lunedì 7 ottobre 2013

arriva il cosakko..... del FMI

Già, proprio così perchè il governo italico ci riprova, insieme alle caste che lo sostengono, a far fare il lavoro sporco a qualcun'altro: lo hanno già fatto in passato, continuato a farlo con Monti... continueranno con Cottarelli, ex Direttore del FMI,appena chiamato a fare la parte del cattivo conto terzi ossia mercati deregolamentati, veri altari del darwinismo sociale, e dovrà metter mano a 800 mld di euro di spesa da tagliare o, come dicono loro, "comprimere".. quale? Sanità, pensioni, stipendi pubblici, province e ...... questa è nuova ...... i trasferimenti che lo Stato fa al trasporto regionale, leggi proposta Giavazzi (il mitico fustigatore di Monti, in realtà suo sodale, che propose misure di stampo greco ..... senz'essere preso minimamente in cosndierazione da nessuno ma aspramente criticato da chi ne capì il pericolo; i tempi, con il senno di poi, in realtà non erano maturi; ora ci stiamo arrivando, nessun problema), e alle Poste e altri servizi pubblici; insieme al solito corollario di tagli, ritagli e frattaglie (agevolazioni fiscali, deduzioni, detrazioni, forse invalidi da cacciare come falsi ecc. ecc. il tutto si stima per un valore di 170 mld sempre da "comprimere"). Per giunta l'ex Direttore del FMI, è sempre bene ricordare chi sia e cosa rappresenti (chiunque si occupi di volontariato nei paesi poveri sa benissimo cosa intendo e quali danni abbia fatto e quanti ne fa ancora; la storia economica è enciclopedica nel parlarne e la letteratura è vasta quanto il deserto del sahara... con tutto il rispetto per il deserto naturalmente...) questa Istituzione di "soccorso" della finanza, Cottarelli avrà poteri speciali e ampia autonomia, e imamgino bei soldi a spese nostre naturalmente, nel decidere: non potrebbe essere altrimenti dato che è l'ultima diga contro l'arrivo della troika e l'ammissione ufficiale che non siamo come la Grecia ma peggio... lì almeno i politici ci mettono la faccia... qui chiedono all'ennesimo burocrate di fare quello che loro non hanno il coraggio di fare  se non scaricandolo su qualcun'altro..... in questo caso Cottarelli, in passato Monti.
Non dobbiamo sottovalutare tutto ciò, l'abbiamo fatto finora e i risultati sono sotto gli occhi di tutti, perchè è in atto una vera e propria guerra; una guerra IDEOLOGICA in primis perchè chi è su questo fronte è fortemente motivato a farla e dall'altro ci siamo noi ... quelli che pagano il famoso 80% che detengono appena il 25% della ricchezza totale (qui si parla dell'intero pianeta), stipendi e pensioni, che ogni volta s'illude che il salvatore di turno faccia quello che promette e accompagni alla porta la sanguisuga di turno; poi si va a guardare al curriculum e si nota che è stato minimo un qualche burocrate di qualche agenzia di rating fino a direttore del FMI ma sempre appartenente a quella casta sovranzionale e transnazionale che non si sente più parte di un qualcosa ma si sente "un" qualcosa: un qualcosa che determina i destini del pianeta. E' sempre così: dalla fine del 1800 (con una interruzione che va dal 1920 al 1980, 70 anni, dovuta a I e II guerra mondiale, grande depressione, guerra fredda ecc.) in poi con aruspici tipetti come Spencer (colui che sosteneva che ai ceti meno abbienti andava messa davanti l'idea di potersi migliorare e migliorare la condizione dei propri figli .... dimenticando che senza soldi, e tanti per giunta, non andavano da nessuna parte restando esattamente dov'erano ossia nel letame poco sopra il livello brutale degli animali da soma) o come tutta la scuola austriaca (inutile fare i nomi, sono noti e tutti con una certa tendenza al mercato senza regole con l'idea, del tutto falsa, di fondo che i migliori dovessero, per destino, governare sulla massa bruta e ignorante e con alcuni di loro che vedevano con grande simpatia il nascente nazismo ..... fino ada rrivare alla corrente estrema: quella dell'anarco-capitalismo (senza voler offendere gli anarchici veri) che mira a distruggerlo lo Stato, si proprio distruggerlo. C'è, poi, un altro aspetto (oltre quello ideologico) quello economico: è quello che si nasconde dietro l'ideologia e che passa attraverso quello che chiamano "dark pool" dove vengono trattati enormi quantità di denaro che, senza alcun controllo, vengono scambiati con strumenti complessi come derivati, subprime, ecc. dove a guadagnarci sono i gestori e gli azionisti ma non i cittadini e non è un caso che gli Stati, spesso gestiti da sodali di questo ceto (se non direttamente, come nel nostro caso fino a Monti), fatichino sia a regolare questi mercati al limite del legale e a tassarli ..... e li temono. Cosa fanno secondo voi le istituzioni come il FMI? Li combattono? No, naturalmente, ma costringono gli stati a pagare il debito finanziario ai tassi suggeriti da questi "mercati" non quelli ufficiali sempre nella convinzione che poi essi si sappiano regolare da soli.. cosa a cui credono gli allocchi e chi vota per i loro rappresentanti, ossia noi..... il progetto liberista procede, crisi o non crisi (anzi grazie ad esse, con fughe in avanti e veri e propri colpi di stato, e si attrezza allo scopo: media controllati da poteri finanziari e/o da soldi pubblici (difficile trovare qualcuno che morda la mano che lo nutre); banche che strozzano stati e società con il loro potere di ricatto; ecc. la solita solfa...
secondo voi questo tagliatore di teste eliminerà i 2 mld che il nostro paese sta per regalare a MPS (ne abbiamo già dati 4 con l'imu)? No.
secondo voi taglierà il trasferimento di soldi dalle nostre tasche a ripagare le banche internazionali che ci sta affamando? No.
secondo voi taglierà l'acquisto dei mitici F35, e altro materiale militare, che nemmeno gli americani vogliono più? No.
potremmo continuare all'infinito... e la risposta sarebbe sempre la stessa: NO.
Il paese corre un pericolo mortale, eppure..... eppure come ogni giorno ci si alza e si va al lavoro, o alla sua ricerca, o a scuola o chissà dove e ogni giorno muore un poco di più in tutti i settori, tranne uno: la poltiica e tutto il circo che gli sta intorno: è fiorente...
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore