mercoledì 10 ottobre 2012

dopo la spending review arriva il DEF meglio noto come documento di stabilità

Il provvedimento contiene:
Tagli per Regioni: in pratica, se andasse anche in porto anche la riformina costituzionale che azzera il federalismo previsto dall'art.117 della costituzione, le regioni tornano ad essere completamente dipendenti dai soldi statali da un lato (alla faccia delle belle parole dette finora) e dall'altro ingabbiate in una tenaglia di tagli, o maggior tasse da imporre ai cittadini, che le affogano letteralmente: con il personale politico che attualmente le occupa, bé forse é meglio... però 2,2 mld di euro in meno si sentiranno in termini di privatizzazioni forzate di acqua, trasporti, ecc. Se si volesse davvero eliminare gli sprechi si potrebbe ri-prevedere il visto preventivo alle misure della Corte dei Conti, ma la stessa politica lo escluse.... peccato che a pagare saremo sempre e comunque noi.
Sanità: meno 1,5 mld di tagli, in pratica la sanità pubblica .... muore. E' vero che questo governo ci deve traghettare nel modello americano dove tuto si paga con le assicurazioni che ti mettono il fiato sul collo ma é anche vero che gli italiani sono rassegnati all'evidenza e quindi: venghino venghino...
pubblico impiego, con il blocco confermato degli aumenti degli statali. C'è anche una stretta sui permessi previsti dalla legge 104 per i disabili o per la cura di parenti affetti da handicap, con la retribuzione per i giorni di permesso (tre al mese) scende al 50% se i permessi non riguardino moglie e figli. Tacendo sull'aspetto, non secondario, che in "nome dell'equità" ci sarà, con la delega fiscale, un bel taglio sulle detrazioni e deduzioni fiscali: sono quelle cosette che ci consentono di pagare meno in nome di un peso fiscale che, nel caso dei lavoratori dipendenti, é incommensurabilmente pesante rispetto ai paesi civili; siamo l'unico paese cha ha spostato sui lavoratori il peso che prima era equamente diviso fra gli stessi, la fiscalità generale e le imprese.... rifletteteci.

Il costo per la riduzione della prima aliquota Irpef, che si applica su tutti i redditi, è di 4 miliardi, quello del secondo scaglione vale un altro miliardo. Sotto i 7.500 euro, che è la soglia di no tax area, non accade nulla. "Tutelati" anche i redditi fino a 15.000 euro che non verranno toccati nemmeno nelle detrazioni e nelle deduzioni. Sopra questa soglia, invece, scattano i tagli alle agevolazioni fiscali: arriva un tetto di 3.000 euro alle detrazioni e per molte deduzioni (ma non su quelle per la sanità) viene introdotta una omogeneizzazione, con una franchigia di 250 euro. Però con il taglio di deduzioni, delle detrazioni, l'aumento dell'iva, della tariffe (gas, elettricità, acqua), e la conseguente inflazione; ....... é come se non avessero fatto nulla: in pratica una mossa puramente elettorale, un contentino ai partiti, in praticolare al PD che dovrà ingoiare lo stop sugli esodati fatto dalla Fornero..

Tobin tax. Il governo ha poi deciso di introdurre «già da subito» la tassa sulle transazioni finanziarie, ha affermato il ministro dell'Economia Vittorio Grilli dopo il varo della Legge di Stabilità. Il governo si dice convinto che le misure siano coerenti con gli accordi presi in sede europea ma si dice anche pronto a "fare gli aggiustamenti necessari". Grilli ha precisato che dal «bollo» sulle transazioni finanziarie sono esclusi i titoli di Stato. Con il tasso d'evasione che abbiamo e le regole annacquate che ci ritroviamo gli introiti saranno scarsini..... anche questa propaganda per gli allocchi: ben altri potrebbero essere gli introiti, e la filosofia della tobin tax, se regole, controllori ecc. fossero diverse.. ma questo é solo il migliore dei mondi possibili, arrangiatevi.

Imu per la Chiesa dal 2013. Il governo ha inoltre modificato il testo della legge riguardante l'Imu per gli immobili non commerciali e quindi anche della Chiesa in modo da definire il quadro regolatorio «in tempo per il periodo annuale di imposta» che decorre dal 1 gennaio 2013. Questo é veramente ironico: pensano davvero di far pagare qualcosa ad un entità che da oltre duemila anni sopravvive a tutti e tutto? Mah...

 Spending review: 3,5 miliardi. Le nuove misure di razionalizzazione della spesa pubblica si basano su un censimento di spesa «aggredibile» pari a circa 50 miliardi: 11 miliardi per l'acquisto di farmaci, 7 miliardi per i dispositivi medici e 32 miliardi di acquisti per gli investimenti.

"Cieli bui". Per riuscire a risparmiare sulla corente infine le notti saranno meno ricche di illuminazione artificiale.
In compenso spendono eccome:
  1. 800 mln per le FS; 
  2. 300 all'Anas;
  3. TAV: bé qui si son proprio divertiti perché danno anzi regalano 800 mln fino al 2015.
  4. MOSE per Venezia: circa 1,25 mld per ... cosa? 
  5. 50 mln per la Nato... si proprio la Nato.
facciamo un pò di conti: 800+300+800+1,25+0,50=3150 e spiccioli di milioni di euro che in termini di Pil fanno un bel debito pubblico che aumenta......
che post é mai questo? Sembra il conto del ristorante, vero? E lo dobbiamo pagare noi.....
auguri a tutti
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore