martedì 17 settembre 2013

#IvoteforGermany

eccolo: la "nuova" europa sta nascendo; anche i nostri stimati concittadini - insieme a tedeschi, spagnoli. francesi, danesi ecc. - se ne accorgono... quello che c'è nel titolo, #IvoteforGermany, è uno degli hashtag che vanno per la maggiore su tweet.
Il ragionamento é semplice: i paesi come li abbiamo finora conosciuti non contano più nulla; sono ingabbiati da mille regole poste da qualcuno, le cosiddette autorità europee (commissione, BCE, ecc.) che, oltre a NON ESSERE DEMOCRATICAMENTE ELETTE, sono solo una accolita di tecnocrati che cercano (e ci stanno risucendo) di creare una federazione di interessi, non di Stati, tutta improntata ai principi del "mitico" Von Hayek ossia una struttra liberista dove le, ex, entità-Stato sono al soldo dei mercati e no dei popoli che pur eleggono il ceto dirigente e che pur si aspettano di vedere qualche frutto della loro delega; invece no: ricetta economica; struttura legislativa; economia; società; welfare; tutto viene ridimensionato al mercato e alla legge della domanda e dell'offerta con gli stati che pendono a favorire la seconda e a lassez faire la prima.. in poche parole se la cavino da soli tanto fra tasse, imposte e contributi comunque pagano il conto che gli vien lasciato dai mercati; sia in termini di livello e qualità di vita sia in termini economico-politico che sociale. Non è un caso che fior di cosiddetti economisti "riformisti" spingono affinchè il paese si incammini sulla "svalutazione interna (riduzione di tasse e del costo del lavoro inteso come salario)" anzichè usare la leva della svalutazione della moneta, la spesa pubblica mirata alla ricerca e allo sviluppo alle opere essenziali (scuola, univeristà, beni culturali, ecc.) ... come in giappone, per fare un esempio semplice semplice.
L'obiettivo dei tecnocrati "mercatari (detto in senso spregevole)" è chiaro: lo dicevo prima e lo ripeto qui, ossia "DE-DEMOCRATIZZARE LA POLITICA E DE-DEMOCRATIZZARE LA DEMOCRAZIA" SONO COSE CHE DANNO NOIA..... i popoli è chiaro che si aspettano che il ceto dirigente ascolti le loro istanze e le loro esigenze ma dev'essere altrettanto chiaro che l'esigenza delle "riforme" è market-oriented perchè è sui mercati che si decidono il futuro delle società, la loro competitività, il lavoro e si sa che il mercato non è certo tenero con chi non ce la fa, no? A. Smith poche righe sotto il famoso "ricchezza delle nazioni" sosteneva che il miglior modo per evitare che i poveri facessero troppi figli era di lasciar andare la mano invisibile del mercato, ossia la legge di natura della domanda e dell'offerta: tradotto significa affamiamoli ed eviteranno di farne troppi di figli; il prototipo dell'eugenetica e del nazismo in tutte le sue articolazioni........ è questo il vero obiettivo? In questi termini no naturalmente... siamo ancora troppo istruiti e vicini agli orrori dei totalitarismi per poter far passare in maniera chiara un messaggio del genere; ma date tempo al tempo e disimparando nei giovani la storia prima o poi diventerà naturale che qualcuno se ne uscirà dicendo: "perchè devo pagare le mie tasse? Per i poveri fannulloni?" Logico, no.. già lo si dice per le donne che lavorano e che hanno la pessima abitudine di "restare incinte" ma è solo l'inizio...
giustifico pienamente coloro che hanno fatto il ragionamento di cui sopra: l'unico paese che conta davvero e che può determinare anche il nostro futuro è la Germania, quindi come cittadino europeo ho il DIRITTO di votare per quel paese e non per uno di sfigati e perdenti, come l'italia...... giusto, no? E' lì che si determinano i nostri destini ed è lì che si giocano i destini: da un lato la Merkel che ha basato tutta la campagna elettorale sulla stabilità economica dei tedeschi (che così scaricano sugli altri paesi fratelli i loro costi) ed ha ottime probabilità di vincere anche queste di elezioni; dall'altro i socialdemocratici che sono stati i primi a "riformare" il welfare tedesco in senso liberista (sempre questi comunisti a fare casini, vero?) ma l'hanno molto addolcito nei vari laender con annessioni delle banche regionali nel pubblico e con la compartecipazione dei lavoratori nelle aziende; infine gli euroscettici (quelli per cui tifo lo dico chiaro e tondo qui) che ci vogliono fuori dall'euro .... c'è un solo ma: loro ci vogliono fuori ma pagando i debiti (che io non pagherei se non dopo la nomina di una commissione indipendete che dovrebbe valutare se è stato creato in maniera fraudolenta, e a discapito dei cittadini) in euro mentre i più intelligenti fra loro, che capiscono il pericolo che si corre, ci vogliono fuori ma senza pagare in euro ma in una moneta "cattiva" che ha come contraltare il suo cronicizzarsi. Ora fra i due il male minore è il secondo: per il semplice motivo che riacquistata la sovranità abbiamo anche le mani libere nel decidere quali siano le vere priorità del paese e agire di conseguenza; dal canto loro se gli euroscettici arrivassero nel parlamento tedesco ogni singola iniziativa sarà vagliata dalla loro corte costituzionale che ha già stabilito che nessuna iniziativa può essere presa se in contrasto con l'interesse e l'economia tedesca come a dire scordiamoci il "salva-stati oops banche" se avessimo problemi..
si hanno proprio ragione: voglio anch'io votare per le elezioni tedesche!!!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore