venerdì 14 marzo 2014

nasce il renzismo..

Viviamo nella società dell'immagine, vero? Allora questi sono i filmati: il primo è conferenza stampa del Presidente del Consiglio


questo sotto invece è la dichiarazione del Commissario Cottarelli


parole, e in politica e in economia le parole pesano, nel primo e parole nel secondo, ma di diverso tenore....
Scendiamo nel dettaglio:
La realtà.
Cottarelli ha dichiarato nella sua audizione che ci sono 3 miliardi circa disponibili sulla base del suo "studio"...... ha anche detto che, se applicati alla lettera, i tagli produrranno 34 mld di euro di risparmi per il ..... 2016 ossia un 2% di PIL (ricordate, per il 2016!) colpendo a 360° nella P.A. a partire da:
  1. Pensioni d'oro che dovranno avere un imposizione aggiuntiva di "solidarietà" per finanziare i contributi sociali per i neo- assunti........ già fatto e bocciato a tutti i livelli giurisdizionali per "disparità di trattamento": mi sa di misura per "accontentare la sinistra" quindi di facciata perchè non credo avrà buon fine: risparmio atteso.... con 270 mld di spesa pensionistica secondo il Commissario non verrebbe toccato se non il 15% della stessa ossia quelli che hanno oltre 2500 euri lordi, dice....
  2. Immobili ed enti pubblici. Immagino che "la diversa gestione dei primi sia.... la loro alienazione più o meno mascherata e per i secondi la loro eliminazione: ossia tutto come prima perchè quelli che dovevano essere sciolti, non lo sono stati: immaginarsi quindi se ci si riuscirà ora che vuole sciogliere il CNEL ossia un organo costituzionalmente rilevante dove c'è il meglio dei riciclo della politica e del sindacato... puri sogni ma però a conti fatti fanno circa 2 mld (ipotetici) in tre anni
  3. Autoblu e micromisure. Vendita delle prime, anche il Presidente del Consiglio ne parla, e abolizione delle seconde come il CNEL  che secondo lui ancdrebbe abolito... ma c'è un piccolo problema: il suindicato organo è un organo avente rilievo costituzionale e quindi, oltre ad essere un organo di parcheggio di politica, economia e sindacato, la vedo dura.
oraa veniamo alla televendita. Dice:
  1. Cuneo fiscale. “Tra le misure previste, la relazione approvata ha individuato in 10 miliardi di euro le risorse per consentire l’aumento della detrazione Irpef in busta paga ai lavoratori dipendenti sotto i 25 mila euro di reddito lordi, circa 10 milioni di persone, dal 1 maggio prossimo, per un ammontare di circa 1000 euro netti annui a persona. Gli atti tecnici e legislativi verranno approvati nelle prossime settimane”.... ricordate le fatidiche domande: con quale copertura? Chi pagaherà? Da dove li prenderà? Quali spese saranno tagliate? Se non ci sono soldi delle due l'una: o finora hanno detto balle o intende uscire dall'euro e svalutare la new moneta (ma come sappiamo non è grillino).... dal primo maggio finiranno “1000 euro netti all’anno a chi guadagna meno di 1500 euro al mese“. Un taglio al cuneo fiscale che riguarderà “10 milioni di italiani che prenderanno 10 miliardi di euro: 80 euro netti in busta paga. Il limite su cui noi ci attestiamo sono 25mila euro lordi, circa 1.500 euro netti. I destinatari del nostro intervento non sono solo i ceti meno abbienti, ma anche un po’ di ceto medio”.. come sopra: da dove li prende i soldi? Dice che si aspetta risparmi per 32 mld per il ... 2015: come? Ma se Cottarelli sostiene per il 2016, qualcosa non va.. vero?
  2. Irap che sarà ridotta del 10%: “Si finanzierà con l’aumento della tassazione sulle rendite dal 20 al 26% (2,6 miliardi)” ma – assicura il presidente del Consiglio – non saranno toccati i titoli di Stato. “La stragrande maggioranza degli imprenditori – aggiunge – dicono ‘fai benissimo’ a mettere i soldi in tasca dei lavoratori. Ma noi ci occupiamo dei costi delle imprese, dal primo maggio i costi Inail saranno di 1 miliardo in meno, una legge del governo precedente ma che noi attuiamo”.. ok questa è una cosa di sinistra, bravo, ma...... pensa che gli speculatori rimangano lì ad aspettare di pagare di più? No, perchè: o lo scaricano sui loro clienti o.. vanno via. Quindi? Perchè non colpisce le dark pool ossia quei luoghi grigi dov banche e agenzie di rating spostano abbastanza soldi da far fallire interi stati? Trilioni di $ ed euri che vengono e vanno in questa zona attraverso derivati e CDS senza alcuna regolamentazione efficace: qui si deve colpire davvero e se qualcuno fa il furbo o la galera o a spazare per le strade come lavoro, finalmente, socialmente utile... quei 2,6 mld di euro sono virtuali!
  3. crediti alle imprese, scuola, casa e imprese. Sblocco ”immediato e totale dei debiti della P.a.: 22 miliardi già pagati e 68 miliardi che pagheremo entro luglio” (il cdm ha dato l’ok ad un ddl che sarà seguito da un decreto); 500 milioni di euro in più per il fondo di garanzia per le Pmi per la lotta al credit crunch, “vero o presunto che sia e che ha già garantito 10 miliardi di accesso al credito: una misura che le aziende sanno essere rilevante”; sulla scuola “abbiamo alimentato a 3,5 miliardi il plafond a cui attingere per Comuni, Province per le scuole e chi vuole attingere lo farà con procedure semplificate. E l’unità di missione sarà attiva a Palazzo Chigi e lavorerà in collaborazione con il Miur”; sui fondi europei “tutte le volte diciamo ‘ce lo chiede l’Europa’ e mettiamo una serie di vincoli: l’Europa ci chiede di spendere bene i soldi che abbiamo bloccato e che investiremo da subito: 3 miliardi di fondi europei”; sulla casa il governo ha approvato un decreto con un piano casa che avrà un impatto di 1,7 miliardi; sul Terzo settore dal primo giugno ci saranno 500 milioni di fondo per le imprese sociali, per chi vuole creare imprese sociali. E’ una misura che caratterizza questo governo, sono grato a chi dal terzo settore me lo ha suggerito, il terzo settore che poi è il primo e va incoraggiato”; sulla ricerca il Governo prevede un “aumento del credito di imposta per i ricercatori. L’obiettivo, da qui al 2018, è creare 100mila posti di lavoro. Il tutto per 600 milioni”; sul costo dell’energia “un taglio per le Pmi pari a 14 miliardi di euro verrà ridotto del 10% attraverso la rimodulazione del paniere della bolletta energetica”... cosa dire, parla da solo.....
  4. Lavoro, contratto a termine: il limite innalzato da uno a tre anni. Questa è la sola cosa che realmente farà: questo gli chiedono davvero e questa è la cambiale da pagare..... doseta er nulla di sinistra ma molto di destra liberista.
    sono previsti un decreto legge
    ed un disegno di legge per il lavoro: “Il ddl è una delega per riorganizzare l’intero sistema e sarà il Parlamento a discuterne”. Tra i punti contenuti nel decreto, il prolungamento da uno a tre anni della durata massima del contratto a termine, “applicabile senza causale per un massimo del 20% sul totale dei lavoratori”. Renzi ha parlato di un allargamento della “Garanzia giovani alla fascia 18-29 anni”. Il programma Ue (18-24 anni) nasce per garantire ai giovani entro 4 mesi dal termine degli studi o dalla disoccupazione una opportunità di lavoro o di proseguimento degli studi.
  5. Le imprese, quelle virtuose pagheranno “un miliardo in meno in premi Inail”, ha aggiunto Poletti spiegando che “noi premiamo chi merita di essere premiato, non chi è in morosità. Ci sono dei criteri chi è dentro avrà riduzione”.
  6. la riforma degli ammortizzatori sociali. Altra cambiale da pagare sulla pelle dei lavoratori.... Nel ddl delega sul lavoro si andrà verso l’esaurimento della cig in deroga perché “pensiamo più correttamente ad uno strumento universale per tutti i disoccupati, in cui recupereremo Aspi e mini Aspi”. Sussidio che sarà “graduato in ragione del tempo in cui la persona ha lavorato”. Nel ddl delega sul lavoro “si mantengono la cig ordinaria e straordinaria”, introducendo però un “meccanismo premiante, cioè abbassiamo il contributo di tutti ma chi la usa tanto pagherà di più”. Mentre la cassaintegrazione in deroga “deve sparire”.
  7. Le riforme istituzionali. “Ho illustrato ai ministri un testo di riforma del Senato – ha detto il capo del governo – un ddl costituzione che daremo a forze politiche e sociali. Diamo 15 giorni e poi si porta in Parlamento”. Renzi definisce la trasformazione dell’assemblea di Palazzo Madama in camera delle autonomie un “punto centrale”: “Il Senato non voterà mai più la fiducia al governo, mai più la legge di Stabilità. Oggi la legge elettorale sarebbe già approvata”.
  8. Italicus (o troiaium come l'ha definita Andrea Scanzi)? “La legge elettorale ha molti limiti – dice il presidente del Consiglio – ma non ci saranno mai più larghe intese e chi vince governa 5 anni. 
Dice: E’ una rivoluzione impressionante, c’è un cambio strutturale”. In generale, assicura Renzi, “non si è mai visto un percorso di riforme così corposo e significativo. Se non riesco a superare il bicameralismo perfetto considero chiusa non l’esperienza del Governo ma la mia esperienza politica. Non ho paura a rischiare me stesso”.
A me pare che una volta tanto hanno ragione i critici, anche di destra, perchè ..... semplicmente mancano le coperture. Il fare funziona con le vacche grasse e non quando siamo con le pezze al sedere come ora e con gli usurai alla porta che bussano dicendoci che dobbiamo risparmiare per ripagarli e rispettare i loro diktat: infatti la UE ci dice che "dobbiamo rispettare quanto deciso" punto e basta.... a meno di non voler dire bye bye europa, allora si che si ragiona: ma se fosse così glielo faranno fare? Il primo,e  forse unico, guardiano sull'alto Colle del desiderata UE glielo farà fare? Ho molti dubbi.. e voi?
Come sempre.. buon week end
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore