mercoledì 8 giugno 2011

Fatto un referendum .... trovato l'inganno.

Avete pensato al dopo? Si al dopo, ammesso che si arrivi ai quorum, referendum: che ne sarà delle abrogazioni? Mica penserete che tutt'a un tratto i politici diventeranno "buoni" e si spoglieranno delle tante tutele dei poteri forti che li hanno finanziati? Andiamo a dare un occhiata:

  1. Nucleare. Se, ripeto, passa il quorum di nucleare e di piano strategico nazionale non si potrà parlare più per un bel pò di tempo, io spero per sempre però mai dire mai perché son sicuro che la lobby nucleare il giorno dopo ricomincerà a lavorare alacremente, e chissà che non ci saranno black out a ripetizione nel frattempo, chissà per poi sentirsi dire .. avete visto ? non avete voluto l'atomo e questi sono i risultati; oppure aumenti delle bollette giustificati da maggior uso di carbone, la fantasia è illimitata in merito.
  2. Legittimo impedimento. Anche qui lo stuolo avvocatizio non perderà certo tempo e si dovrà, alacremente, guadagnare la pagnotta con qualcos'altro, che so un lodo ulteriore insomma qualunque cosa pur di rimandare a oltranza per raggiungere la prescrizione agognata. Vedremo...
  3. Due referendum sull'acqua. Qui l'aspetto è complesso perché non c'è solo il pdl e la lega ma in gioco entra anche il pdmenoelle che ufficialmente è per il sì ma sotto sotto pensa già al dopo. E il dopo é ......... suspence ...... allora in Parlamento giace una proposta di questo "partito", che avrà mai un ddl? Che é diverso dalle proposizioni dei comitati referendari: radicalmente diverso. Prevede la nascita di un Autorità (altro lavoro per il Cencelli ...... sapete cos'è? Per voi spero di si..) che controlli (...) la gestione dell'acqua che non dovrà essere "necessariamente" privata né obbligatoriamente pubblica (...) ma, a seconda dei casi, a una o ad un altra (in Toscana, dove privata in massima parte lo é già, ciò significherebbe che rimane tutto così com'é con qualche aggiustamento, minimale direi) con una piccola differenza: se privata ci saranno gare e se pubblica non ci potranno essere ricapitalizzazioni da parte dei soci pubblici: il che significa problemi per gli utenti perchè, attenzione, senza ricapitalizzazioni ossia non si potrà prendere dalle tasse pagate dai cittadini nulla per rimetterle in sesto: conseguenza sarà un aumento delle tariffe, ma come non hanno fatto a pensarci prima? Che stupidi!!!! Questi del pdmenoelle sono dei veri GENI, vero? Per l'altro aspetto, la remunerazione del capitale investito, che si fa? L'attuale legge dice che va tutto in bolletta; la proposta referendaria auspica che vada tutto preso dalle tasse già pagate in base al reddito e solo una piccolissima parte con le tariffe, piccolissima; e i GENI del pdmenoelle? Prima ho parlato di un Autorità, ricordate? Ebbene la suindicata è l'organo deputato a stabilire quanta remunerazione dovrà essere pagata. Come? Ma in bolletta, naturalmente....... Cerdevate che le pagassero di tasca prpria i politici, spesso trombati, messi "ad operare" in queste società?

Visto? Avete ancora voglia di votare per questi alle prossime elezioni politiche per il pdmenoelle? Questi nemmeno hanno ancora fatto svolgere il referendum e già hanno pensato a come fregarci, se passa il quorum, se vincono i sì!!!!!!!!!!!! ricordatevelo sempre: temete i greci, e mi scuso con i greci ma il motto è così, che portano doni..........

Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore