lunedì 20 gennaio 2014

un nuovo default... del tipo cinese

“Perché mai, noi cittadini che lottiamo per sopravvivere, dobbiamo essere condizionati da debiti creati da una élite al potere che li ha contratti a nostre spese?”
Murray Newton Rothbard, economista, storico, filosofo dell’anarcocapitalismo 
Bene, spero che sia chiaro. PErchè sta arrivando un altro tsunami, finanziario, stavolta dall'asia, in particolare dalla Cina. La potenza asiatica, la prima che ha introdotto il liberismo (o anarco capitalismo, fate voi) in una società comunista, nell'interpretazione maoista, sta dando i suoi frutti.
In quel paese si è sviluppata una finanza ombra (dark pool) che possiede titoli per ben 492 milioni di dollari, un sistema parallelo che ha fatto da base al boom economico cinese e che ora presenta il conto al potere con la pretesa di vedersi reintegrata non solo della liquidità immessa ma anche degli interessi correlati ..... una cosa che il governo, non democratico, cinese ha già messo in chiaro che NON restituirà perchè non è parte del circuito ufficiale economico e finanziario e perchè anche se non è intervenuto, gli conveniva non farlo, sapeva benissimo cosa accadeva e cosa avrebbe fatto: soprattutto cosa avrebbero dovuto fare i paesi di provenienza dei soldi per reintegrare le perdite dei cosiddetti investitori finanziari.... pompare liquidità nei mercati per salvare banche ecc. una cosa già vista dal 2000 in poi in occidente: solo che ora serviranno a salvare la cina o meglio il mercato parallelo cinese nel quale sono coinvolti i nomi più importanti della finanza e dell'industria del pianeta; in pratica: la cina rischia un dafault perchè ha detto che non vuole pagare i titoli del mercato parallelo ben sapendo che i soldi ivi presenti, pur essendo stati utili alla propria economia, non erano soldi propri ma di provenienza occidentale; che ci pensino loro a farlo...... l'hanno già fatto, no? Il problema è esattamente questo: per salvare le proprie economie e i propri interessi finanziari i paesi di provenienza (non creditori perchè questo è, come qui, debito privato e per giunta speculativo) dovranno sobbarcarsi quei 492 mln di dollari, come? Nel solito modo: tagli, ritagli e frattaglie a carico dei propri cittadini; svendite del proprio patrimonio; dissanguamento delle proprie casse; relativo aumento di tasse, imposte e tributi.... ripartenza della recessione con contemporanea svalutazione delle propri economie, ancora troppo deboli, mentre la cina rimane così com'è: un gigante economico con i piedi d'argilla ma importantissimo come luogo dove far fare la produzione manifatturiera ed esempio da sventolare davanti ai rispettivi popolio come esempio di competizione e rappresentazione del male contro il quale non si può far nulla se non cancellare, buona come scusa, quei diritti e quel welfare che ha fatto dell'occidente una culla a misura d'uomo negli anni che vanno dal '50 al 80.
Il gioco, e il giogo, cinese non muterà: rimarrà così com'è tutto e i soldi continueranno a girare lì e non qui non solo perchè fa ancora gola agli speculatori ma soprattutto perchè gli stessi sanno che le loro perdite saranno sempre coperte da tutto il resto del pianeta .. a spese di tutto il resto del pianeta!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore