martedì 17 giugno 2008

Il Governo: come la grappa, SEMPRE PIU' IN ALTO!

Per l'alleanza di destra è un momento d'oro, perchè dal 1994 non è mai andata così in alto nel gradimento delle persone (a detta dei sondaggi), nelle intenzioni di voto, e nelle votazioni: una prova ulteriore l'ennesimo sondaggio pubblicato su Affaritaliani (nonostante: decreto salva rete4, ora le intercettazioni che si vuole proibire e che a Milano potrebbero, ancora una volta, metterlo in difficoltà seria, e, dulcis in fundo, decreto blocca processi e riedizione del lodo schifani sulla base dei rilievi della Corte Costituzionale che già una volta li bocciò), ma nonostante tutto vola alto nelle preferenze ,e gli ostracismi dei suoi alleati che stavolta non vogliono, se non facendosi dare contropartite pesanti in termini politici, creare i prodromi (come nel 2001 quando leggi ad personam ne sfornavano una al mese, ora ci si mette anche la mossa che nel decreto, di cui sopra, che passa all'approvazione del Parlamento dove ci si inserisce l'ulteriore norma salva Capo senza concerto con il Presidente della Repubblica che ne aveva firmato uno e se ne ritrova un'altro, tipicamente italiano) della propria prossima sconfitta elettorale. Insomma la formula funziona benissimo e frotte di voti in uscita "dall'amico/clone" PD arrivano copiosi e fanno ben sperare per il futuro (e non gli posso dare torto agli elettori del PD: perchè votare un clone, non lo votano no, se a disposizione c'è l'originale? E quelli che non si sono sentiti coinvolti semplicemente si astengono dal recarsi a votare) partendo naturalmente dal presupposto che, guai giudiziari a parte, la gente li segua. E, appunto, non vengono delusi dato che questo Governo "FA" le cose: dopo i soldati (bella mossa, un tantino autoritaria ma bella mossa), e le discariche ora tocca alla parte economica: "robinhood" tax e provvedimenti come quello che appena il prezzo della benzina sale scattano a calmierarne, dice, l'effetto; peccato però perchè anche se le lobby sono anche disposte a sborsare qualcosa ciò non toglie che a pagare il prezzo finale saremo comunque noi (è facile dire a costoro sborsa dei soldi con i profitti che fanno ma è anche facile per le lobby scaricare sull'utente finale lo stesso costo; stesso discorso vale anche per banche, assicurazioni ecc.). E che dire della class action? Come da volere della Confindustria la class action è stata "sospesa" (si sa che in Italia una legge non è valida se non c'è il regolamento attuativo) perchè inappliccabile: la stessa cosa detta dagli industriali. Naturalmente non si parla di "abrogare" ma di "migliorare" e sappiamo che quando si parla di migliorare spesso significa depotenziare se non eliminare nelle parti scomode: ma questa maggioranza ha il consenso degli italiani e quindi può dormire fra due guanciali e fare quello che vuole: ma il paese realmente è d'accordo? se avesse vinto il PD qualcuno pensa che avrebbero fatto diversamente? No la ricetta è questa ed è sempre la stessa. Un piccolo info: i soldi che l'attuale governo utilizzerà per fare e seguire la sua linea fra le altre cose saranno presi dalle pensioni di invalidità: è vero che molti ci hanno marciato, e ci marciano ancora, ma di invalidi veri ce ne sono eccome e potete scommetterci che ci andranno anche questi di mezzo perdendo in certi casi l'unica fonte di sostentamento che hanno, se questo non è cinismo .......
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore