giovedì 14 aprile 2011

le balle stanno a zero.....

Il Governatore Draghi era un pò che lo diceva: il paese é fermo, non c'é nessuna crescita, al 1 e qualcosa% e la disocupazione, quella ufficiale non certo quella reale (composta da cassintegrati, inoccupati, sottoccupati, disoccuapti), é ferma al 8% e il debito pubblico italiano é al 120% (convenzionalmente si ritiene che la soglia di non ritorno sia intorno al 117% perché prima di questa soglia lo Stato può ancora garantire ai creditori di rientrare oltre no perché il patrimonio e la tassazione non ce la fanno a farlo rientrare); il rapporto deficit/pil oscilla fra il 2 e il 5% a seconda delle varie e fantasiose interpretazioni per non parlare dell'inflazione che viaggia, sempre ufficialmente, intorno al 2% (quella reale la conosciamo tutti, basta farsi un giretto fra mercati, supermercati, benzinai ecc.): insomma un paese in coma vigile e basta. Invece gli illuminati al governo affermavano altro e tacciavano di gufismo acuto chi osava, solo osava, togliere le bistecche mediatiche dagli occhi ai cittadini. C'é voluta la UE liberista e mercantilista, a nucleo duro di francesi, tedeschi e inglesi, a darci una prima scrollata (quando c'ha praticamente costretti a firmare gli impegni di rientro, peraltro stringentissimi perché per potervi rientrare questo, o il prossimo, governo dovrebbe fare manovre di soli tagli di 25 miliardi di euro all'anno per i prossimi 20 anni, mica bruscolini) agli "ottimisti della volontà" (che ci continuavano a propinare balle) e a farli atterrare dal mondo dei sogni indotti... poi ci si é messa la crisi e infine le banche nostrane (le tanto decantate banche italiche orgoglio e vanto del governo che ora stanno varando a spron battuto aumenti di capitale se volevano rientrare nei parametri di Basilea 3) che hanno stretto il credito a tal punto che famiglie e imprese sono praticamente alla canna del gas: insomma c'é voluto un pò affinché il governo, e i geni che vi sono, ammettesse che la decantata "crescita" al 2% per quest'anno, e 2 e qualcosa per l'anno prossimo, ammettesse che aveva, a dir poco, sopravvalutato (volutamente?) i segnali minimi di ripresa che si stavano verificando; giusto segnali perché sono subito spariti appena la BCE ha alzato i tassi di 1/4 di punto. Ora candidamente ammettono quanto a tutti era chiaro: siamo nella me..lma fino agli occhi e non sanno come uscirne. Ma, invece di peroccuparsi, cos'hanno fatto i nostri prodi rappresentanti? Leggi e leggine per uso personale e come se non bastasse hanno avuto tempo anche per: aumentarsi gli stipendi; cercare (per ora é fallito ma poi si vedrà) di equiparare le Fondazioni ai partiti in modo da raddoppiare il finanziamento pubblico ai partiti (tutti inclusi anche se l'IdV si é sfilata quasi subito. ma tanto se decidono passa lo stesso e chi dice di no si salva la faccia e basta ma poi passa all'incasso comunque); presentare un ddl per aumentare il numero dei ministri con o senza portafoglio e anche il numero dei sottosegretari (la questua dei compravenduti va onorata sennò questi come hanno cambiato una volta lo possono sempre rifare) con un bell'aggravio di spesa; giocarsi la partita delle nomine negli enti e aziende pubbliche non in base al "MERITO" ma al manuale Cencelli; finanziare il Ponte sullo Stretto; finanziare le scuole padane; pagare le quote latte dei furbi allevatori (spesso padani doc); finanziare surrettiziamente la scuola cattolica privata tagliando in egual misura quella pubblica; far entrare il CEPU nel circuito universitario ufficiale ammazzando di baronia, burocrazia e tagli draconiani l'univeristà pubblica; licenziare centinaia di migliaia di precari; eliminare il sostegno sostenendo il contrario ( cosa subito smetita dalla Magistratura e dalle sentenze); tagliando la sanità pubblica per spingere noi tutti nelle braccia di quella privata (privata sì ma sempre finanziata dai soldi pubblici.. altro che privata); tagliando surrettiziamente le pensioni con il beneplacito delle oo.ss. allineate (Cisl e Uil); dando in "gestione" i beni culturali a privati .... prima che crollino naturalmente; svendendo il patrimonio dello Stato (unica garanzia contro il fallimento); nulla facendo contro la esponenzialmente crescente evasione fiscale, contributiva, erariale (fatevi un giretto su paradisifiscali.com così vi fate un idea....); ecc., ecc. perché sennò ci vogliono dieci blog per fare l'elenco completo. Ma questo governo del fare come pensa di porre rimedio viste che le prospettive sono solo tre che ha davanti (la prima sono i tagli; la seconda far finta di niente e sperare che ci sia una straccio di ripresa la terza ... cambiare rotta ma significherebbe andar contro tutto quello che finora hanno strombazzato e quindi é scartata a priori)? Capiranno mai i miei concittadini che invece siamo con un governo sì del fare ..... ma del fare nulla!!!!!! E l'opposizione (....) qual'é la sua ricetta? Qualcuno ha sentito qualcosa in merito? No, perché solo se stanno zitti come mummie riusciranno a far dimenticare le proprie responsabilità per la situazione attuale e soprattutto perché, stante l'attuale sistema politico-economico di stampo liberista, dovrebbero dire che l'unico modo di uscire é chiudere completamente il rubinetto dei soldi, ma per tutti: e chi li vota gente che dice una cosa del genere? Nessuno..... come non credere a quei pochi folli, di cui mi onoro di far parte, che da anni affermano che si deve cambiare non strada, ma addirittura sistema se vogliamo davvero uscirne: prendendo esempio non dalla Grecia e dall'Irlanda ma dall'Islanda dove forse hanno capito l'errore e stanno agendo di conseguenza.... ma sono folli quindi non hanno peso se non quando li mettono in camicia di forza e li mettono di peso nelle ambulanze per rinchiuderli chissà dove, almeno quello che li consola é che l'hanno detto gli altri nemmeno questo possono fare dato che per il timore di perdere anche un solo cent, poveri forzati dell'ottimismo a ogni costo (io, invece, mi ritengo un pessimista o meglio un ottimista bene informato), di quel poco che gli hanno lasciato sarebbero capaci di scaricare sul vicino, se possono, o sul fratello o su chiunque capiti a tiro quello che loro dovrebbero pagare o decidere di pagare......
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore