venerdì 23 maggio 2014

qualche riflessione sulla campagna elettorale

Siamo praticamente in silenzio elettorale.. di una campagna elettorale pessima, urlata, offensiva oserei dire violenta, non solo verbalmente, dove al posto dei temi che contano davvero si sono usati argomenti "altri" che poco c'entrano con i problemi enormi che abbiamo di fronte.... soprattutto non si è discusso del tema principale: davvero conta il voto di questi tempi o ha ragione Van Rompuy quando dice che qualunque sia l'esito delle urne il processo di integrazione forzata e liberista andrà avanti come da programma stabilito dagli eurocrati?
Detto ciò io ho fatto la mia parte: noto solo che, come sempre, è facile per il potere e i suoi lacchè prendersela non con il proprio contraltare diretto ma con qualche avventore.... una signora è stata denunciata per calunnia per aver rivolto un epiteto, usatissimo sul blog di Grillo, al segretario del pd: non se la sono presa con il blog ma con una sconosciuta e ciò la dice lunga su chi abbiamo di fronte e sul perchè non è più tempo di dividersi secondo ideologie, ma secondo idee ..... si; il pd e il sistema - nel sistema ci metto anche Tsipras (non tanto per le persone che la sostengono, molte le conosco o ne conosco la storia.... tutte DEGNISSIME E SOPRATTUTTO ONESTE NON SOLO INTELLETUALMENTE) che è il paravento  dietro il quale ci si sono ficcati tanti personaggi ormai obsoleti, riciclati, amici dei padroni delle ferriere (..) ecc. tutta gente che altrove non da ora sarebbero stati mandati mandati in pensione....  con il minimo sindacale - di cui fa parte hanno del paese un idea che è molto simile, tragicamente simile direi, a quella che era la visione di fine '800 del mondo: ci sono i "migliori" e gli altri.
Io nasco altrove; in quell'"altro" .... ho esperienze giovanili di sinsitra, anche importanti (ma questo non conta, non sono medaglie da esibire) e vengo dal mondo sindacale: sono stato parte di un mondo che ormai non esiste più e che non ha nemmeno più motivo di esistere: è obsoleto non tanto per la forza delle idee, validissime (ancora oggi K. Marx nel mondo è il pensatore più letto e ciò qualcosa significa) quanto per la sfida che abbiamo di fronte a noi nei prossimi anni: un divoratore di mondi. Un sistema finanziario e politico, suo servo, potente che non ragiona in termini di democrazia, trasparenza.... ma di profitti e di velocità di trasformazione dei soldi in profitti: costi quel costi.
Di fronte a una sfida del genere non ci si può certo permettere di essere troppo schizzinosi: non possiamo andare troppo per il sottile perchè questo sistema non va per nulla troppo per il sottile, anzi: non esita per un secondo a usare mezzi legali e illegali per riaffermare la propria supremazia elitaria sulle società ... pensate davvero che quello che accade ai confini russo-ucraini sia solo una questione "locale" (a proposito che ci fanno mercenari italiani lì? Non è che se ne ammazzano uno gli diamo anche la medaglia?)? Pensate davvero che il colpo di stato in thailandia o le perenne guerra nel corno d'africa sia un fatto locale? Spero di no, naturalmente........
Qui il punto non è chi alza la mano pulita per dire: io sono migliore di voi e vi voto contro, perchè se ne fregano altamente ben sapendo che quel voto vale quanto il due di picche all'oggi, perchè non sarà mai maggioranza! Qui ci vuole lo stesso sistema che usano loro: l'elettroshock (qui copio l'idea da shock economy di Naomi Klein) da fargli. La scossa economica e politica; l'opposizione dura; l'alternativa reale e concreta .. un altro mondo possibile.... non pensiate che le idee della'ttuale opposizione, M5S, siano così "socialiste", anzi.. sono liberiste estreme ma allo stesso momento sono oneste nel senso sono idee che prevedono regolatori automatici, e pubblici, che impediscano l'emarginazione di enormi fette della società cui vengono dati 80 euri (in realtà 71,10 fino a dicembre... l'anno prossimo si vedrà; non sempre c'è la rivalutazione delle quote di bankitalia da sfruttare, forse un condono?) basta che o si astengano o non votino per l'opposizione, fa lo stesso.
Com'è possibile che paesi marginali come la polonia e l'ungheria, fuori dal sistema euro, crescano a ritmi buoni e noi (decima potenza mondiale .. al netto del pil apportato dalle mafie, poi saremo i primi immagino) arranchiamo e ci vedaimo sfuggire i migliori cervelli all'estero?
Com'è possibile che si diventi capi di qualcosa solo perchè qualcuno ha deciso, senza chiederci il permesso, che dobbiamo essere dentro per intero e non, come hanno fatto fior di paesi come Danimarca, Svezia, Norvegia, nel semplice Spazio economico? Pensate davvero che ce ne faranno uscire con una pacca sulle spalle e un sorriso? No, naturalmente..... ci spolperanno anche l'osso; poi forse ci lasceranno andare: ecco perchè ci vuol un elettroshock!
Pensate, in questa giornata di riflessione, che: questi non hanno paura del voto ma della gente che lo esprime perchè per loro significa che non credono più al ricatto dello spread, in atto, come non credono più agli 80 (71,10) euri, alle promesse fatte sostenendo che togliendo a chi ha un lavoro qualche garanzia si permette a suo figlio di ... trovare un lavoro precario e una pensione che nemmeno nel V° mondo si può definire tale; come non credono più al "si deve andare in pensione dopo per favorire l'economia e la crescita"... TUTTE BALLE l'unica cosa reale è che questi prendono soldi nostri, e al netto delle loro ruberie e delle clientele, e li tasferiscono ai propri burattinai: sotto varia forma naturalmente: F35 (di cui non abbiamo bisogno); TAV (che usa solo il 16% della cittadinanza ferroviaria mentre il costo lo sostengono tutti); sistemi d'arma (come per gli aerei non servono a nulla); ecc. tutti soldi in uscita  senz'alcun rientro sociale nè, tantomeno, economico...
Pensateci: anzichè andare al mare fate un salto al seggio e prima di esprimere il vostro voto chiudete gli occhi nel ricapitolare i "momenti" di gloria che abbiamo vissuto dal 1996 a oggi: i cambi di governo pd/pdl (senz'alcun cambio di linea); i monti (e le fornero); i letta; e ora i ...... i quali ultimi (come novello Giove che uccide il proprio padre crono) elmina il predecessore e ne prende il posto senza che nessuno batta ciglio, chissà perché, vero?
Vale ancor la pena di votarli? Il gioco vale ancora la candela? Siete ancora disposti a farvi mangiare il vostro stipendio o la vostra casa (ipertassata)?
Buona riflessione e per una volta nella vostra vita, se proprio non potete fare a meno della vostra puzza sotto al naso, tappatevelo, il naso, e non votate....... per il Blair de noantri, almeno questo.
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore