giovedì 7 aprile 2011

L'Aquila, due anni dopo.....

L'Aquila due anni dopo. Ad oggi cosa ha fatto che si erge a governo del fare (a parte stabilire che la ricosrtuzione finisse nel 2035)? Il centro storico é sempre lì, intonso con tutte le sue macerie con tutte le sue tonnellate mentre dei 16000 edifici danneggiati più o meno gravemente dei quali quelli restaurati o ricostruiti sono in numero prossimo allo zero; la ricostruzione é ancora di là da venire; le attività commerciali che hanno ripreso a lavorare sono 5 (leggasi 5) su 1500; 2400 operai sono in cassa integrazione; 800 partite iva sono ancora chiuse; Nel resto della Regione tutti i paesini limitrofi stanno, se possibile, anche peggio perché a seconda delle decisioni prese allora hanno un barlume di speranza che qualche soldo arrivi per ora sono ancora lì... a pezzi; i morti non hanno avuto ancora giustizia, e mai ne avranno. L'unica cosa che é stata davvero fatta la dobbiamo alla Magistratura che sta perseguendo la cricca che s'era attivata pochi minuti dopo per accaparrarsi i soldi che sarebbero arrivati: ha scoperchiato il vaso pandoriano e sta indagando, processando, giudicando e rimane quindi l'unico aspetto positivo di questa tragedia nazionale. Bene ha fatto il Presidente della Repubblica ad andare lì a testimoniare la vicinanza degli italiani perché gli aquilani non si sentissero soli: é un atto importante di rottura rispetto alla cappa di piombo che é calata su quel post terremoto da parte dei media, di famiglia o controllati più o meno direttamente, per far dimenticare il fallimento della ricostruzione e trasmettere solo le comparsate fatte e le tante promesse fatte, ma non mantenute, per strappare voti e la scena e dare l'impressione di essere pronti ad aiutare: invece oltre alle comprasate mediatiche di sostanza ce n'é stata ben poca e ieri ne abbiamo avuta la prova provata con l'assenza del resto delle istituzini. Se volevamo avere una fotografia del momento del paese ce l'abbiamo a L'Aquila: macerie, gente disperata, soldi zero, tanta aria fritta, molti affari per la zona grigia degli squali che sono accorsi. Prendetene atto: siamo l'Abruzzo, anche senza il terremoto.... se ci liberiamo del sistema venuto su dal '92 una speranza ce l'avremo, in caso contrario, bé guardate i filmati di quel terremoto e fatevene un idea della nostra realtà attuale!!!!
Posta un commento

test velocità

Test ADSL Con il nostro tool potrete misurare subito e gratuitamente la velocità del vostro collegamento internet e ADSL. (c) speedtest-italy.com - Test ADSL

Il Bloggatore