svuotato, nel corso degli anni, di tutte le sue industrie;
  2. metti l'ascesa no .. meglio chiamarlo con il suo nome metti la marginalità di uno Stato che ha fatto il furbo per entrare nel gotha europeo e farsi un posto al sole;
  3. metti un ceto dirigente corrotto e subalterno ai cosiddetti poteri forti;
  4. metti il passaggio, negli anni '70, dal sistema aureo (con i quali gli Stati garantivano il proprio debito) a quello dei mercati (dove gli Stati agiscono come i privati e dove si approvvigionano ai tassi stabiliti da essi);
  5. metti che qualche economista in vena di finanziamenti stabilisca che austerità=crescita con il primo fattore dell'eguaglianza che viene ritenuto poco influente nell'economia dello Stato;
  6. metti che poi il teorema di base un altro economista del FMI in un report privato si accorge che è basato su presupposti errati .... poi corroborato da uno studente il cui prof di economia, negli USA, gli abbia dato l'incarico di verificare il presupposto di base del teorema di cui sopra,  (ne parlai in alcuni post precedenti con pubblicazione del report del FMI che lanciava l'allarme sul "forecast Error) scoprendo che anch'esso è basato su un errore di calcolo e di valutazione di serie storiche  incomplete e mal valutate...... senza che nessuno deir esponsabili della troika abbia mai avuto il minimo dubbio comunque sull'eguaglianza di cui sopra e che abbia insistito per la sua applicazione al paese in esame senza tenere in alcun conto le rimostranze di alcuni economisti;
  7. metti che nonostante fosse stato acclarato che c'era un errore di fondo .. si sia proseguito sulla strada maestra del "rigore".... e che il paese sia stato ridotto alla fame, come ben sappiamo;
  8. metti anche che la stessa ricetta è stata applicata ad altri 7 paesi, pari pari;
  9. metti che nei mercati ci sono arbitri e guardalinee (le famose agenzie di rating che rivestono il doppio ruolo di arbitro di linea e di certificatore della solvibilità degli Stati) che fanno due ruoli contrastanti.
Metti che nonostante le proteste popolari i vari governi succedutisi abbiano seguito la via maestra del sostenere le banche e non difendere i cittadini, chissà perchè ... e metti ceti sociali che si sono arricchiti alle spalle degli altri; metti tutto ciò e uno stato marginale e piccolo in pochi anni.. sparisce dalla lista dei buoni e passi alla categoria "emergente" nonostante stia nel salotto buono... mettiamoci tutto ma: come mai chi li ha ridotti così, è ancora lì?
Perchè meravigliarsi che sia completamente privatizzato? E perchè meravigliarsi che lo stesso processo, magari meno traumaticamente, sia in atto in Prtogallo, Spagna, Irlanda e .... Italia nonostante sia chiaro come il sole d'estate che tutto si basa su presupposti teorici e econometrici sbagliati?
Ecco perchè Grillo e i pentastellati facevano paura al sistema economico-politico; ed ecco perchè era necesario fargli la guerra e dividerli, sezionarli, ridurli in pezzi piccoli.. la gente:
  1. non deve partecipare realmente;
  2. non deve sapere, ma intuire solo che c'è qualcosa che non va;
  3. deve dipendere dalle labbra dei politici e dei media e non ascoltare altre sirene;
  4. deve diffidare delle cassandre, vere o fasulle che siano, ed evitare di porsi le domande, quelle domande, che si porrebbero se la cosa riguardasse direttamente le proprie cose e interessi;
  5. non deve rendersi conto del furto che stanno facendo...
insomma, come sosteneva Lippman, essendo incapaci di governarsi da soli devono farlo fare ai migliori di loro e non preoccuparsi perchè sarà tutto nel loro interesse.. proprio tutto?
A queste elezioni politiche il segnale sociale di risveglio è stato chiarissimo... l'apparato messo in campo, dimostratosi peraltro ben oleato, ha funzionato e in soli 3 mesi ha fatto benissimo il suo lavoro sfruttando proprio i punti deboli tipici di un movimento sociale: leadership accentuata; interessi comuni e non; posizione sociale dei singoli; mancanza di coordinamento; e, soprattutto, inesperienza e mancanza di cultura politica di base. Missione compiuta mi pare... la cosa che più mi ha colpito non sono stati gli attacchi e le denigrazioni fatte dai ceti sociali che da questo sistema traggono profitto e forza (dalle libere professioni ai banchieri e industriali per tacere dei politici) ma gli attacchi e le denigrazioni, anche malevole, di chi questo movimento voleva rappresentare: un completo stravolgimento? No un lavoro ben fatto nel corso degli anni e che sarà duro da sradicare... intanto qui l'autoaffondamento prosegue: ora tocca all'aumento IVA, domani saranno Tares e IMU, come da programma.....
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore